Piet van Liere, FlevoTrade:

"Le cipolle olandesi non hanno mai avuto prezzi così alti a inizio stagione"

Il mercato delle cipolle di quest'anno non sembra fermarsi mai. "Non avrei mai pensato che le cipolle potessero raggiungere questi prezzi all'inizio della stagione. I prezzi erano alle stelle già nella vendita sul campo", afferma Piet van Liere della FlevoTrade. Ma, secondo questo esportatore olandese, i prezzi alti presentano un risvolto negativo. "I costi sono aumentati lungo tutta la catena ma, alla fine, sono i Paesi più poveri a pagarne il conto".

"Ci sono costi aggiuntivi lungo tutta la filiera, dalla coltivazione al trasporto, alla trasformazione e alle spedizioni marittime. La guerra e l'aumento dei prezzi del gas e dell'elettricità hanno improvvisamente causato un forte aumento dei costi. Inoltre, nel trasporto marittimo, c'è una concorrenza inaspettata da parte dell'industria della carne e del pollo, disposta a pagare di più per i noli".

"Finora, le destinazioni finali hanno accettato questi prezzi elevati. Ma più le persone dovranno spendere per il cibo, più ci saranno quelle che ne subiranno le conseguenze. Pertanto, è fondamentale che tutto rimanga accessibile. Puoi giustificare qualsiasi aumento dei costi, ma non puoi continuare ad aumentare i prezzi se gli utenti finali non possono permetterseli", continua Piet.

Più le cipolle olandesi sono costose, maggiore è la concorrenza
Piet pensa che la lotta per gua dagnare con i sacchi di cipolla non finirà mai. "C’è ancora molto commercio giornaliero di cipolle. E i nostri clienti sono spesso anche le persone più povere del mondo. Quindi, dobbiamo tenere d'occhio i nostri prezzi, perché la concorrenza è in agguato. Più si acquista, più ci sono concorrenti. Un Paese come il Marocco che solitamente non è mai stato un concorrente in Africa, ora sta colmando questo suo gap perché i prezzi per l'esportazione sono interessanti".

"L'Africa sta iniziando a coltivare più cipolle, ma spesso non ha il know-how e qualsiasi cosa può causare il fallimento dei raccolti. Inoltre, a causa della sua crescita demografica, l'Africa deve importare enormi quantità di cibo. La nostra garanzia di fornire cibo sicuro e sostenibile può avere un ruolo fondamentale in questo. Se smettessimo di coltivare cipolle, l'Africa avrebbe bisogno di aiuto", spiega Piet.

Attività elitaria
Van Liere è ottimista sulla coltivazione delle cipolle nei Paesi Bassi. "Le cipolle rimarranno una coltura importante in questo Paese. Ne sono convinto. Possiamo coltivare prodotti salutari impattando al minimo su suolo, substrato e clima. Forniamo le nostre cipolle a molti Paesi. E la coltivazione delle cipolle sta diventando sempre più un’attività elitaria".

"C'è una disponibilità limitata di agrofarmaci e una forte pressione di malattie e nematodi. Anche i coltivatori olandesi stanno subendo gli effetti del cambiamento climatico. Tuttavia, se l’anno prossimo avremo 30.000 ettari - che non credo sia del tutto impossibile - e otterremo una resa media di 60 tonnellate, non sapremo cosa fare di tutte queste cipolle", afferma Van Liere.

Piet vede le maggiori opportunità di crescita per gli esportatori olandesi intorno all'equatore. "Di recente, Il clima è stato più estremo in quelle zone. Ma non è detto che ce ne sia bisogno, a volte quelle aree hanno annate con buone rese. Anche le decisioni geopolitiche influiscono molto. Se un gigante dell'export come l'India chiude i suoi confini, come è successo in questi ultimi due anni, è una grande occasione per gli esportatori olandesi. Ci sono indubbiamente delle opportunità nella seconda parte della stagione", ammette Piet.

"Tuttavia, un mercato costoso è sempre rischioso. Nel 2018 - un altro anno con carenze di mercato - altri colossi della produzione come Cina e Stati Uniti hanno avuto buone rese. Bisognerà vedere se succederà di nuovo. D'altra parte, altri Paesi sono sempre pronti durante la seconda parte della stagione. Un Paese come l'Egitto potrebbe seminare più cipolle proprio per rispondere a una carenza".

Nuova struttura di stoccaggio
La FlevoTrade continua a svilupparsi. All'inizio di quest'anno, l'azienda ha acquistato un altro edificio per immagazzinare da 15.000 a 20.000 tonnellate di prodotti. Inoltre, ha acquistato una nuova macchina da taglio Tolsma-Grisnich. "Teniamo d'occhio anche gli sviluppi relativi alla selezione ottica. È difficile trovare personale, quindi dobbiamo considerare tutti i tipi di soluzioni che ci consentano un minore fabbisogno di manodopera", spiega Piet.

Le cipolle sono di gran lunga il prodotto più importante della FlevoTrade, sebbene il suo assortimento si sia notevolmente ampliato negli ultimi anni. Questa azienda olandese esporta anche patatine fritte, maionese, pollo, riso e sardine a clienti in mercati come l'Africa e l'America centrale.

"Questi prodotti sono una buona integrazione della gamma e abbiamo richieste per tutto l'anno. Forniamo questi prodotti non solo agli acquirenti di cipolle, ma anche ad altri che ancora non sono nostri clienti. Le vendite di questi prodotti sono diminuite durante la pandemia, in parte a causa della mancanza di turismo, ma ora questo mercato si sta riattivando".

Questo esportatore di cipolle ha compiuto 60 anni un paio di settimane fa. Tuttavia, non sta ancora pensando di ritirarsi. "Me ne sento 50 e mi diverto ancora troppo. Ho tre bellissime figlie. Dovrebbero fare quello che vogliono, ma se saranno interessate, ci sarà sempre spazio per loro nell’azienda. Inoltre, forniamo il nostro personale perché FlevoTrade sia pronta per il futuro, Per ora, il commercio di cipolle non si sbarazzerà di me", conclude Piet.

Per maggiori informazioni:
Piet van Liere
FlevoTrade Dronten
15-17 Staalwijk
8251 JP, Dronten - Paesi Bassi
Tel: +31 (0) 321 387 170
Email: info@flevotrade.nl  
Web: www.flevotrade.nl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto