Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Miguel Barber (Pomelos MBC): "In Spagna la superficie dedicata all'agrume sta crescendo troppo in fretta"

Prezzi più alti e stabili per il pompelmo spagnolo a causa di un'offerta più bassa

La campagna spagnola dei pompelmi ha preso il via a metà ottobre, in ritardo rispetto al solito e con una produzione inferiore, cosa che ha portato a prezzi più alti e più stabili rispetto alla scorsa stagione.

Secondo i dati del Ministero dell'Agricoltura, della Pesca e dell'Alimentazione (MAPA), il raccolto di pompelmi potrebbe raggiungere le 75.394 tonnellate. Si tratta del 13,7% in meno rispetto alla scorsa stagione e anche del raccolto più basso delle ultime tre stagioni, dopo i due record consecutivi di produzione delle due campagne precedenti.

"Molti ritengono che ci sia ancora meno frutta di quella stimata ufficialmente - afferma Miguel Barber, direttore di Pomelos MBC, specializzata nella produzione e commercializzazione di pompelmi durante tutto l'anno, con un volume che supera i 16.000 tonnellate - Abbiamo iniziato la raccolta nella settimana 42, in ritardo rispetto al solito e in coincidenza con un ritiro più prematuro delle scorte dall'emisfero meridionale, che ha portato a un'anticipazione della domanda di pompelmo spagnolo da parte delle catene europee".

Miguel Barber ha ricordato che la produzione è in calo in tutti i Paesi produttori dell'arco mediterraneo, come Israele e Turchia, "dove la flessione del raccolto è stato molto evidente. Inoltre non stiamo notando la presenza del pompelmo messicano, che tende a sovrapporsi a quello sudafricano e di solito è un nostro concorrente all'inizio della stagione". Non si prevedono nemmeno volumi elevati dalla Florida, dove le produzioni sono state colpite dall'uragano Ian. "A causa di questa situazione stiamo spedendo più volumi in Francia, che di solito importa molto dalla Florida".

A causa della siccità estiva predominano i piccoli calibri, "il che è strano in un anno con meno frutta disponibile". Tuttavia, data la minore offerta, i prezzi sono più alti rispetto all'inizio della stagione precedente e stanno resistendo, contribuendo a compensare l'aumento dei costi di produzione. Con prezzi più alti non possiamo aspettarci che la domanda salga alle stelle. Anzi, sarebbe bene che questo equilibrio si mantenesse per tutta la stagione.

Secondo i dati del MAPA, le superfici agrumicole che sono cresciute di più quest'anno sono quelle dedicate al limone e al pompelmo, che sono aumentate di oltre il 10%, soprattutto in Andalusia e nella Regione di Murcia. "Il motivo per cui la superficie dedicata al pompelmo sta crescendo così tanto è che, al momento, è l'agrume più redditizio di tutti. Tuttavia, la crescita è troppo rapida, dal momento che si prevede un aumento dell'85% nella produzione spagnola di pompelmi entro il 2025. Stiamo parlando di un prodotto di nicchia che da qualche anno gode di livelli di consumo molto stabili".

Per maggiori informazioni:
Miguel Barber
Pomelos MBC
Avinguda de l’Estatut, 5 . P. I. Les Vinyes
46711 Miramar, Valencia. Spagna
+34 962 81 91 08
info@pomelosmbc.com
www.pomelosmbc.es


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto