Avocado: le alternative e le nuove origini sono sempre più importanti

Sfide logistiche, condizioni meteo impreviste, mercati competitivi. "Gli alti e bassi dell'avocado sembrano sempre un po' più estremi", esordisce Arjan Verhagen della Halls. Questo fornitore di avocado si rifornisce sempre più da tutto il mondo.


Foto Halls

Halls ha filiali in Sudafrica, Regno Unito, Francia, Paesi Bassi, Spagna, Germania e Cina. Pertanto può definirsi un operatore globale. Questo produttore e fornitore di frutti tropicali è specializzato in avocado. "Negli anni '90, Halls è stata la prima azienda a fornire avocado ready-to-eat nel Regno Unito. Il gruppo ora ha cinque uffici, quattro dei quali in Europa, e continua a espandersi".

Sfide logistiche
Arjan afferma che, negli ultimi anni, è stato piantato in tutto il mondo un gran numero di alberi di avocado. "Tuttavia per garantire una distribuzione e una continuità dell'approvvigionamento ancora migliori, stiamo lavorando su origini alternative e nuove". All'inizio di ottobre, la Halls ha ricevuto l'ultima fornitura di avocado sudafricani in Kenya. "È stata una stagione abbastanza normale. Ci sono, e ci sono state sfide logistiche per due anni. A volte ci vogliono fino a 28 giorni, invece che 21, prima che arrivi un container".

In Sudafrica, Halls RSA lavora da molti anni con diversi coltivatori regolari e ha una propria produzione. Il Paese dipende ancora fortemente dal mercato europeo ma, nei prossimi anni, è probabile che ottenga l'accesso al mercato cinese e ad altri mercati asiatici. In Sudafrica, la Halls acquista avocado coltivati su oltre 1.500 ettari, principalmente di varietà verdi come Pinkerton, Fuerte, Ryan e altre. Tuttavia, le nuove piantagioni sono quasi tutte della varietà Hass.

La disponibilità di acqua è una delle principali preoccupazioni
"In Sudafrica la produzione inizia a marzo a Louis Trichard, nell'estremo nord-est del Paese, nella provincia di Limpopo. Seguono Nelspruit e i dintorni nella provincia di Mpumalanga. La stagione termina a ottobre nelle zone di produzione di Kranskop, nel sud-est della provincia di KwaZulu-Natal", spiega il direttore commerciale Henk Stolk.

Henk dice che, nei prossimi anni, il Capo Occidentale svolgerà un ruolo sempre più importante nelle forniture di ottobre e novembre. "Il clima di ogni regione sta cambiando, da pioggia e vento a gelo, grandine e caldo. Anche la disponibilità di acqua è una delle principali preoccupazioni. Le autorità locali di regolamentazione monitorano rigorosamente il nostro utilizzo, e noi facciamo tutto il possibile per rispettare tutte le normative. Vogliamo essere in prima linea anche in questo".

Inoltre, quest’inverno, la Halls sta ampliando ulteriormente la sua offerta per il Mediterraneo, dove lavora esclusivamente con i produttori che soddisfano gli standard della Responsible Sourced Network. "Lì abbiamo un'area di approvvigionamento di circa 40.000 ettari, con produzioni principalmente in Spagna, Portogallo, Marocco, Grecia, Turchia, Italia e Israele. E questa superficie continua a crescere. Nei prossimi anni, dovremmo ottenere più avocado dal Portogallo dove la superficie è ora di circa 3.000 ettari, ma senza dubbio aumenterà", continua Henk.

Gli avocado brasiliani si stanno rivelando una preziosa aggiunta estiva. La Halls ha trascorso anni a sviluppare la fornitura da questo Paese. Il clima del Brasile è adatto alla coltivazione dell'avocado e c'è molta attenzione alla maturazione dei frutti. Inoltre, i frutti possono essere spediti dal Brasile all'Europa entro 15 giorni. Pertanto, nei prossimi anni, il Brasile diventerà un importante 'fornitore estivo' per tutte le sedi europee della Halls. Secondo Henk, gli avocado brasiliani hanno un aspetto e un sapore simili a quelli europei.

Aspettativa del mercato
Cosa riserveranno i prossimi mesi? Arjan si aspetta che il Cile mandi più fornitura in questa stagione rispetto all'anno scorso, ma la campagna dovrebbe essere leggermente più breve. Inoltre, Israele ha avuto un clima sfavorevole.

"Rimane un equilibrio tra domanda e offerta, con la domanda attualmente un po' deludente. Tuttavia, tutto può cambiare in un attimo. L'inflazione renderà i consumatori più cauti? Forse. Non è ancora così. Tutto ciò che possiamo fare è aspettare e vedere", conclude Arjan.

Per maggiori informazioni:
Arjan Verhagen
Halls
Tel: +31 (0) 174 791 043
Email: arjan@hallsbv.nl 
Web: www.halls.co.za


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto