Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

"Visto che è il nostro prodotto autoctono, sarebbe davvero bello se lo rappresentassimo"

Nuovo organismo australiano per la pianificazione dell'industria globale dei finger lime

Un coltivatore australiano di finger lime sta cercando di istituire il primo organismo di settore per questo frutto, prima in Australia, poi coinvolgendo produttori internazionali per acquisire le conoscenze necessarie per la coltivazione di questo agrume autoctono.

Jade King, proprietaria della Green Valley Fingerlimes, si è recata di recente in Europa e ha scoperto che ci sono alcune lacune nel marketing e nello sviluppo di questo frutto e che, se tutti collaboreranno, potrebbero trarne grandi benefici.

"Tutti ne trarranno vantaggio dall’ampliamento della conoscenza e della commerciabilità dei finger lime", ha affermato King. "A questo punto, penso che sia un imperativo in Australia. Al momento, all'estero il prodotto viene già coltivato in grandi quantità. Considerato che è un prodotto autoctono, sarebbe davvero positivo se lo rappresentassimo e lo proponessimo tutti insieme e cominciassimo a fare alcune ricerche dettagliate in giro per il mondo. In questo ho ricevuto un grande supporto e, grazie a una copertura mediatica, in molti mi hanno chiamato per dirmi che erano pronti a impegnarsi in questo progetto. Non c’è ancora nulla al momento, a parte queste persone, quindi sto cercando di metterle insieme e di adempiere agli aspetti tecnici, come la costituzione dell’organismo. Spero che una volta che sarà attivo, potremo iniziare ad avere incontri e condividere informazioni su idee da perseguire, soprattutto ottenendo il contributo di tutti e anche di alcuni enti del settore commerciale che ci sostengono".

Durante l'estate dell'emisfero boreale, la coltivatrice australiana ha visitato i coltivatori in Italia, Francia e Spagna e ha scoperto che il loro settore emergente sta vivendo problemi molto simili a quelli dell'Australia per quanto riguarda varietà, disponibilità e conoscenza agronomica.

"È stato piuttosto interessante anche se, in alcune aree, sono stati cauti nel condividere le informazioni e protettivi nei confronti del loro prodotto", ha continuato King. "Ma c'erano anche alcuni coltivatori desiderosi di condividere i loro problemi e le loro difficoltà. Tutti hanno avuto gli stessi problemi di marketing e sono un po' indietro rispetto all'Australia in questo ambito, poiché è ancora un prodotto poco diffuso. Hanno poche varietà, che non sono propriamente rappresentative del finger lime, non hanno le perle (all'interno), mantenendo maggiormente il tradizionale stile agrumato. Il fatto che siano sul mercato e vengano venduti come finger lime, non credo sia molto positivo per il settore. Ma in Europa la domanda è piuttosto elitaria, e solo i ristoranti di fascia alta hanno il prodotto al momento, ma la produzione è in aumento. Sono più o meno nella fase in cui eravamo noi circa 10 anni fa, quando non troppe persone lo conoscevano, quando era un po' una sfida, ma anche promuovere un frutto, che non avevano visto e di cui non avevano sentito parlare, in una lingua diversa era complicato".

King si recherà in visita in Guatemala e sta pianificando un viaggio a Los Angeles per visitare una delle più grandi aziende di finger lime del mondo, con oltre 15.000 alberi, e conoscere gli ultimi sviluppi della ricerca sul finger lime. Questa azienda è grande all'incirca tre delle grandi aziende australiane e la nazione centroamericana produce tutto l'anno, su diverse altitudini.

"I finger lime vengono coltivati in ogni Stato dell'Australia e crescono in ogni regione", ha affermato King. "Quindi, sono versatili, ovviamente più produttivi di altri, ma vedere il loro sviluppo è piuttosto stimolante. Sarà illuminante vedere come gli altri Paesi stanno gestendo le diverse situazioni e se possiamo farlo anche qui".

Dato che si tratta di una stagione di crescita umida alla Green Valley Fingerlimes, vicino alla Sunshine Coast del Queensland, a nord di Brisbane, negli ultimi mesi, King ha riferito che c'è stata una certa diminuzione nel raccolto ma, dal punto di vista della produzione, sembra sarà una stagione molto positiva, non solo per la sua azienda, ma anche per gli altri produttori, a partire da dicembre.

King chiede, a chiunque a livello globale sia coinvolto nella produzione dei finger lime e sia interessato a saperne di più sull'organismo di settore, di contattarla al numero sottostante.

Per maggiori informazioni
Jade King
Green Valley Fingerlimes
+61 405 125 791
GVAgriculture@gmail.com 
www.greenvalleyfingerlimes.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto