Amir Porat, Gezer Shluhot:

"L’anno più difficile per l'industria israeliana delle carote"

Una valuta locale forte, quasi nessuna possibilità di esportare in Europa, la guerra che ha colpito il mercato d’esportazione della Russia e i forti aumenti dei costi di spedizione e input: tutto questo ha contribuito all'anno più difficile per l'industria israeliana delle carote.

"In generale, le esportazioni agricole hanno sofferto in tutto il mondo, ma quando hai merci come carote e patate, le difficoltà sono anche maggiori, a causa dei margini ridotti", dice Amir Porat, amministratore delegato della Gezer Shluhot, azienda di coltivazione ed esportazione di carote biologiche e convenzionali nata nel 1949 e considerata pioniera in questo settore, in Israele.


Foto di Amir Porat

"Lo Shekel è troppo forte. Tutto ciò che viene esportato, dall'alta alla bassa tecnologia ne risente. Nell’ambito delle merci deperibili, più sono prodotti di base più è difficile. Nell'industria delle carote stiamo operando con margini minimi. La valuta locale è troppo forte per noi. Abbiamo avuto anche un anno di riposo dei campi, non potendo piantare o coltivare come un anno normale. Ciò ha influenzato il mercato locale, che è sceso del 20-25%, dal momento che il mercato israeliano ha dovuto importare da altre origini. Il mercato locale ha subito delle ripercussioni e tutti i costi sono aumentati vertiginosamente".

"Ora coltivare costa tra il 25 e il 30% all'anno in più, come accade ai coltivatori di tutto il mondo, ma è drammatico che tutto si svolga nell’arco di un anno. Dal punto di vista della logistica, i costi sono ancora più elevati poiché, ad esempio, la scorsa stagione un container negli Stati Uniti costava 3.000 dollari, ora è salito tra 10.000 e 12.000 dollari", spiega Porat.


Amir Porat, amministratore delegato della Gezer Shluhot

Porat afferma che Israele ha esportato circa 80.000 tonnellate di carote. La sua azienda, Gezer Shluhot, con sede nella valle di Bet Shean, nel nord di Israele, ha esportato circa 24.000 tonnellate di carote, soprattutto in Russia. Esportano anche in Europa e negli Stati Uniti e sono conosciuti per le loro carote dolci e di alta qualità, coltivate nei terreni pesanti della regione a nord di Israele. "Ogni spedizione è risultata diversa e ha presentato molte sfide, mentre il mercato è stato generalmente sfavorevole".

"In Europa, nei nostri mercati d’esportazione, ci sono state rese elevate e probabilmente si è registrata una stagione record. Infatti, non hanno avuto bisogno di importare molto. Pertanto ci è rimasto il mercato russo che, non ce l'aspettavamo, ha assorbito il 50% delle nostre esportazioni. La stagione è ormai alle spalle, alla fine siamo riusciti a esportare i volumi previsti. Ogni settimana è stato difficile capire le nuove restrizioni e quali sarebbero state le regole future. Ci sono stati molti cambiamenti nelle linee di navigazione, clienti con ordinativi annullati, e altre complicazioni. Abbiamo anche temuto che, in alcuni casi, fosse a rischio il trasferimento di denaro. Alla fine, poiché si tratta di cibo, abbiamo continuato a esportare nei mercati russo e ucraino. Non ci siamo fermati, abbiamo esportato a tutti coloro che avevano bisogno di cibo e, anche se in un contesto di grande incertezza, ce l’abbiamo fatta", afferma Porat.

"A giugno e luglio il mercato russo, che di solito si rafforza, quest'anno si è indebolito. La stagione domestica in Bielorussia e Russia è iniziata a metà luglio. Nel complesso, è stata una stagione estremamente impegnativa. Per noi ha rappresentato la tempesta perfetta. Alla fine siamo riusciti ad esportare quasi il 100% dei nostri volumi programmati. Per tutta la stagione, abbiamo dovuto continuare ad essere flessibili e ci siamo dovuti adattare. Ciò ha comportato grandi sforzi e buona volontà da parte nostra e dei nostri clienti per sostenerci a vicenda, e non solo in merito ai profitti. Abbiamo il supporto dei nostri clienti da molti anni. È un compromesso fra entrambe le parti che a volte ha riguardato prezzi e dimensioni. I nostri clienti ci supportano e noi li sosteniamo. Il rapporto con i nostri clienti è la nostra priorità e facciamo tutto il possibile per garantire loro la migliore qualità possibile. E continueremo così", spiega Porat.

I prezzi delle carote biologiche preoccupano
"Le carote biologiche hanno avuto un pessimo mercato. Manteniamo il biologico nel nostro portafoglio ma stiamo cercando di ridurlo drasticamente. I suoi costi di coltivazione sono aumentati del 25% di costi, mentre il mercato non può pagare di più. In Germania, il mercato leader per le carote biologiche, mandiamo la migliore qualità, ma non è abbastanza per un mercato difficile come quello. Siamo andati personalmente a incontrare i nostri clienti, ma è molto triste quando vedi numeri e capisci che il biologico non funziona. Terremo d’occhio le opportunità del mercato, ma non possiamo fornire in perdita. È un peccato perché da molti anni abbiamo sviluppato le conoscenze per coltivare prodotti biologici di alta qualità. Purtroppo abbiamo dovuto ridurre la nostra produzione ogni anno. Ci concentreremo soprattutto sulle carote convenzionali, viola, gialle o bianche".

Porat afferma di cogliere anche enormi opportunità nelle baby carote di qualità premium ready-to-eat, che l’azienda fornisce a una catena di fast food globale leader in Israele, e alle scuole. "Le baby carote sono una varietà completamente diversa. Sono più lunghe, più dolci e croccanti e possono essere tagliate a pezzi e trasformate per essere vendute nel segmento del ready-to-eat. Sono molto difficili da produrre, ma è un prodotto in crescita nella nostra azienda. Vogliamo esportarlo in tutti i mercati della zona".

Per maggiori informazioni:
Amir Porat
Gezer Shluhot
Tel: +972 52 545 0781
Email: amir@shluhot.com 
Web: www.gezershluhot.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto