Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Michael Weber (VariCom Ltd) sul posizionamento del marchio della varietà club:

"La pera Fred è il fiore all'occhiello sugli scaffali"

Dal lancio del marchio nel 2018, la pera rossa 'Fred' della VariCom ha rapidamente guadagnato terreno. Questa pera club svizzera viene ora coltivata in tutte le classiche regioni di produzione delle pere dell'Europa occidentale, che si tratti di Francia, Svizzera, Italia, Paesi Bassi o Belgio - e il volume del raccolto aumenterà nei prossimi anni. Abbiamo parlato con Michael Weber, amministratore delegato della VariCom Ltd e e principale artefice del marchio di successo, del posizionamento dello stesso nel punto vendita e del potenziale di marketing di questa pera.

In qualità di project manager sin dall'inizio, Weber è stato fortemente coinvolto nel lancio della pera club dal 2015. Grazie al lavoro di successo dell'istituto di breeding svizzero Agroscope, la pera fa già parte dell'assortimento di molte catene di distribuzione nei rispettivi Paesi di coltivazione. "La pera Fred è, per così dire, un fiore all'occhiello sugli scaffali di oggi. Questo perché, rispetto al mercato delle mele, sempre pronto all'innovazione, le pere club sono comunque limitate, e la maggior parte delle varietà commerciali è disponibile da tempo immemorabile".

Sebbene la pera Fred venga lanciata come marchio uniforme, vengono considerate anche le differenze tra i singoli mercati di vendita. Previa consultazione con la rispettiva catena di distribuzione, il concept viene adattato alle singole richieste.

Secondo Weber, ciò si riflette anche nella base dei consumatori: "Sulla base di analisi di mercato dettagliate condotte nel corso di diversi anni, abbiamo riscontrato che la pera è molto apprezzata dalla generazione più anziana. Per quanto riguarda il futuro, i consumatori più giovani hanno riscontrato che il frutto è generalmente complicato, proprio perché quando raggiunge un certo grado di maturazione diventa troppo molle. Ciò che però contraddistingue la pera Fred è che, anche a maturazione edibile, rimane croccante e succosa, senza perdere il classico sapore di pera".

Le caratteristiche uniche del prodotto, apprezzate dai consumatori, hanno già portato al successo del lancio del Clubbirne Fred. Weber afferma: "Siamo sulla strada giusta e, con nostra grande soddisfazione, finora siamo riusciti ad attirare nuovi acquirenti, soprattutto quelli più giovani".

Parallelamente al previsto aumento dei volumi nei suddetti Paesi di coltivazione, si sta ulteriormente sviluppando anche la commercializzazione di questa pera. "La combinazione unica di colori rappresenta per il consumatore un importante valore di riconoscimento da non sottovalutare, un aspetto a cui abbiamo prestato particolare attenzione anche in fase di progettazione del nuovo logo. Il prossimo passo saranno le degustazioni in loco, ovvero presso i punti vendita, dove vogliamo anche informare sui problemi specifici della coltivazione, come problemi causati da calore e parassiti".


Kris Jans, Manager Divisie Fruit BelOrta, parla con il coltivatore Fred Hugo Cuvelier della valutazione dei calibri dei frutti prima dell'inizio della raccolta.

La resa totale aumenterà di 7.500 tonnellate entro il 2025
All'inizio della nuova stagione, Weber si è confrontato con diversi coltivatori di frutti precoci di Belgio, Francia e nella Pianura Padana, sulle prospettive del raccolto di quest'anno. "Le persone sono generalmente soddisfatte dell'uniformità e dell'omogeneità dei frutti, nonché della resa abbondante e precoce". Le previsioni attuali indicano che quest'anno verranno raccolte circa 200 tonnellate in Svizzera, 150 tonnellate ciascuna nei Paesi del Benelux e in Francia, e circa 35 tonnellate in Italia. Weber afferma: "Abbiamo buone speranze che entro il 2025 saremo in grado di commercializzare un totale di 7.500 tonnellate provenienti dai raccolti europei".

Infine, Weber sottolinea anche l'interesse di altri Paesi: "In Catalogna, la classica regione spagnola di coltivazione delle pomacee, così come in Austria, esistono già da diversi anni piante di prova su piccola scala. La pera è già in fase di sperimentazione nella coltivazione nell'emisfero australe, come Sudafrica e Cile. In questi Paesi avremo le prime rese a partire dal 2025".

Immagini: © 2022 VariCom

Per maggiori informazioni:
Michael Weber
VariCom GmbH
c/o Agroscope 
Müller-Thurgau-Str. 29
8820 Wädenswil, Svizzera
+41 (0) 58 460 61 96
mweber@varicom.ch
www.varicom.ch


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto