Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

L'Ungheria prevede il raccolto di mele più scarso dell'ultimo decennio

I coltivatori di mele ungheresi stanno lottando per la sopravvivenza, a causa degli effetti dannosi del cambiamento climatico e degli eventi meteo avversi. Il prossimo raccolto di mele dovrebbe essere il più limitato dell'ultimo decennio. Le stime preliminari mostrano che sarà compreso al massimo tra 300mila e 350mila tonnellate e potrebbe anche scendere del 50% rispetto alle 520mila tonnellate dell'anno scorso.

Péter Kelemen, amministratore delegato della FruitVeB, Organizzazione interprofessionale per l'ortofrutta e Consiglio per i prodotti dell’Ungheria, ha lanciato l'avvertimento durante l'Apple Professional Forum, tenutosi nei giorni scorsi nella città di Újfehértó (Ungheria). Rivolgendosi all'industria melicola, ha parlato delle cause, delle possibili soluzioni e degli approcci per ridurre tale impatto.

"Se la situazione commerciale rimarrà quella attuale, temo che tra qualche anno molti coltivatori abbandoneranno le loro attività. L'ultima volta che abbiamo avuto un raccolto altrettanto scarso è stato a causa dei drastici danni causati dal gelo nel 2007 (214mila ton) e poi nel 2011 (300mila ton). Verranno probabilmente raccolte tra le 100mila e le 120mila tonnellate di mele fresche, che potrebbero essere appena sufficienti per il consumo domestico. Tuttavia, con solo 170-190mila per il concentrato di succo di mela, ci sarà un'enorme carenza e sarà una grande sfida".

Spiegando l'effetto del meteo sui meli, Kelemen afferma che sono in gioco molteplici fattori. "Negli ultimi 90 giorni, dal 20 maggio ad oggi, sono mancati circa 130-150 mm di pioggia nelle principali aree di coltivazione delle mele. Questo ha un effetto negativo sul raccolto, causando un grave problema di cascola di frutti pre-raccolta. Le mele risultano di calibri inferiori, specialmente nei frutteti non irrigui, che mettono in pericolo la piantagione. C’è stata una fioritura scarsa in molti frutteti, con qualche gelata notturna. Ciò mette anche in discussione la fattibilità a lungo termine della coltivazione delle mele".

Alcune delle soluzioni disponibili per i coltivatori di mele sono molto costose. "Esistono due tipi di produzione, una per il mercato del fresco, con frutteti più high tech, per quelle aziende che vogliono rimanere in attività e hanno bisogno di sviluppare un'alta densità con misure di protezione dal gelo e reti antigrandine. Questo è l'unico modo per coltivare mele al giorno d'oggi ma è un tipo di coltivazione che richiede molti investimenti. Stimiamo che un ettaro costerà tra i 60.000 e i 70.000 euro".

"L’alternativa è coltivare mele per l'industria di trasformazione. Una soluzione molto difficile a causa dei prezzi più bassi e della difficoltà di sviluppare profitti. Un consiglio: l'unico modo per coltivare mele per la produzione di concentrato di succo di mela è avere un frutteto dedicato a questo, avendo una coltivazione completamente meccanizzata. Così facendo, un produttore potrebbe ridurre i costi a un livello tale da consentirgli di mantenere un certo margine rispetto ai costi. Nonostante abbiano frutteti molto efficienti, grazie alla meccanizzazione, possono comunque subire danni derivanti dalle gelate primaverili. Questo è un grande problema", spiega Kelemen.

"Se il prodotto commerciale rimane com'è oggi, temo che tra qualche anno molti coltivatori saranno costretti ad abbandonare le loro attività. In ogni stagione si verifica un evento meteo avverso a cui far fronte, che sia il gelo primaverile, il caldo eccessivo o precipitazioni eccezionali. Ogni stagione ha un problema meteo cui dobbiamo far fronte. Questi eventi climatici presentano i maggiori rischi per l'agricoltore. L'unico modo per ridurre il rischio è investire nella tecnologia come strumento di protezione. Tuttavia, questo è possibile solo per la frutta destinata al consumo fresco. Se si coltiva per il settore della trasformazione è ancora più impegnativo ed è necessaria una buona soluzione. Non è solo un problema per i coltivatori di mele in Ungheria, ma riguarda i coltivatori di tutta Europa", conclude Kelemen.

Per maggiori informazioni:
Péter Kelemen
FruitVeB
Tel: +36 30 336 4775
Email: ugyvezeto@fruitveb.hu 
Web: www.fruitveb.hu


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto