Si registra un incremento delle colture, soprattutto per quelli a grappolo e datterino

In questa campagna il pomodoro recupererà la superficie persa ad Almeria

Secondo COAG Almería, nella prossima stagione la superficie coltivata a pomodoro in Almeria (Spagna) potrebbe aumentare fino a 1.000 ettari rispetto alla campagna 2021/22, raggiungendo i 9.500 ettari.

Questa ripresa della superficie dedicata al pomodoro è dovuta principalmente ai buoni prezzi ottenuti dagli agricoltori nella scorsa stagione, e al fatto che si prevede una minore concorrenza da parte dei prodotti dell'Europa centrale, dovuta all'aumento dei prezzi dell'energia. Il recupero della superficie che il pomodoro aveva perso nella provincia negli ultimi anni potrebbe avvenire a scapito di altre colture, come le zucchine.

"Quest'anno abbiamo notato che un gran numero di agricoltori di Almeria che non avevano optato per il pomodoro nelle campagne precedenti ha deciso di scegliere nuovamente questa produzione. Si sta riconquistando il terreno perduto. L'aumento esatto della superficie lo conosceremo solo più avanti, ma sappiamo approssimativamente come si muoverà questa coltura in questa campagna 2022/23 - ha dichiarato il segretario provinciale dell'organizzazione agraria, Andres Gongora - Siamo consapevoli dell'aumento dei raccolti, soprattutto dei pomodori a grappolo e datterino, che sono i più richiesti per l'esportazione".

"In inverno i nostri concorrenti europei si trovano in Europa centrale e producono pomodori nelle loro aziende agricole utilizzando energia per riscaldare le loro serre high-tech. I prezzi dell'energia sono aumentati così tanto che la loro coltivazione non è più redditizia. Ad Almeria, invece, le temperature sono buone e non abbiamo bisogno di un ulteriore dispendio di energia. Abbiamo il sole", ha detto.

Anche se è ancora troppo presto per azzardare cifre specifiche per la prossima campagna, COAG afferma che c'è molta richiesta di pomodori con l'arrivo dell'inverno. "Sappiamo già che i Paesi Bassi, ad esempio, avranno una produzione inferiore".

Il Marocco è un altro grande concorrente del pomodoro di Almeria. Negli ultimi anni questo Paese è diventato un grande esportatore di questa coltura verso l'Unione europea, ma nell'ultima campagna le sue esportazioni di pomodori verso l'Europa sono diminuite del 4%. "Abbiamo rilevato che ora le sue vendite si concentrano sul Regno Unito, soprattutto dopo la sua uscita dall'Ue", ha dichiarato il segretario generale di COAG.

Fonte: diariodealmeria.es 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto