Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Focus sul mercato mondiale del peperone

Attualmente il mercato globale dei peperoni è molto variegato, a seconda del luogo. Nel Nord Europa è stato tranquillo, soprattutto in Germania, mentre i coltivatori dei Paesi Bassi e del Belgio hanno dovuto affrontare perdite dovute a problemi di coltivazione: una situazione che è stata aggravata dai prezzi bassi. In Polonia, invece, sia la domanda che i prezzi sono in aumento e alcuni coltivatori hanno esaurito le scorte. Nel frattempo, nel sud del continente la situazione è leggermente migliore per la maggior parte dei produttori, con una ripresa dei prezzi in Italia e prezzi soddisfacenti per i coltivatori in Spagna, che quest'anno si sono orientati maggiormente verso la coltivazione di peperoni tipo California. Anche nel continente nordamericano le quotazioni sono alte, forse anche troppo, in quanto stanno avendo un impatto sugli impegni presi a prezzi più bassi e maggiore disponibilità.

Paesi Bassi e Belgio: mercati caratterizzati da problemi di coltivazione e prezzi bassi
Rispetto ad altri ortaggi di serra, quest'anno il prezzo dei peperoni resta indietro. Quella che si prevedeva come una stagione discreta si è rivelata difficile.

I coltivatori olandesi e belgi devono affrontare problemi di afidi e alcuni coltivatori hanno problemi a livello radicale. La causa di ciò non è ancora chiara. Ci sono produttori che hanno dovuto interrompere la coltivazione a causa dei problemi colturali. Durante la stagione si sono trovati persino costretti a passare a un'altra coltura.

Uno sguardo ai prezzi mostra che nelle ultime settimane quelli dei peperoni sono stati inferiori alla media quinquennale. La situazione è cambiata solo due settimane fa e la quotazione è salita al di sopra di tale media. Una ripresa dei prezzi in linea con quella degli ultimi due anni, quando il prezzo dei peperoni ha raggiunto il massimo nella settimana 33, per poi calare leggermente.

Nelle ultime settimane, i peperoni gialli sono stati i più pagati nelle aste fiamminghe, oltre a quelli arancioni, spesso con volumi più bassi ma con prezzi più alti. I peperoni rossi sono stati al di sotto dei livelli di prezzo dei gialli per diverse settimane. Per i peperoni verdi, l'asta olandese ha mostrato una tendenza al rialzo all'inizio della scorsa settimana, in linea con il picco di prezzo raggiunto lo scorso anno.

Le ultime settimane di vacanze estive sono state calde e soleggiate. Tuttavia, i prezzi dell'energia vengono tenuti sotto stretta osservazione. Il prezzo del gas, ad esempio, ha superato i 200 euro per megawattora e anche i prezzi dell'elettricità hanno raggiunto livelli record. Ci si aspetta che i coltivatori, soprattutto quelli che non si sono assicurati contratti per il gas a prezzi più bassi, possano decidere di interrompere la coltivazione in anticipo. Inoltre, se i prezzi dell'energia non cambieranno presto (e non è previsto), i coltivatori pianteranno più tardi, coltiveranno colture più efficienti dal punto di vista energetico e quindi entreranno in produzione più tardi nella prossima stagione.

In mezzo a tutti gli straordinari sviluppi della crisi, il mese scorso c'è stato uno sviluppo positivo per gli esportatori di peperoni in Nord America. Il tasso di cambio euro-dollaro è a un livello tale che le esportazioni verso il Nord America sono attualmente più favorevoli di quanto non lo siano state per molto tempo. Inoltre, pare che i costi di trasporto aereo siano diminuiti notevolmente. Tuttavia, i volumi destinati al Nord America sono ridotti. Molti peperoni rimangono più vicini a casa, con la Germania come principale mercato estero. Lì il prodotto olandese è dominante nei mercati all'ingrosso, integrato da quello belga.

Bisognerà aspettare per vedere quando i primi peperoni d'importazione torneranno sugli scaffali. Oltre a dare uno sguardo ai prezzi dell'energia, analizzeremo principalmente il mercato spagnolo.

Germania: un mercato dei peperoni tranquillo
In Germania i peperoni di origine olandese hanno dominato questa stagione, mentre quelli belgi hanno integrato il mercato. Solo quantità limitate sono arrivate dalla Turchia, mentre i peperoni polacchi hanno completato la gamma di prodotti con quantità molto ridotte; i peperoni nazionali hanno prezzi che arrivano fino a 4,30 euro/kg nella Germania meridionale. Nel complesso, le vendite sono state relativamente tranquille nelle ultime settimane.

In generale, la domanda ha potuto essere soddisfatta senza difficoltà. Inoltre, i prezzi di tutte le varietà hanno mostrato una tendenza al rialzo. Le varietà gialle sono state generalmente le più costose, mentre quelle rosse hanno spesso mantenuto un prezzo moderato.

Polonia: aumento della domanda di peperoni
La scorsa settimana la domanda di peperoni è stata enorme in Polonia rispetto al resto della stagione, sia a livello nazionale che sul mercato d'esportazione. Ciò ha portato a un aumento dei prezzi, ma sia i consumatori che i coltivatori sembrano essere soddisfatti della situazione attuale. Nel complesso sono ancora disponibili buone quantità, ma questa settimana alcuni esportatori hanno registrato un tale aumento della domanda da aver esaurito completamente le scorte.

Francia: bassa produzione, mercato lento
In Francia il mercato dei peperoni è piuttosto complicato a causa della mancanza di produzione. Questa carenza è dovuta al caldo, che ha avuto effetti significativi anche su molti altri ortaggi. A causa di questa mancanza di prodotto, i coltivatori si aspettavano una domanda elevata rispetto all'offerta, ma non è stato così. Il mercato procede a rilento a causa della mancanza di consumo.

Italia: prezzi dei peperoni in ripresa
Il mercato dei peperoni in Italia sta conoscendo una ripresa dei prezzi. Per ora, su scala nazionale, i mercati assorbono prodotto italiano anche se si nota la presenza di peperoni olandesi, pari al 10%.

Un grossista di un importante centro agroalimentare del nord d’Italia afferma che, dopo alcune settimane di mercato poco recettivo, dal 16 agosto in avanti vi è stata ripresa della richiesta. I peperoni lunghi, gialli o rossi, coltivati in Italia e lavorati in cassette monostrato, hanno raggiunto i 2,60 euro/kg con una media di 2,30 euro /kg. Più basse le quotazioni per i peperoni quadrati provenienti dai Paesi Bassi: sia gialli che rossi sono stati pagati all’ingrosso attorno a 1,80 euro/kg.

Una menzione a parte meritano i "friggitelli", tipici peperoni coltivati nel sud d’Italia, ma venduti in tutta Italia: i prezzi si sono attestati fra 2 e 2,50 euro/kg.

In Campania, la domanda supera l'offerta. Buona la richiesta e le quotazioni, che a parità di periodo dello scorso anno, risultano essere nettamente superiori.

Spagna: la popolarità dei peperoni tipo California è in aumento
La stagione dei peperoni è ormai nella sua ultima fase a Murcia, dove i prezzi sono stati accettabili per i coltivatori, con valori superiori a 1 euro al chilo. La stagione si sta concludendo con circa 2-3 settimane di anticipo a Murcia a causa del divieto del Ministero dell'Agricoltura spagnolo di utilizzare l'1,3-dicloropropene, comunemente usato per disinfettare il terreno. In sostituzione di questo trattamento, i coltivatori utilizzano il metodo della biosolarizzazione, che li costringe a terminare la stagione prima e ad avere tempo sufficiente per trattare il terreno. I coltivatori di peperoni trovano scandaloso questo regolamento, poiché viene applicato solo alla loro coltura, mentre i coltivatori di tabacco possono continuare a utilizzarlo. Poiché Almería non ha ancora iniziato la raccolta, c'è un vuoto di produzione che sta facendo aumentare i prezzi, soprattutto per i peperoni lunghi della varietà Lamuyo.

Durante l'intera campagna i prezzi dei peperoni lunghi Lamuyo sono stati superiori del 10-15% rispetto a quelli più corti California, più comunemente richiesti nei mercati di esportazione dell'Europa centrale e settentrionale. Ciò è dovuto al fatto che la superficie coltivata a peperoni di tipo California è aumentata di circa il 30% in Murcia, guadagnando terreno nei confronti del tipo Lamuyo. Spinti dalla buona domanda europea e dalle maggiori percentuali di unità di prima categoria che i peperoni California offrono, i coltivatori hanno trovato questa varietà più interessante. Inoltre, le aziende sementiere hanno investito molto di più nelle nuove varietà di peperoni California che in quelle di Lamuyo, tradizionalmente consumate in Spagna, Italia e Portogallo.

Tuttavia, il consumo di peperoni California in Spagna è in aumento da quando i grandi rivenditori come Mercadona, tra gli altri, hanno introdotto nei loro scaffali confezioni di peperoni tricolori, con dimensioni maggiori rispetto ad altri mercati europei. Ora, alla fine della stagione murciana, la differenza di prezzo tra questi due tipi di peperone è enorme, poiché ad Almeria la raccolta non è ancora iniziata.

Cina: prezzo elevato dei peperoni
Alcune zone di produzione in Cina sono caratterizzate da una carenza di offerta che sta facendo salire i prezzi sul mercato. I prezzi sono saliti a 3,8-4 yuan (0,55-0,58 euro) per jin (0,5 kg), un livello quasi doppio per i peperoni verdi rispetto ai livelli di questo periodo dell'anno scorso. Il caldo attuale in Cina rende difficile anche la raccolta.

Nord America: prezzi elevati e scarsa disponibilità mettono sotto pressione il mercato
Nel Nord America le forniture di peperoni sono state buone, anche se alcune regioni stanno incontrando più difficoltà di altre. Per uno spedizioniere, la sfida consiste nel coltivare i peperoni a Coahuila, in Messico, dove negli ultimi anni ha aumentato annualmente le superfici per soddisfare la forte domanda estiva.

Allo stesso tempo, però, ci sono altri Stati che producono, tra cui il Michigan, il New Jersey e gli Stati del Sud-Est, come la Georgia e le Caroline. "Nel sud-est, il clima può essere un po' un problema a settembre. E in genere in questo momento ci sono molti affari locali che nascono durante l'estate", dice lo spedizioniere. A ovest, anche la California sta producendo in questo momento. È in corso anche la produzione in serra di peperoni.

L'esperto fa notare che la maggior parte delle aree nazionali ha avuto mesi estivi caldi e che questo sta causando una riduzione delle forniture e potrebbe influire anche sulla qualità.

"Tuttavia, la domanda di peperoni è stata buona. I peperoni in generale sono uno dei cinque prodotti più venduti nei negozi di alimentari, quindi dal punto di vista della domanda c'è sempre una buona richiesta", afferma.

I prezzi dei peperoni verdi sono rimasti relativamente stabili e si aggirano intorno ai 20 dollari, il che, secondo lo spedizioniere, non è inusuale in questo periodo dell'anno. "Ma questo dipende dal clima dell'estate - e negli Stati Uniti è stato incostante - la maggior parte del prodotto di grandi dimensioni sta ottenendo 18-20 dollari in questo momento".

Tuttavia, i peperoni rossi hanno superato i 30 dollari dall'inizio dell'estate. "Con i problemi climatici e di qualità, il prezzo non si è mosso: è rimasto a 34 dollari per mesi ed è inaudito andare avanti così a lungo a questo prezzo", afferma. I mercati dell'anno scorso rispetto a quest'anno erano di 10-12 dollari contro i 34 attuali. Questo danneggia gli impegni presi con i clienti su un prezzo normale e poi non c'è neanche la disponibilità". Finora è stata un'estate molto frustrante e impegnativa".

In prospettiva, si prevede che la produzione si sposterà all'inizio di novembre, quando inizieranno i programmi invernali. "Quando la stagione comincerà a concludersi e arriveremo a fine settembre e inizi di ottobre, l'offerta comincerà a restringersi e lo spostamento verso le regioni di coltivazione occidentali comincerà a farsi più marcato", dice lo spedizioniere. 

Messico: completa certezza sulla possibilità di espandere mercati e volumi
Il Messico è di gran lunga il maggior esportatore di peperoni del pianeta. Secondo le statistiche, nel 2020 il Paese ha fornito ai diversi mercati del mondo 1.138.288 tonnellate di peperoncini, peperoni piccanti e peperoni (verdi), concentrando il 28,4% del volume totale di peperoni scambiati sul mercato globale.

Negli ultimi anni l'industria di questo ortaggio ha sperimentato un notevole boom in Nord America grazie all'aumento della domanda da parte del suo principale cliente, gli Stati Uniti, e allo sviluppo dell'agricoltura protetta, che ha permesso non solo una maggiore efficienza e controllo della produzione, ma anche la possibilità di offrire un prodotto fresco e di qualità durante tutto l'anno; attualmente, infatti, quasi il 50% della produzione del paese è realizzata in agricoltura protetta. In particolare, secondo i dati condivisi dall'USDA, le importazioni dal Messico hanno rappresentato il 77% del volume totale di verdure fresche importate dal mercato statunitense nel 2020.

Nonostante le sue dimensioni, i risultati più recenti mostrano che il settore dei peperoni in Messico ha ancora un interessante margine di crescita. Nel periodo da gennaio a novembre 2021 il valore delle esportazioni di peperoni freschi ha registrato una nuova crescita su base annua del 5,4%, per un totale di 1,366 miliardi di dollari.

"Siamo assolutamente certi che sia possibile espandere i mercati e i volumi. Dobbiamo tenere presente che, a causa della vicinanza, le aziende agroindustriali del Messico guardano sempre al nord, che è il nostro mercato naturale, ma stiamo iniziando a volgere lo sguardo verso altri luoghi, poiché siamo pienamente consapevoli che ci sono ottime opportunità per commercializzare i nostri prodotti in altri mercati, dato che la qualità del peperone e del peperoncino messicano è fuori discussione", spiega un importante produttore ed esportatore di peperoni che opera a Jalisco.

"Esempi interessanti sono il Regno Unito, che dopo l'uscita dall'Ue si trova in un buon momento per aprire il mercato a causa delle difficoltà generate dalla Brexit nel commercio con il resto dell'Ue, che era il suo principale fornitore di prodotti alimentari freschi; e anche mercati più lontani come gli Emirati Arabi Uniti, il Qatar, ecc... sono mercati che siamo sicuri che prima o poi saranno destinazioni regolari per i nostri prodotti".

Tuttavia, gli Stati Uniti sono destinati a continuare a essere il cliente principale e più grande del paese. La relazione commerciale del settore ortofrutticolo messicano con gli Stati Uniti si è fortemente consolidata dopo decenni di stretta attività bilaterale e di crescita comune, anche se l'industria ha vissuto una situazione agrodolce nel 2021, quando diversi suoi prodotti di esportazione sono stati identificati e indagati dall'USITC per il loro possibile effetto sulla produzione nazionale.

"Siamo fiduciosi che non ci saranno problemi in questo senso. Sia gli Stati Uniti che il Canada hanno un deficit di approvvigionamento di alcuni prodotti, come nel caso del peperone, che è coperto dal produttore messicano, e noi, come produttori messicani, siamo soggetti a regolamentazioni attraverso certificazioni, che garantiscono la qualità e la sicurezza del prodotto".

"In tutti e tre i Paesi lavoriamo con le stesse regole e copriamo il fabbisogno di ogni paese che non può essere coperto con la produzione interna. La vendita dei nostri prodotti non influisce sui nostri colleghi produttori americani o canadesi, poiché copriamo una domanda che loro non possono soddisfare con la loro attuale produzione".


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto