Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Cresce l'importanza della Turchia come fornitore

I Paesi dell'Europa sud-orientale importano sempre più frutta e verdura fresca

Diversi Paesi della regione sud-orientale dell'Europa importano sempre maggiori quantità di frutta e verdura fresca. Questi sono Paesi sia Ue che extra-Ue, dalla Repubblica Ceca nel nord-ovest alla Bulgaria nel sud-est. La Grecia e l'Ucraina non rientrano nell'analisi di Fruit&Vegetable Facts.

Lo scorso anno, la Romania è risultato il principale importatore di frutta e verdura fresca dell'area analizzata, con 1,23 milioni di tonnellate. Le importazioni rumene di frutta e verdura continuano ogni anno ad aumentare. Questo non è il caso della Repubblica Ceca. Nell'ultimo anno, il Paese ha importato 1,11 milioni di tonnellate di frutta e verdura fresca. Dal picco nel 2015 e nel 2016 di 1,25 milioni di tonnellate, le importazioni sono diminuite ogni anno. Dopo questi due Paesi, sono diversi quelli che importano sempre più frutta e verdura fresca: Bulgaria (0,63 milioni di tonnellate nel 2021), Slovacchia (0,53), Ungheria (0,45), Slovenia (0,40), Serbia (0,40) e Croazia (0,37).

Poi ci sono alcuni Paesi che importano modeste quantità di frutta e verdura fresca, pur registrando una crescita, vale a dire Moldova (0,12 milioni di tonnellate), Macedonia del Nord (0,10) e Albania (0,08). La Bosnia importa circa 0,25 milioni di tonnellate, ma le sue importazioni non aumentano. Lo stesso vale per il più piccolo importatore, il Montenegro.

Molti piccoli Paesi
La Romania è di gran lunga il Paese più popoloso, con quasi 20 milioni di abitanti. Segue la Repubblica Ceca con poco meno di 11 milioni, l'Ungheria ne ha quasi 10 milioni e Serbia e Bulgaria circa 7 milioni. Ci sono anche 5,5 milioni di slovacchi, 4 milioni di croati e 3,3 milioni di bosniaci. Albania, Moldova, Slovenia e Macedonia settentrionale contano tra 2 e 3 milioni di abitanti. Il Montenegro è il meno popoloso, con 0,6 milioni di abitanti. Il Kosovo ha una popolazione di poco meno di 2 milioni, ma i dati a riguardo sono limitati perché il Kosovo non è riconosciuto da molti Paesi.

Solo Serbia e Moldavia esportano quantità significative
Oltre a importare frutta e verdura fresca, i Paesi dell'Europa sud-orientale le esportano ma, in generale, le quantità esportate sono inferiori a quelle importate. Solo la Moldova e la Macedonia del Nord esportano più ortofrutta di quella che importano. Tra i Paesi di questa regione, la Serbia è il principale esportatore di frutta e verdura fresca, con una quantità di 0,35 milioni di tonnellate nel 2021. In precedenza, esportava oltre 0,4 milioni di tonnellate. Segue la Moldova con oltre 0,3 milioni di tonnellate. La Macedonia del Nord rappresenta poco meno di 0,3 milioni di tonnellate all'anno. Segue la Slovenia con 0,25 milioni e l'Ungheria con 0,2 milioni. Gli altri Paesi esportano ancora meno.

La Romania ha una grande produzione di ortaggi
La Romania è un produttore piuttosto importante di frutta e verdura. La produzione di ortaggi, esclusi quelli destinati all’industria, ammonta a quasi 2 milioni di tonnellate. I prodotti più importanti sono i cavoli e i pomodori per il mercato del fresco. Seguono cipolle, peperoni e carote. L'Ungheria produce annualmente, esclusi gli ortaggi per l’industria, quasi 1,2 milioni di tonnellate. Le quantità degli ortaggi non nominati sono comunque importanti. I piselli, i peperoni e le carote sono i prodotti orticoli più importanti. La produzione vegetale albanese è di circa 0,7 milioni di tonnellate. Cetrioli, cipolle e peperoni sono quelli principali. La produzione serba di ortaggi è di circa 650.000 tonnellate, con cavoli, peperoni e pomodori, destinati al mercato del fresco, come prodotti principali. Il raccolto bulgaro di ortaggi supera le 400.000 tonnellate, e i pomodori sono i prodotti più importanti per il mercato del fresco. La produzione della Repubblica Ceca è relativamente modesta, con 260mila tonnellate. Cipolle, carote e cavoli sono i prodotti più importanti della Repubblica Ceca.

Romania e Serbia producono molta frutta
I principali produttori di frutta (esclusa quella destinata all’industria) della regione europea sud-orientale sono la Romania con oltre 2 milioni di tonnellate e la Serbia con oltre 1 milione di tonnellate. In Romania si coltivano principalmente mele e angurie, in Serbia soprattutto mele. Moldova, Ungheria e Albania producono da 500 a 600mila tonnellate di frutta. La Moldova coltiva principalmente mele, così come l'Ungheria che però produce anche molte angurie. Quest'ultimo prodotto è particolarmente importante in Albania, sebbene in questo Paese la coltivazione degli agrumi occupi un posto di rilievo. Gli agrumi sono popolari anche in Croazia. I Paesi Bassi esportano principalmente nella Repubblica Ceca, ma si osserva una crescita in altre nazioni. La Repubblica Ceca è il mercato di vendita più importante dell'Europa sudorientale sia per i Paesi Bassi che per il Belgio. L'anno scorso, i Paesi Bassi hanno esportato nella Repubblica Ceca un totale di 236mila tonnellate di frutta e verdura fresca, incluse le riesportazioni, in calo rispetto al 2018 e 2019. Lo scorso anno, le esportazioni belghe verso la Repubblica Ceca, con oltre 100mila tonnellate, sono state inferiori rispetto agli anni precedenti, quando ammontavano a circa 140mila tonnellate.

I Paesi Bassi (ri)esportano ogni anno in Romania circa 150mila tonnellate di frutta e verdura fresca. L'anno scorso sono risultate in calo rispetto al 2020, dopo anni di crescita costante. L'Ungheria e la Slovacchia producono dalle 50 alle 60.000 tonnellate all'anno da/attraverso i Paesi Bassi. L'anno scorso, i Paesi Bassi hanno esportato 38.000 tonnellate in Croazia, 25.000 tonnellate in Serbia, 20.000 tonnellate in Bulgaria e 16.000 tonnellate in Slovenia. Molte riesportazioni avvengono soprattutto attraverso i Paesi Bassi e riguardano, tra gli altri prodotti, le banane. I Paesi dell'Europa meridionale importano le banane anche da Belgio, Germania e Francia. Altri prodotti che vengono esportati frequentemente dai Paesi Bassi all'Europa sud-orientale sono cipolle, pomodori, carote, arance, pere, sedano rapa, ananas, avocado, patate dolci, cavoli, pompelmi, peperoni e limoni. Le cipolle da semina vengono fornite in tutti i Paesi della regione.

Il Belgio punta sulle banane
L'anno scorso, 140mila tonnellate di frutta e verdura fresca sono state esportate da/attraverso il Belgio verso i Paesi dell'Europa sud-orientale. La maggior parte di queste esportazioni ha riguardato le banane: 110mila tonnellate. Di queste, 80.000 tonnellate sono andate alla Repubblica Ceca e 25.000 tonnellate all'Ungheria. Tuttavia, l'anno scorso la riesportazione di banane attraverso il Belgio, è diminuita in modo significativo. Pere, pomodori e porri sono gli altri prodotti esportati dal Belgio nell'Europa sudorientale.

La Turchia è il fornitore principale e la sua crescita è costante
La Turchia è il fornitore più importante dei Paesi dell'Europa sud-orientale e le importazioni dalla Turchia continuano ogni anno ad aumentare. I prodotti turchi sono importati principalmente in Romania e Bulgaria. La Turchia è anche un importante fornitore della Serbia. La Germania è il secondo fornitore, ma la sua crescita si è fermata. La Grecia è il terzo fornitore. Le importazioni da questo Paese sono sempre cresciute, ma l'anno scorso si è registrato un leggero calo. La Romania, la Bulgaria e l'Ungheria importano molti prodotti greci. I Paesi Bassi e la Spagna sono gli altri principali fornitori.

Le importazioni dai Paesi Bassi hanno raggiunto il picco nel 2019, mentre le importazioni dalla Spagna sono ancora in crescita. La Repubblica Ceca è il mercato di vendita più importante della regione, sia per i Paesi Bassi che per la Spagna. La Spagna fornisce grandi quantità anche alla Slovacchia e all'Ungheria. Seguono Polonia e Italia, anche se i Paesi dell'Europa sudorientale importano sempre meno frutta e verdura fresca da queste due nazioni. Il prodotto polacco è molto diffuso soprattutto in Romania e, in misura minore, in Slovacchia. L'Italia esporta ancora grandi quantità nella Repubblica Ceca, oltre che in Slovenia e Croazia.

Clicca qui per l'analisi con tutti i dati a supporto.

Per maggiori informazioni:
Jan Kees Boon
Fruit and Vegetable Facts
fruitvegfacts@gmail.com
www.fruitandvegetablefacts.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto