Nir Harel, Galilee Export: "Prezzi buoni e poche scorte"

La stagione del mango israeliano è iniziata più tardi e più a rilento

La stagione del mango israeliano è iniziata più lentamente e con oltre una settimana di ritardo poiché la varietà Tommy non era pronta, e solo i calibri più piccoli delle varietà di mango Shelly e Noah sono state spediti all'inizio di luglio.

"Si prevede un raccolto leggermente più abbondante rispetto allo scorso anno, per alcuni nuovi coltivatori di mango", afferma Nir Harel, product manager del mango per la Galilee Export di Israele. Secondo gli esportatori, anche l'invio dei manghi israeliani e di altri prodotti alla loro abituale destinazione principale, vale a dire la Russia, si è complicato a causa delle sfide logistiche.

"Abbiamo iniziato due settimane fa con la varietà Noah, anche se con quantità limitate. La scorsa settimana è stata un po' più lenta a causa della Festa islamica del Sacrificio, Eid al-Adha. Tutti gli impianti di confezionamento sono a corto di manodopera per questa festa. Nella settimana 28 abbiamo esportato solo una piccola quantità di Noah. Questa settimana, dovremmo aggiungere più varietà come Palmer, Shelly e i rimanenti volumi della Noah. Ciò annuncerà l'inizio ufficiale della stagione, che dovrebbe durare fino alla settimana 37 circa".

La Galilee Export è il secondo maggiore esportatore di Israele. L’azienda prevede di esportare circa 5.500 tonnellate di mango in questa stagione. “Ci aspettiamo una stagione d’esportazione più grande rispetto allo scorso anno, ma non molto di più. La produzione non è molto più alta. Abbiamo alcuni nuovi coltivatori con nuove piantagioni che si sono uniti a noi. La crescita dei volumi sarà dovuta a questi nuovi arrivi", afferma Harel.

"Puntiamo ad esportare in molte destinazioni d'oltreoceano. La guerra sta rendendo difficile la spedizione in Russia, dove abbiamo già alcuni ordinativi. Le nostre principali destinazioni sono l'Europa con il 90% del volume e il Regno Unito. Il mercato è molto breve in Europa. Ciò è dovuto alle quantità inferiori al previsto dal Sud America, compreso il Senegal. Stiamo iniziando la stagione con un buon livello dei prezzi poiché la domanda è buona e l'offerta è scarsa. In Europa, i prezzi sono di circa 8 euro, o anche di più. È un buon prezzo di partenza. Tuttavia, il tasso di cambio euro-shekel non è buono al momento", spiega Harel.

Un altro coltivatore ed esportatore, che non ha voluto essere nominato, ha commentato: "La Russia è un grande mercato per noi, esportiamo molti prodotti in quel mercato, dagli avocado ai manghi. Il nostro flusso commerciale è fortemente influenzato dalla guerra. Fortunatamente l'Asia, che apprezza la qualità e i prodotti provenienti da Israele, è un mercato in crescita e anch’esso molto importante per noi. Abbiamo intenzione di continuare a esportare in Russia, ma siamo molto preoccupati della situazione. Abbiamo clienti che vogliono continuare con noi. Dal punto di vista logistico, il trasferimento di denaro è impegnativo. Abbiamo fiducia nei nostri clienti, cerchiamo di trovare il modo giusto per commerciare".

La maggior parte dei mango israeliani viene coltivata nella regione delle colline del Mar di Galilea. Harel e i suoi responsabili della qualità si recano regolarmente sulle Galilee Hills per controllare la qualità dei manghi sugli alberi.

Per maggiori informazioni:
Nir Harel
Galilee Export
+972 54485 9354
nir@galil-export.com 
www.galilee-export.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto