Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Ralf Albers, amministratore delegato della Hermann Albers Obst und Gemüse:

"Commercializziamo mazzi di carote molto grandi, a prezzi più alti"

Hermann Albers Obst & Gemüse Lts è in attività da quasi 100 anni. Fornisce frutta, verdura ed erbe aromatiche, per tutto l'anno, su un'area di vendita di 750 metri quadrati al mercato all'ingrosso di Amburgo. L'azienda è presente nei padiglioni di Hammbrook sin dall’inizio. L'attuale amministratore delegato, Ralf Albers, rappresenta la quarta generazione dell’azienda all'ingrosso. Albers ci ha parlato della sua attuale gamma di carote.


Ralf Albers

Carote a mazzo esclusive e colorate
"Tra l'inizio e la metà di giugno, abbiamo iniziato la stagione delle carote a mazzo, coltivate nel nord della Germania, più precisamente nella zona di Verden sul fiume Aller. Collaboriamo con il produttore da ben dieci anni, in quanto coltiva eccellenti varietà di carote. Riceviamo da 30 a 40 pallet a settimana, che corrispondono a circa 12.000 mazzi. Riceviamo, in esclusiva, anche le carote colorate. Anche se non si tratta di un volume abbondante, stanno diventando sempre più importanti", afferma Albers, che fornirà carote a mazzi tedesche fino a Natale.

In estate, secondo uanto riferisce l'amministratore delegato, l'attività all'ingrosso generalmente si rifornisce di molti prodotti dalla Germania settentrionale, venduti principalmente ai clienti all'ingrosso. "Commercializziamo mazzi molto grandi, leggermente più alti in termini di segmento di prezzo. Per le carote, tuttavia, abbiamo anche moltissimi clienti abituali. Questi includono, da un lato, i singoli rivenditori che fanno molto affidamento sui prodotti regionali perché la carota conquista anche in termini di gusto. In generale, la domanda è molto buona, come negli anni precedenti".

Sia la qualità che la domanda sono buone
"Non forniamo rivenditori di generi alimentari, ma principalmente il mercato settimanale e retailer specializzati. Vendiamo anche le carote al settore Horeca, in particolare le varietà colorate, poiché sono visivamente molto accattivanti". La qualità è buona, secondo Elbers, tranne per il fatto che ultimamente le carote sono risultate un po' carenti d'acqua. "Ma sia le foglie che le carote erano buone".

Gli aumenti di prezzo, causati dagli alti costi di produzione - fertilizzanti, parti di macchinari, protezione delle colture, fra gli altri - sono difficili da trasferire ai consumatori attraverso il canale commerciale. "I consumatori non apprezzeranno i prezzi più alti. Sara difficile per i produttori quest’anno recuperare questi costi maggiorati. Spero che molti non vengano lasciati indietro o che non abbandonino del tutto l’attività". In definitiva, la domanda determina il prezzo, ha detto Elbers.

Settore del convenience in calo
"A seconda del meteo, a volte abbiamo un'offerta eccessiva di determinati prodotti che dobbiamo, di conseguenza, commercializzare. Dopotutto, si tratta di verdure, non di bulloni che possono essere lasciati sugli scaffali per mesi. I prodotti ortofrutticoli devono essere venduti subito". Sebbene l'azienda stia cercando di mantenere aperti altri canali di commercializzazione, molti di questi sono già contrattualmente definiti. A parte questo, il settore del convenience, ad esempio, ha registrato una tendenza al ribasso negli ultimi due anni.

Non ci sono più picchi di vendita
Una tendenza generale che si vede da tempo nel commercio al dettaglio, secondo Albers, è che non ci sono più settimane di picco delle vendite, come c'erano una volta. "Se, ad esempio, si raccoglieva una quantità particolarmente abbondante di cavolfiore, prima era possibile venderla nelle settimane corrispondenti. Ora riscontriamo un'attività costante sul mercato ortofrutticolo, il che significa che il cavolfiore o le carote, fra gli altri, sono disponibili quasi tutto l'anno. Quindi non ci sono più picchi di vendita. Anche per fragole e lamponi, è diventato sempre più raro avere settimane in cui devi spingere sulle vendite, per così dire, con il prezzo. Il mercato non funziona più così. E, comunque, alle nuove generazioni non importa più".

Lo stesso problema può essere riscontrato con gli asparagi, ha affermato Elbers: finora commercianti e produttori hanno sempre incluso nei loro calcoli un periodo di picco di 10-15 giorni, durante il quale potevano ottenere vendite particolarmente elevate, grazie alla sovrapproduzione. In passato, il mercato era ancora ricettivo a questo. "Ma questo non è più possibile oggi, perché i retailer hanno sempre bisogno di un lead time di 10-14 giorni, che non è sempre pianificabile per la sovrapproduzione. Tuttavia, il canale di vendita diretto per la sovrapproduzione, ad esempio attraverso i mercati all'ingrosso, oggi non è più così forte".

Responsabilità dei rivenditori
Poiché i rivenditori sono i maggiori acquirenti di frutta e verdura, Albers attribuisce un ruolo speciale a questa clientela: "Il commercio al dettaglio rappresenta l'80% dell'industria alimentare. Pertanto, ha anche la responsabilità di commercializzare i prodotti e, allo stesso modo, di trovare canali di marketing per le eccedenze".

Per maggiori informazioni:
Ralf Albers
Hermann Albers Obst & Gemüse GmbH
Mercato all'ingrosso: Stand K 395-397
Banksstraße 28
20097 Amburgo - Germania
+49 40 325 08 69 - 0
info@hermannalbers.de 
hermannalbers.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto