InKonserva

La passione di trasformare ortaggi selezionati rivisitando ricette gourmet

“Trasformiamo ortaggi ottenuti da produzioni controllate, che acquistiamo da fornitori e società agricole locali. Ortaggi che trasformiamo - per scelta aziendale - con tecniche artigianali che non ci consentono di fare grandi volumi. Il nostro laboratorio di trasformazione è dotato di certificazioni di qualità, a garanzia della sicurezza alimentare. Basse temperature e pastorizzazione in immersione nell’acqua - proprio come si faceva una volta - ci consentono di abbattere drasticamente la carica batterica, mantenendo intatte le proprietà salutari della materia prima”. Così Roberta Bonato, titolare con il marito Joseph Frugani dell’azienda vicentina di trasformati a marchio InKonserva.

In foto, Joseph Frugani e Roberta Bonato, fondatori del marchio InKonserva

“Nel 2019 - spiega Joseph Frugani  - ho compiuto 60 anni e ho cambiato vita, concretizzando un hobby coltivato per vent’anni: creare e valorizzare prelibatezze gourmet, per appagare il senso del gusto. Una passione dedita dunque alla sperimentazione culinaria, allo studio e alla conoscenza degli alimenti, all’osservazione degli abbinamenti, a volte tradizionali, altre volte innovativi e coraggiosi. Sempre alla ricerca dei sapori da esaltare e finalizzata alla creazione di piatti unici, presentati nelle occasioni conviviali come preziose opere d’arte".

"Con questo spirito - continua Joseph Frugani - ho iniziato a sperimentare anche la conservazione della verdura, per custodire e mantenere il carattere del prodotto, fino al suo consumo successivo. Si tratta di un’arte che richiede un’accurata selezione della materia prima, esclusivamente fresca, oltre a fantasia nell’innovazione e rigore scientifico nelle procedure delle lavorazioni manuali del prodotto, che necessitano di tempi tecnici, quindi pazienza e capacità di osservazione"

Il prodotto di punta è l’asparago bianco che, grazie alla straordinaria produzione regionale veneta, è il grande protagonista della tradizione culinaria locale. Ha un gusto dolce-amaro caratteristico, che lo distingue da tutte le altre specie di asparago; è tenero e non legnoso, di aspetto e odore freschi. Viene pelato a mano e lavorato intero a crudo, per mantenere gusto e croccantezza. Quindi immerso in un liquido agrodolce e invasettato in vaso vetro da 500 ml, prima della pastorizzazione. Altre prelibatezze a marchio sono i lavorati di Radicchio, Cipolle borettane, Carciofo spinoso, processati in salamoia con acqua e sale e aceto. Sono disponibili, a seconda dei canali commerciali, nei formati da 300 ml fino ai 3 kg.

"Nel laboratorio di trasformazione aziendale, la fantasia regna sovrana in una varietà di ricette locali senza l'utilizzo di conservanti, coloranti o altri additivi. Ed ecco, tra le novità di prodotto, la nostra Kaponata di melanzana; in realtà è una rivisitazione rispetto a quella tradizionale che prepariamo con il pomodoro secco - acquistato presso un produttore pugliese - la cipolla, la melanzana, il peperone e la menta. Ci stiamo attivando per ottenere la certificazione biologica: abbiamo già i produttori, pertanto dalla prossima campagna accanto alla linea convenzionale avremo prodotti naturali certificati".

"E’ disponibile anche una versione di caponata senza cipolla che abbiamo eliminato dalla nostra ricetta tradizionale, in questo caso perché il sedano è un allergene. L’allergia al sedano è infatti molto più diffusa di quanto si pensi ed è, a tutti gli effetti, una delle forme allergiche alimentari più comuni. Anche se meno conosciuta di altre, può provocare, nei soggetti predisposti, gravi reazioni avverse".

La garanzia di ventiquattro mesi di conservabilità per tutti i prodotti è il risultato di processi di lavorazione ad alto contenuto tecnologico, che tuttavia recupera le antiche e comuni tecniche utilizzate tradizionalmente dalle famiglie contadine della zona.

I canali commerciali per le referenze a marchio sono: gastronomie, macellerie, enoteche e specializzati di target medio alto, sia in Italia sia all’estero.

"Il mercato dei trasformati possiamo definirlo tipico dei mesi invernali: infatti le maggiori richieste si rilevano nei mesi di settembre e dicembre, in prossimità delle feste natalizie. Dunque in estate il commercio trasformati rallenta, anche perché le temperature più alte invitano al consumo del prodotto fresco”.

Per maggiori informazioni:
Effebi Srl
InKonserva
Via Barco, 35
36033 Isola Vicentina (VI)
Italy
+39 377 0432594
info@inkonserva.com
www.inkonserva.com


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto