Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Reportage fotografico del Robotics Day presso il Fruit Tech Campus

A che punto è la robotica in frutticoltura e qual è il business case?

La robotica si sta sviluppando rapidamente, così come la meccanizzazione della coltivazione frutticola. Ecco perché, nei Paesi Bassi, il Fruit Tech Campus, di recente apertura, ha aggiornato il settore della frutta organizzando un Robotics Day. I robot sono già operativi? Sono funzionali al profitto? O la fase in cui la frutta rimane non raccolta per carenza di raccoglitori volontari è già stata superata?

Il relatore principale, Han Fleuren della Fruitboomkwekerij Fleuren, si è espresso su come la raccolta robotica potrebbe influenzare i frutteti di domani. Lo ha fatto accompagnando gli ospiti in un viaggio attraverso i 100 anni di storia della sua azienda di famiglia, avviata da suo nonno. Suo padre ha introdotto la pianta di due anni "Knip" e ora Han vende, oltre agli alberi da frutto, minialberi e sistemi di misurazione del frutteto.

Han ha anche condiviso l’esperienza di un raccolto di ciliegie che ha visto in Cile. Un impianto tipo kiwi che faceva pendere le ciliegie. "Musica per le orecchie dell’industria robotica. Funzionerà anche per le pomacee? Non ne ho idea, ma il futuro non è di chi sarà il più forte o il più intelligente, ma di chi saprà adattarsi meglio", afferma Han.


Han Fleuren

Ma qual è il business case di un robot? Può essere utilizzato in una stagione di raccolta breve? Non sarebbe sempre un problema, considerato che la frutta in Europa non viene raccolta a causa della carenza di raccoglitori? Il contabile Evert Tijssen della Tijssen Accountants ha effettuato un primo calcolo approssimativo, elaborando un esempio dal suo portafoglio clienti.

Per una azienda melicola di 20 ettari, Evert ha considerato 13 robot che raccolgono 30 mele al minuto. Costi annuali richiesti: 9.154 euro. Ma Evert Tijssen ha dato al pubblico degli spunti di riflessione. "I calcoli vanno fatti dal singolo operatore. Qual è la vita economica prevista, il consumo di energia, il valore d’acquisto, i finanziamenti e quali sono i costi di manutenzione? E il robot può raccogliere il 100% del raccolto?"


Harrij Schmeitz

Il presidente del Robotics Day, Harrij Schmeitz, ha sottolineato l'impatto della robotizzazione. "Non si tratta solo di sostituire le persone, riguarda il concept in generale. È un'innovazione del sistema che riguarda gli imprenditori, il loro raccolto e tutta l’azienda. Ma gli sviluppi continuano. Chi avrebbe mai pensato qualche anno fa che ci sarebbe stata un’irroratrice completamente automatizzata, perfettamente funzionante e completamente robotica?"

Durante gli Innovation Labs sono stati mostrati sei esempi pratici e sono stati descritti i robot e il loro utilizzo per fragole (Ocitva), lamponi (Fieldwork Robotics), pomacee (Munckhof), colture in pieno campo (Abemec), atomizzatori robotizzati (Hol Spraying Systems) e Greefa (imballaggio robotico). I video sottostanti mostrano i robot in azione.

Da sottolineare la cooperazione tra diverse aziende e le principali società di automazione. Ad esempio la rinnovata Priva Kompano, ora Octiva, - recente fusione della robotica orticola di Priva e dei robot agricoli di Octinion - ha recentemente collaborato con la tedesca Continental. Octiva ha sviluppato una piattaforma mobile che consente ai dispositivi di spostarsi in modo autonomo e sicuro attraverso la serra.

Tutti gli usi esistenti e nuovi, come il trattamento UV-C, il taglio delle foglie o la raccolta delle fragole, avverranno sulla piattaforma autonoma della Continental. L'amministratore delegato Tom Coen afferma di voler standardizzare il più possibile il processo per renderlo redditizio. Sono già stati investiti dieci milioni di euro e Coen pensa si possa fare molto di più. "Tutto riguarda il business case. Vogliamo vendere migliaia di sistemi all'anno".


Tom Coen di Octiva

L'azienda britannica Fieldwork Robotics sta testando per la prima volta in Portogallo il suo robot per la raccolta di lamponi. L’amministratore delegato Rui Andrês spiega gli sviluppi online: "Abbiamo iniziato con i lamponi perché questo è forse il frutto più difficile e delicato da raccogliere con un robot. Inoltre, esiste un enorme mercato globale dei lamponi".

"Se ci riusciamo con i lamponi, potremo usarlo anche per altri frutti". Andrês aggiunge che i robot non raggiungeranno mai la velocità della raccolta manuale. "Ma il robot funziona 24 ore su 24. Di notte funziona anche meglio perché individua più facilmente i lamponi del colore giusto, pronti per la raccolta".


Greefa mostra lo Smartpackr

Mentre i robot per la raccolta riguardano ancora per lo più il futuro, Greefa ha mostrato quello che sarà il prossimo passo nell'impianto di confezionamento. Il loro robot può imballare mele e pere secondo le richieste. La macchina può confezionare fino a 120 frutti al minuto nei cosiddetti fogli di imballaggio. E la forma della pera non è più un problema.

Un cliente, Vogelaar Vredehof, è rimasto soddisfatto del robot di confezionamento. Dicono che i mercati olandese e belga si stiano orientando verso piccole confezioni di frutta. Il vantaggio di questi robot di confezionamento, rispetto ai robot di raccolta, è che spesso possono essere utilizzati tutto l'anno. "I robot generano profitti ma devi farli lavorare sempre", ha osservato Sander Reukers di Greefa.

"È solo l'inizio. Cosa succederà dopo?" È così che è stato introdotto l’ultimo importante relatore, Roel Steenbergen, responsabile dell'innovazione tecnica del laboratorio Rabobank Tech, che ha discusso delle ultime tendenze tecnologiche e di cosa significano per gli imprenditori e le loro aziende: "In questo momento, si sta costruendo una nuova Internet".

"Il metaverso, un mondo virtuale in cui le persone possono lavorare, giocare e rilassarsi, influenzerà il modo in cui comunichiamo tra di noi" ha detto Roel, penetrando sempre più nel mondo reale. La giornata si è conclusa con un drink e i partecipanti al Future Fruit Forum sotto i 35 anni hanno potuto prendere parte gratuitamente al Young Fruit Pro BBQ. Niente di virtuale, ma una birra e un kebab reali.

Clicca qui per accedere al reportage fotografico.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto