Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Bernd Bahlmann dell'omonima azienda di asparagi:

"Le piante precoci sono state distribuite in anticipo a causa della pressione sui prezzi"

La stagione degli asparagi di quest'anno ha affrontato difficoltà mai incontrate prima. A riferirlo Bernd Bahlmann, amministratore delegato dell'omonima azienda agricola di asparagi di Molbergen (Germania).

"Il comportamento dei consumatori ha lasciato molto a desiderare, poiché i consumatori stanno iniziando a pianificare di più i loro acquisti, in considerazione dei costi e dei prezzi elevati". Nel distretto di Cloppenburg-Emsland, secondo Bahlmann, è stato possibile iniziare la stagione a 13 euro/kg. "Fino al 1 maggio, i prezzi si stavano sviluppandosi ancora abbastanza bene, ma poi sono diminuiti rapidamente, poiché le condizioni meteo hanno portato molti asparagi sul mercato e, di conseguenza, l'offerta ha superato la domanda".


Semina della varietà Herkolim, 10/m. "L'obiettivo è avere una pianta ad alta resa per contrastare i costi della raccolta", afferma Bernd Bahlmann - Foto: Bahlmann Asparagus Farm

Processo di vendita difficile
"Rispetto agli asparagi che vengono venduti, attraverso i retailer, al mercato all'ingrosso di Amburgo, la qualità dei nostri asparagi è migliore. Ma i prezzi sul mercato all'ingrosso sono molto più bassi, ci hanno detto alcuni dei nostri clienti. Pertanto, abbiamo anche dovuto abbassare anche i nostri, a volte al di sotto dei costi di produzione, cosa non proprio facile ". Anche i ristoranti hanno acquistato di nuovo una quantità maggiore di asparagi, compensando però solo in parte i prezzi più bassi.

"Non riforniamo più i grossisti perché i prezzi sono semplicemente troppo bassi, in particolare perché ci sono già aziende agricole che producono i loro prodotti esclusivamente per il mercato all'ingrosso. Per la vendita diretta al consumatore, attualmente è anche più difficile trovare abbastanza lavoratori. Tuttavia, i nostri clienti continuano a comprendere ristoranti, retailer, mercati self-service e altri banchi del mercato, nonché consumatori privati".

Scarso interesse per gli asparagi precoci
A causa del clima caldo, c’è stata una maggiore disponibilità. "Potrebbero essere stati introdotti sul mercato troppi asparagi, troppo presto. Grazie ai sistemi di stagione precoce, stanno arrivando sul mercato molti più asparagi precoci. Tuttavia, non c'è abbastanza domanda per questi tra i normali clienti indipendenti che solitamente non acquistano asparagi fino a maggio", dice Bahlmann. Oltre a tutto questo, la vendita degli asparagi della sua azienda è stata più difficile a causa dei lavori sulla strada che portava alla sua azienda.

C'è un interesse maggiore per gli asparagi verdi, coltivati su circa il 10% della superficie di coltivazione. Nel caso degli asparagi bianchi, Bahlmann afferma che le varietà medie precedenti sono più popolari di quelle più grandi e tardive. "Tuttavia, anche le piante precoci hanno dovuto essere distribuite in anticipo, a causa della pressione sui prezzi e perché le piante tardive stavano già producendo buoni raccolti".

Per gli asparagi, l'azienda utilizza contenitori riutilizzabili per i prodotti non pelati e sacchetti di plastica per i privati, e imballaggi netti da 700 grammi per i prodotti pelati. Per i ristoranti, i prodotti vengono nuovamente consegnati in casse impilabili riutilizzabili.

Il 60% del consumo di energia è coperto dal fotovoltaico
"Ci aspettano tempi difficili", afferma Bahlmann. "Nelle campagne praticamente non abbiamo i mezzi pubblici. Le attuali decisioni del Bundestag potrebbero avere un ulteriore impatto sull'economia. E onestamente, non so fino a che punto i prezzi estremamente elevati di elettricità, diesel e fertilizzanti siano giustificati". Perché quando l'energia è così costosa, l'economia inizia a rallentare, ha detto Bahlmann. "La lieve recessione di cui tutti parlano è sicuramente in arrivo".

I fertilizzanti come il nitrato di calcio e ammonio, che originariamente costavano 30,00 euro per 100 kg, ora costano 68,00 - 69,00 euro per 100 kg, l'olio da riscaldamento 127 euro e l'elettricità, che è ancora 0,25 centesimi per kWh, arriverà probabilmente fino a 0,40 centesimi per kWh da gennaio in poi, ha detto Bahlmann. Allo stesso tempo, tuttavia, egli prevede che i suoi impianti fotovoltaici gli consentiranno di produrre autonomamente il 60% del suo consumo energetico totale in futuro.

Previsioni per la prossima stagione
"I grossisti in realtà sono quasi fuori dal mercato, come clienti. E per le piccole imprese sarà particolarmente ridotto. Per il momento niente è come prima. Nella prossima stagione, anche il salario minimo di 12 euro sarà una sfida per le imprese. I prezzi dei prodotti fabbricati in Germania dovranno aumentare. Se prenderà piede è un altro discorso. Credo anche che la coltivazione dovrà essere ridotta in futuro. Quando fa più freddo ci sono ovviamente meno prodotti disponibili, come quest'anno dopo la Pentecoste, quando anche il prezzo degli asparagi è riuscito in parte a recuperare. Ma abbiamo avuto tre settimane centrali, durante le quali il prezzo non è stato affatto buono", afferma Bahlmann.

A destra: attività di selezione con la famiglia. La macchina seleziona automaticamente gli asparagi in base alla classe commerciale. Foto: Spargelhof Bahlmann

"La nostra attività è sostanzialmente automatizzata. Con il nostro nuovo sistema di selezione e la nuova macchina per l'imballaggio, possiamo risparmiare personale da un lato e lavorare in modo più efficiente dall'altro. Questo è importante per il futuro".

Per maggiori informazioni:
Bernd Bahlmann
Spargelhof Bahlmann
Peheimer Str. 39
D-49696 Molbergen - Germania
+49 4475 385
info@spargel-bahlmann.de  
spargel-bahlmann.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto