Louw de Wet - FireFruit

La pitaya scatena la fantasia del frutticoltore sudafricano

A Louw de Wet non piace molto il nome ‘frutto del drago’, e preferisce chiamarlo pitaya o frutto del fuoco - una referenza che ha scatenato la sua immaginazione, da quando l'ha visto per la prima volta in una foto sette anni fa. Ha dovuto verificare lui stesso i nomi delle varietà del materiale vegetale che aveva ricevuto da altre zone del Paese, cosa che lo ha portato a conoscere da vicino le piante.

Louw de Wet con la pitaya, un frutto conosciuto localmente come frutto del drago, che lui preferisce chiamare con il nome che gli ha dato sua moglie: frutto di fuoco

Alla fine Louw de Wet ha importato circa 70 varietà di pitaya dall'Asia, oltre ad altre varietà che ha dovuto identificare (dice che molte varietà sono conosciute con nomi diversi) e che ora sta valutando.

Si stima che ci siano circa 135 varietà di pitaya nel mondo, osserva Louw de Wet. "Indubbiamente ha molte opportunità, ma il mercato globale richiede solo la pitaya con un buon sapore. Bisognerà fare molto lavoro preparatorio per convincere le persone che il frutto del drago può effettivamente avere un buon sapore".

Louw de Wet è agricoltore di sesta generazione della Retreat, nella valle di Agterkliphoogte, fuori Robertson, in Sudafrica. "I frutti insipidi hanno danneggiato la categoria, mentre ci sono varietà con un ottimo sapore e caratteristiche commerciali".

La pitaya è molto adatta alle zone con scarsità d'acqua, come nell’azienda di Louw, che dipende esclusivamente dalle precipitazioni e dalla neve sulle alte vette

L'estrema facilità di propagazione del cactus epifita sulle piante di pitaya ha avuto un duplice effetto: da un lato ha facilitato la distribuzione di varietà insipide, che frena l'entusiasmo dei consumatori verso questo frutto, ma dall'altro può anche aumentare facilmente l'accesso a varietà dal sapore migliore, ha detto Louw, che ha in programma di creare un vivaio di pitaya per fornire ai coltivatori locali le varietà più gustose, che sta individuando lui stesso.

I fiori della pitaya si aprono solo per una notte, quindi hanno una sola opportunità di essere impollinati e, per alcune varietà, l'impollinazione incrociata è molto importante, dice Louw.

Importanza dell'Associazione dei Coltivatori di Dragonfruit
Attualmente il raccolto più grande della Retreat, a livello di superficie, è ancora l'uva da vino, così come gli agrumi (soft citrus, limoni e Navel tardivi), le albicocche e, sempre più, le pere (che stanno sostituendo le pesche).

Louw prevede un'estensione significativa della pitaya nei prossimi anni, idealmente tra 15 e 30 ettari, che gli forniranno i volumi per negoziare con i rivenditori, insieme agli abbondanti volumi che si accumulano in altre zone del Paese, principalmente a Mpumalanga e Limpopo.

Louw de Wet ritiene che sia indispensabile per lo sviluppo dell’industria sudafricana della pitaya che i coltivatori si associno alla Dragonfruit Growers' Association Sudafrica e sottolinea che ci sono più piantagioni di pitaya di quanto si possa pensare.

"Abbiamo restrizioni nella distribuzione dell’acqua e la pitaya è una pianta efficiente dal punto di vista idrico, uno dei fattori che può darle un valore di fatturato per ettaro più elevato, in rapporto all’acqua utilizzata, rispetto ad alcune delle altre nostre colture".

Il Sudafrica ha una finestra di esportazione verso l'Ue e il Regno Unito
Per i prossimi anni, l’attenzione di Louw rimarrà sul mercato interno. Vuole che la pitaya FireFruit diventi un nome familiare tra gli amanti della frutta. L’accoglienza che hanno ricevuto i suoi frutti alle fiere alimentari, ha confermato la sua convinzione che i consumatori devono solo assaggiare una buona pitaya.

Foto fornite da FireFruit

C'è ancora molto lavoro da fare, non solo per convincere i consumatori, ma anche per istruire i negozi e i rivenditori alla manipolazione post-raccolta della pitaya e alla necessità di un’esposizione refrigerate, non aperta, come invece spesso si vede nei supermercati e nei fruttivendoli locali.

Louw aggiunge che i produttori non dovrebbero vendere i loro frutti a prezzi insostenibili, perché danneggiano il mercato. Egli crede che un prezzo minimo sia di 30 rand (1,76 euro) al chilogrammo, così da riuscire a coprire i costi.

Le esportazioni (aviotrasportate) potrebbero essere considerate in un secondo momento, una volta raggiunto il tetto massimo di consumo interno. La pitaya sudafricana viene raccolta in un momento in cui Vietnam e Cina non sono ancora in piena produzione, da gennaio a marzo.

Le zone settentrionali del Sudafrica iniziano il raccolto di pitaya da poche settimane a un mese prima del Capo, dove le settimane di picco vanno da marzo a maggio.


Per maggiori informazioni:
Louw de Wet
FireFruit
Tel: +27 79 501 7749
Email: louwdewet@firefruit.co.za
Web: firefruit.co.za


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto