La stagione delle patate novelle sta per iniziare con molte incertezze

A metà maggio, molti coltivatori speravano in un finale di stagione con prezzi intorno ai 30 euro per 100 kg, ma la pioggia ha spento le speranze. Nelle ultime quattro settimane, il mercato pataticolo è stato influenzato dal meteo che potrebbe avere delle ripercussioni anche sui prezzi del vecchio raccolto.

I trasformatori hanno smesso di acquistare il vecchio raccolto settimane fa, e alcuni di loro hanno persino ceduto ad altri trasformatori i contratti di vendita di cui non avevano bisogno. Piccoli volumi residui sono stati venduti con le ultime consegne contrattuali.

Il nuovo raccolto sta iniziando ad arrivare sul mercato mentre non è stato ancora commercializzato tutto il vecchio.

Inizio di stagione per il nuovo raccolto
I nuovi raccolti, siano essi precoci (principalmente in Germania e Belgio) o quelli principali, crescono rapidamente e di solito si sviluppano bene. I precoci sono in anticipo di 1-2 settimane rispetto al solito (con tuberi di numero inferiore al normale) e in alcuni secondi raccolti precoci si vedono i primi segni di decadimento (certamente dove è caduta meno pioggia e si sono registrate temperature più elevate).

Alcuni campi coltivati a seminativo sono fioriti prima del solito, senza chiusure dei filari, il che significa che, potenzialmente, la produzione potrebbe essere inferiore. L'efficienza irrigua (in Germania, Francia e Paesi Bassi dove è ampiamente utilizzata) non è buona come al solito e una parte dell'irrigazione non viene eseguita o posticipata a causa dei prezzi energetici più elevati.

La continua imprevedibilità del meteo (caldo, forti precipitazioni, siccità) potrebbe portarci qualche sorpresa in più nei giorni o nelle settimane a venire, grazie alla loro influenza sulla resa e sulla qualità finale.

Prima stima della superficie delle patate nell'Ue-4
La superficie totale di patate (prima stima, in alcuni casi) all'interno della zona NEPG (Ue-4) è aumentata in tutti e quattro i Paesi del 2% per un totale di 507.300 ettari, ovvero un aumento di 10.100 ha. Rispetto alla media quinquennale, l'incremento è dello 0,9%. A fine inverno-inizio primavera, le prime stime prevedevano una riduzione della superficie nel 2022, a causa dei costi di produzione sempre più elevati.

Alcuni produttori di amido (in Germania, Francia e Paesi Bassi) e alcuni coltivatori di patate da mensa (in Germania e Francia) stanno convertendo le loro produzioni a patate da industria.

La riforma della PAC 2023 e l'aumento dei costi di produzione stanno già pesando sulla possibile area di coltivazione del 2023
Cosa significherà la riforma della PAC per la superficie e la produzione delle patate nel 2023? Prezzi elevati per grano, colza, granturco da granella e prezzi più elevati per l'affitto dei terreni potrebbero influenzare la futura superficie di coltivazione delle patate. Nuovi vincoli ambientali legati alla proposta della Commissione europea di dimezzare l'uso di fitofarmaci entro il 2035, potrebbero anche limitare la futura superficie delle patate e/o scoraggiare i coltivatori.

I prezzi dei contratti futuri dovrebbero essere correlati ai costi di produzione. Alla luce dei rincari, i coltivatori ritengono che i prezzi contrattuali per il raccolto del 2023 dovrebbero essere correlati a questi aumenti.

I costi di produzione delle patate, che sono costantemente aumentati negli ultimi 12 mesi, avranno sicuramente un'influenza sulla superficie e sulla produzione delle patate nel 2023.

Per maggiori informazioni:
Daniel Ryckmans
NEPG
dr@fiwap.be


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto