Upala Agricola prima Bandiera Blu Ecologica nella categoria Biodiversità

Le spedizioni di ananas traggono vantaggio dall'agricoltura di precisione

La Costa Rica è leader mondiale nell'esportazione di ananas freschi, un'attività che genera circa un miliardo di dollari l'anno per il Paese. "La Costa Rica ha circa 40.000 ettari dedicati alla coltivazione dell'ananas che significa circa 30.000 posti di lavoro diretti e 120mila indiretti, con un impatto estremamente prezioso per l'economia del Paese. In termini di quota di mercato, l'85% degli ananas consumati negli Stati Uniti provengono dalla Costa Rica e l'80% di quelli che arrivano in Europa", afferma Alfredo Volio, presidente e amministratore delegato della Upala Agricola.

"Upala Agrícola è il più grande esportatore e il più grande datore di lavoro della zona, con circa un migliaio di dipendenti. Produciamo ed esportiamo una media di 100-110 container a settimana. A differenza di altre colture, siamo in grado di produrre ananas tutto l'anno. Infatti, vengono raccolti giornalmente e le piantagioni vengono effettuate ogni settimana per mantenere un approvvigionamento costante. Questo consente ai nostri dipendenti di lavorare 365 giorni all'anno, il che costituisce un valore aggiunto".

"Abbiamo un totale di 2.500 ettari. Di questi 1.600 sono ettari produttivi e i restanti 800 ettari sono aree protette. In altre parole, il 32% della nostra superficie è al servizio dell’ambiente. Non solo stiamo raggiungendo l'obiettivo del 30%, ma lo stiamo superando", ha affermato Volio.

Produttività e impegno ambientale
La conservazione dell'ambiente fa parte della politica della Costa Rica. Questo sforzo è stato riconosciuto a livello mondiale nel 2019, quando ha ricevuto il più alto riconoscimento ambientale delle Nazioni Unite: il premio Champions of the Earth, assegnato dal Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) nella categoria Leadership politica, per il suo ruolo nella protezione della natura e il suo impegno nella lotta ai cambiamenti climatici. Nelle parole dell'allora direttore esecutivo dell'UNEP, "La Costa Rica è un esempio per la regione e per il mondo", e la Upala Agrícola ha rafforzato questo impegno integrando la biodiversità nei suoi processi produttivi e raggiungendo l'allineamento con tutti i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite.

"Abbiamo creato il nostro corridoio ecologico che collega due grandi aree molto importanti, e che consente agli animali di transitare tra le due aree, attraverso le nostre foreste: il corridoio ecologico Ruta Los Malecu, che ha circa 136.632 ettari protetti, e il Caño Negro National Mixed Wildlife Refuge".

"Nel 2017 abbiamo anche raggiunto un accordo con l'Agenzia di cooperazione tedesca GIZ e la scorsa settimana, abbiamo analizzato congiuntamente i risultati di uno studio sulla biodiversità condotto nel nostro corridoio biologico, rilevando che c'è una quantità significativa di fauna che transita attraverso le nostre foreste. Nella prima fase dello studio sono state identificate 168 specie di uccelli e 24 specie di mammiferi", afferma Alfredo Volio.

"Per quanto riguarda le certificazioni di cui disponiamo (GlobalG.A.P, GRASP e FSMA, ISO 14001, Rainforest, SMETA, BASC e Esencial Costa Rica), siamo stati la prima azienda nel settore dell'ananas ad aver ottenuto la Bandiera Blu Ecologica per il nostro impegno nella salvaguardia dell'ambiente, e il 22 giugno riceveremo questo premio per la categoria Biodiversità nelle nostre strutture, essendo ancora una volta la prima azienda del settore dell'ananas a riceverlo".

Upala Agricola ha così raggiunto una posizione di rilievo sul mercato d’esportazione dell’ananas costaricano, nel campo della conservazione ambientale.

"Per quanto riguarda la produzione di ananas, vogliamo raggiungere alti tassi di produttività per ettaro, che riusciamo a ottenere grazie alle condizioni climatiche della zona in cui ci troviamo, nel nord del Paese, molto vicino al confine con il Nicaragua. Abbiamo un clima molto favorevole quindi, ad esempio, non abbiamo bisogno di irrigare, e questo ci permette, un anno dopo la semina, di raccogliere frutti dal sapore eccezionale, e con gli elevati standard di qualità richiesti dai mercati internazionali".

"Tutti i frutti vengono raccolti al punto di maturazione ottimale (ricordiamo che l'ananas è un frutto non climaterico), quindi vengono sottoposti a pre-raffreddamento, stoccaggio e trasporto refrigerato, affinché arrivino freschi ai mercati di destinazione".

"Quest'anno la crisi dei container ha reso la situazione a volte piuttosto difficile. C'è stato anche un aumento dei costi dei fertilizzanti e di carta e cartone, che sono aumentati di quasi il 30%, ma l'agricoltura di precisione ci ha aiutato e ci ha consentito di essere più efficienti e continuare a raggiungere i mercati internazionali, nonostante tali circostanze".

Chiusura del cerchio: valorizzazione degli scarti vegetali nella coltivazione dell'ananas
Quasi 200 milioni di casse di ananas vengono prodotte ogni anno in Costa Rica, in un ciclo produttivo continuo che, inevitabilmente, genera una grande biomassa. "All'Upala Agrícola, una volta raccolte, le piante vengono triturate e tutta la materia organica viene incorporata nel terreno come fertilizzante per la nuova piantagione. Tuttavia, stiamo anche portando avanti una serie di progetti molto interessanti per dare valore a tutta questa biomassa che produciamo, lavorando con le università, sia nel nostro Paese che all'estero".

"L'elenco delle alternative allo studio comprende la produzione di biodiesel, di pelle sintetica o di carta prodotta dalla fibra di ananas. Con questo chiuderemmo effettivamente il cerchio e riusciremmo a produrre il materiale principale utilizzato per il confezionamento della frutta, con gli scarti vegetali dei raccolti", conclude Alfredo Volio.

Per maggiori informazioni:
Upala Agrícola
+506 2480 0100
upalagricola.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto