Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il cavolfiore, un prodotto iconico per Prince de Bretagne

Oggigiorno Prince de Bretagne è riconosciuta per la qualità di un ortaggio che la cooperativa produce da oltre 50 anni. "Il cavolfiore è il nostro ortaggio simbolo. Nel corso del tempo abbiamo acquisito una notevole competenza su questo prodotto. Quasi tutti i nostri produttori lo coltivano, per un totale di 100 milioni di cespi, il 10% dei quali sono biologici. Il nostro terroir bretone è perfetto per le coltivazioni di cavolfiori, perché beneficiamo di un clima oceanico piuttosto caldo e umido che ci protegge da episodi estremi di gelo", spiega Emilie Bardin, product manager di Prince de Bretagne.

"Ciò conferisce ai nostri cavolfiori una qualità molto regolare, con un cespo molto stretto e bianco, sostenuto da foglie molto fresche. I nostri cavolfiori tendono anche a essere piuttosto grandi, cosa meno comune per i prodotti di Spagna o Italia".

Immagine: L'Œil de Paco - Prince de Bretagne

Campagna di comunicazione rivolta ai giovani consumatori
I consumatori di cavolfiori sono una popolazione che invecchia, per cui negli ultimi anni la cooperativa ha raccolto la sfida di rilanciare i consumi attraverso una campagna di comunicazione che modernizza l'ortaggio. "Anche se in passato ha subito un calo, attualmente la produzione di cavolfiori è stabile. Lavoriamo molto per rendere tale ortaggio più attraente per le giovani generazioni. Di recente, abbiamo lanciato un'importante campagna di comunicazione con espositori nelle metropolitane e nelle grandi città francesi, al fine di rendere il cavolfiore più attraente e dargli un posto centrale nella cucina dei francesi".

"Mostriamo i diversi modi in cui il cavolfiore può essere cucinato e promuoviamo ricette di tendenza, ad esempio con il semolino di cavolfiore, che può essere consumato crudo. Può anche sostituire la tradizionale farina di frumento nella preparazione di pizze o torte. Oltre ai numerosi piatti in cui può essere servito, il cavolfiore è un ortaggio con molte proprietà nutrizionali. Ad esempio, è molto ricco di vitamina C".

Consumo stabile
Come la maggior parte delle verdure, il cavolfiore ha beneficiato dell'effetto Covid-19 nel 2020. "Nel 2021 gli acquisti sono aumentati del 12% in valore, rispetto al 2019. I volumi sono rimasti stabili. Dall'inizio di quest'anno siamo tornati a livelli di consumo equivalenti al 2019". Il cavolfiore viene prodotto tutto l'anno in Bretagna, ma è meglio consumarlo in inverno, da novembre a marzo/aprile, piuttosto che in estate quando compete con il pomodoro e altri ortaggi estivi. 

Germania: principale area di esportazione del cavolfiore
I cavolfiori di Prince de Bretagne sono venduti in Francia e vengono anche esportati. "Vendiamo a professionisti, privati e grossisti su mercati come quello di Rungis. Esportiamo anche in Europa: in Germania, in Regno Unito e nei Paesi dell'Est. La Germania è il nostro principale mercato di esportazione. Lì il cavolfiore è meglio integrato nelle abitudini culinarie rispetto alla Francia. In Germania, i cavolfiori sono più sensibili ai prezzi e alle azioni promozionali, molto più che in Italia, Spagna o Francia, il che desta qualche preoccupazione, soprattutto nell'attuale contesto di aumento dei costi dell'energia, delle materie prime, dei prodotti fitosanitari, del carburante e dei costi di produzione in generale".

"Ci chiediamo quali saranno le conseguenze per la remunerazione dei produttori, che faticheranno ad assorbire tutte queste maggiori spese. Francia e Germania tendono a preferire cavolfiori di grosso calibro, mentre gli inglesi in genere scelgono dimensioni medie". 

Immagine: L'Œil de Paco - Prince de Bretagne

Una coltura di campo che richiede pochi input o trattamenti
L'intera produzione di cavolfiori di Prince de Bretagne è coltivata in campo aperto tutto l'anno. Questo è un vantaggio significativo in un momento in cui i costi di produzione degli ortaggi in serra crescono esponenzialmente a causa dell'aumento dei costi energetici. Grazie al nostro know-how e alla scelta delle varietà piantate, che si adattano perfettamente al suolo della Bretagna, le nostre colture richiedono pochissimi input in termini di prodotti fitosanitari. Tuttavia, per quanto riguarda l'aumento dei costi delle materie prime e del carburante, l'impatto è più o meno lo stesso delle altre colture e si fa sentire soprattutto nei tempi di consegna".

Per il momento la cooperativa non avverte direttamente gli effetti del conflitto russo-ucraino sulle sue attività commerciali, ma la situazione geopolitica rimane una fonte di preoccupazione e la vigilanza è ancora alta.

Un ortaggio che richiede un elevato livello di reattività commerciale
La produzione di cavolfiori sembra meno impegnativa di altre colture, ma l'ortaggio è molto sensibile ai cambiamenti climatici, il che lo rende delicato da commercializzare. "Al momento, ad esempio, le temperature sono miti, quindi i cavolfiori crescono più velocemente e la nostra produzione sarà anticipata di due settimane. È quindi nostro compito regolare gli sbocchi di conseguenza, il che richiede un alto livello di reattività commerciale".

Per maggiori informazioni:
Emilie Bardin 
Prince de Bretagne
+33 (0) 6 11 48 54 49
emilie.bardin@princedebretagne.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto