Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Fred Douven (abbGrowers) è ottimista sulla stagione europea

I coltivatori ucraini di mirtilli cercano di andare avanti, nonostante le incertezze

"La coltivazione dei mirtilli procede bene", dice Fred Douven, amministratore delegato della abbGrowers. Le attività di questa azienda olandese includono la coltivazione, la commercializzazione e la trasformazione dei mirtilli. All'inizio di aprile, i raccolti dell'Europa centrale e settentrionale sono stati colpiti dalle gelate notturne. "Questi eventi estremi hanno causato alcuni danni nell'Europa orientale, ma la situazione è ancora abbastanza buona per noi".


Fred Douven

Fred è quindi ottimista sulla prossima campagna europea dei mirtilli. "Le piante sono in piena fioritura e si possono vedere i primi frutti". L’amministratore delegato prevede dei tempi di raccolta normali. "Il meteo è stato favorevole, ma non sarà un’annata molto precoce. La produzione sta seguendo una normale tempistica", dice Fred.

I coltivatori ucraini provano ad andare avanti
Oltre alle aziende nei Paesi Bassi, anche i coltivatori di Paesi come la Spagna e la Serbia sono associati alla abbGrowers. Questa società di commercializzazione di mirtilli è impegnata con un progetto in Ucraina. Fred dice che, sebbene la comunicazione con l’organizzazione ucraina dei mirtilli sia difficile a causa della guerra, il settore ucraino dei mirtilli sta cercando di andare avanti. "I coltivatori stanno coraggiosamente cercando di ripartire, anche se non sembrerebbe proprio una scelta di buon senso".

Fred sostiene che c’è abbondanza di fertilizzante, ma non per l'intera stagione di crescita. "C'è molta incertezza, e a preoccupare maggiormente è la fase di raccolta". Un coltivatore ucraino ha detto a Fred che i carri armati hanno distrutto le loro piantagioni. Ci sono molte aziende nelle zone in cui i russi si stanno ritirando. Ma, secondo Douven, questo non significa che in quelle aree non stia succedendo nulla e che siano sicure.

LLC Blueberry è un coltivatore ucraino associato alla addGrowers. La posizione favorevole di questa azienda a sud di Leopoli, tra il confine ungherese e i Carpazi, è protetta dal resto del Paese dalla catena montuosa. Fred dice che la coltivazione è iniziata come al solito. "Fortunatamente, l'anno scorso abbiamo potuto inviare tutto il materiale necessario", spiega Fred. L’amministratore delegato ha visitato l'area all'inizio di maggio.

In quella occasione, Fred ha dato dei consigli al coltivatore, organizzato il trasporto e fatto accordi e preparativi a lungo termine per l'esportazione. Fred parla di un'esperienza surreale e descrive la sua visita in Ucraina come assolutamente anomala, a causa degli allarmi aerei che risuonano regolarmente. "È evidente che è in corso una guerra, ma la gente vuole solo andare avanti, specialmente nelle zone occidentali e centrali del Paese, relativamente tranquille".

Import-export
In Ucraina le importazioni sono molto limitate, a detta di Fred. Attualmente, sono ammesse solo le merci approvate dal governo. Questo per impedire che i soldi escano dal Paese. "Al momento, fra queste merci non ci sono i mirtilli. Sono in corso discussioni con il governo per includerli nella lista delle importazioni", continua Fred. Le esportazioni, invece, non sono limitate.

Ad esempio, Fred ha visto un coltivatore di mais e soia che aveva costruito un complesso di silos per riempire direttamente i vagoni ferroviari destinati alle esportazioni in Europa. "C'è cibo in abbondanza in Ucraina. Le carenze sono dovute solo alla mancanza di benzina e diesel: i camion non possono circolare e i negozi non possono essere riforniti".

Progetto Sekoya
Prima dello scoppio della guerra, c’era un progetto di piantagione di mirtilli del programma di breeding Sekoya. Tuttavia, il conflitto ha posto fine alla consegna delle piante per questa iniziativa. La abbGrowers e i coltivatori ucraini coinvolti stanno facendo ogni sforzo per far partire tale progetto.

"Tutti i contratti sono stati firmati. Le quasi 100mila piante si trovano ancora nei Paesi Bassi, in container su un ettaro di terreno. Così, appena sarà possibile, potremo piantarle in Ucraina". Fred pensa che potrebbe accadere in autunno. "Cercheremo di portare le piante in Ucraina in autunno, o nella primavera del 2023".

Passo dopo passo
Sebbene i coltivatori di mirtilli ucraini apprezzino il loro aiuto, hanno anche delle esigenze a lungo termine. Preoccupato per il futuro, Fred prevede che gli agricoltori avranno bisogno di aiuto per la ricostruzione. Tuttavia, rimane fiducioso che un momento di tregua nella guerra fornirà un'apertura al dialogo. Se questo dovesse portare a un cessate il fuoco, Fred pensa che ci vorrà almeno un altro anno prima che la persona giusta occupi la posizione giusta, e possa essere svolta qualsiasi attività.

Il progresso sarà graduale. "Non dobbiamo cercare di raggiungere l'obiettivo finale tutto in una volta. Bisognerà andare avanti passo dopo passo".

Ecco perché, nonostante l'incertezza, abbGrowers ha chiuso accordi con i suoi coltivatori ucraini per l'attuale stagione di crescita. Fred ritiene fondamentale offrire loro almeno un barlume di speranza.

"Abbiamo organizzato le cose così: se c'è un raccolto, c’è il trasporto e i volumi rientrano in un programma di vendita. Vogliamo assicurarci che l’azienda si rimetta in attività. Per prima cosa, cerchiamo di superare quest’anno e di far tornare i coltivatori alla normalità", conclude Fred.

Per maggiori informazioni:
Fred Douven
abbGrowers
Handelstraat 8
5961PV Horst - Paesi Bassi
sales@abbgrowers.com       
www.abbgrowers.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto