Focus sul mercato mondiale degli asparagi

In tutto il mondo, fino ad ora, la stagione degli asparagi è stata difficile. A causa del freddo che ha caratterizzato la coltivazione primaverile sia in Europa che in Nord America, si è registrato un ritardo nella produzione e una riduzione dei volumi in molti Paesi. Ciò non ha fatto bene ai prezzi, dal momento che la domanda è più bassa del solito, soprattutto rispetto al periodo pre-coronavirus. I ritardi negli areali più precoci hanno fatto sì che all'aumento delle temperature, queste zone siano entrate in produzione nello stesso momento di molte altre, causando un'ulteriore pressione sui prezzi del mercato internazionale.

Paesi Bassi: buona la domanda da parte dei retailer, in calo le esportazioni verso la Germania
Attualmente il bel tempo si traduce in una grande offerta di asparagi sul mercato olandese. "Vediamo che il bel tempo primaverile ha giocato un ruolo nel consumo di asparagi. Si nota più entusiasmo rispetto agli altri anni soprattutto nel settore della vendita al dettaglio olandese - afferma un grande coltivatore olandese di asparagi - Inoltre, quest'anno si registra anche un notevole aumento della domanda di asparagi pelati, grazie alla maggiore richiesta da parte dei settori del catering e della ristorazione. E anche i dettaglianti stanno facendo più promozioni con gli asparagi pelati".

"Allo stesso tempo, notiamo che nei Paesi limitrofi, soprattutto nel mercato tedesco, la domanda di asparagi olandesi è inferiore rispetto agli altri anni. Non riesco a capire perché. È un peccato, però: anche se nei Paesi Bassi consumiamo la maggior parte degli asparagi che coltiviamo, l'esportazione è più che benvenuta, soprattutto se si considera che il consumo per famiglia in Germania è addirittura superiore a quello dei Paesi Bassi".

"Nelle ultime due settimane questo ha avuto un effetto sull'andamento dei prezzi nel commercio giornaliero. Allo stesso tempo bisogna chiedersi se i prezzi attuali all'asta siano un riferimento per le quotazioni di mercato. Dopotutto, questi sono i volumi per i quali non ci sono clienti e, a mio avviso, bisogna semplicemente assicurarsi di averne per i volumi che si coltivano. Nelle prossime due o tre settimane ci saranno ancora buoni quantitativi sul mercato, ma poi il calo delle superfici accelererà. Nelle prossime settimane ci saranno parecchi ettari fuori produzione".

Germania: stagione difficile per gli asparagi
Il prodotto nazionale ha dominato la scena con un ampio margine. La disponibilità ha superato di molto la domanda, soprattutto a causa del grande calo di interesse dopo il fine settimana della festa della mamma. Per aggirare o risolvere i problemi, i rivenditori hanno spesso dovuto ridurre le loro richieste. A volte le riduzioni sono state molto severe. Tuttavia, nonostante tali riduzioni le vendite successive non sempre hanno accelerato. In alcuni casi i prezzi hanno continuato a scendere. Solo nel weekend della settimana 19 i clienti hanno assunto una posizione più coraggiosa. Ma anche in questo caso non è stato sempre possibile evitare l'eccesso di scorte. Le valutazioni più basse dei lotti nazionali hanno reso difficile per le importazioni europee guadagnare quote di mercato. Di conseguenza anche le loro quotazioni sono crollate.

Secondo un portavoce per gli asparagi della Germania settentrionale, la produzione locale di asparagi non è al 100% della capacità, perché le quantità esistenti non possono essere vendute. I prezzi sono scesi da 20 a 10 euro/kg nel giro di tre settimane. Anche se ci sono aspetti positivi nel settore della gastronomia e della ristorazione, questi vanno presi con le pinze, dato che molti stabilimenti riferiscono di non essere riusciti a tornare ai livelli pre-coronavirus.

Per quanto riguarda gli asparagi verdi, c'è il problema che i dettaglianti commercializzano soprattutto prodotti più economici provenienti dall'estero. Anche la commercializzazione delle catene alimentari si è concentrata maggiormente sui prodotti provenienti dall'estero, ad esempio per i prodotti italiani di qualità soddisfacente. Anche la Spagna è stata indicata come un concorrente particolarmente serio nel settore degli asparagi verdi.

La domanda di asparagi olandesi è diminuita notevolmente in Germania dal momento che i prezzi dei prodotti spagnoli e di altri Paesi sono inferiori. Di solito, non appena la qualità dei prodotti tedeschi diminuisce, i prodotti olandesi entrano nel mercato. Tuttavia, secondo il portavoce, quest'anno non è stato così. Lo stato d'animo dei produttori di asparagi olandesi è stato piuttosto triste, quindi, paragonabile a quello dei coltivatori tedeschi.

Anche se l'asparago bianco rimane un prodotto di punta, l'asparago verde ha registrato una crescita maggiore. D'altra parte, si prevede che molte aziende produttrici, soprattutto quelle piccole, smetteranno probabilmente di produrre del tutto, mentre le grandi aziende ridurranno le loro superfici. Il crollo dei consumi, a cui si è appena aggiunta la guerra in Ucraina, rappresenta una situazione estrema. Il problema sembra derivare in parte dai prezzi praticati all'inizio della stagione, ritenuti troppo alti. Sebbene la produzione sia aumentata di 1 euro/kg a causa dell'aumento dei salari di oltre il 25%, attualmente gli asparagi sono più economici rispetto agli anni precedenti.

Il portavoce vede anche pochi impulsi positivi da parte del settore della vendita al dettaglio per cambiare la situazione. Tuttavia, il clima è stato favorevole sia per le colture di asparagi sotto copertura che per le fragole. All'inizio di maggio la disponibilità ad acquistare e consumare questi prodotti è migliorata un po'. Secondo lui, queste sfide colpiranno soprattutto le piccole aziende agricole del sud della Germania. Un tempo, il sud traeva vantaggio dal fatto di poter realizzare buone vendite con buoni volumi all'inizio della stagione. Le aziende agricole della Germania meridionale erano in grado di ottenere buoni risultati, soprattutto all'inizio della stagione, prima che arrivassero i prodotti dal nord. Quest'anno la pianificazione non ha funzionato perché la stagione è iniziata con prezzi bassi.

In Germania gli asparagi e le fragole di importazione possono essere offerti in modo più vantaggioso rispetto agli asparagi tedeschi, perché i salari sono più bassi. In Italia, per esempio, non esiste un salario minimo. In Spagna il salario minimo è di 6,06 euro l'ora, in Grecia di 3,83 euro l'ora e in Ungheria di 3,21 euro l'ora. La Germania, con un salario attuale di 9,82 euro l'ora, è già più di 1,5-2,5 volte superiore, secondo un'altra associazione della Germania meridionale.

Regno Unito: inizio lento della stagione degli asparagi
In Regno Unito la stagione degli asparagi è iniziata lentamente a marzo, con un ritardo di un paio di settimane, ma all'apertura ufficiale della stagione inglese, il 23 aprile, la produzione si era rimessa in pari ed era tornata in linea con i tempi previsti e i coltivatori stavano passando dalla produzione in tunnel a quella in campo aperto, con l'aspettativa di avere il 100% di asparagi inglesi sugli scaffali entro la prima settimana di maggio.

Inoltre, all'inizio di maggio anche la raccolta di asparagi scozzesi era ben avviata, con l'arrivo dei primi raccolti nel Perthshire a metà aprile.

Al momento ci troviamo in alta stagione, la domanda è buona e la maggior parte dei rivenditori praticano promozioni sugli asparagi. Le maggiori sfide che i coltivatori devono affrontare sono i costi crescenti, uno dei quali è la manodopera, che scarseggia anche a causa di un arretrato nella lavorazione dei visti. Inoltre, in questa stagione il governo britannico ha introdotto un aumento del salario minimo per i lavoratori stagionali, che ha comportato un aumento dei costi salariali del 20-30%.

Francia: inizio complicato per gli asparagi francesi
In generale la stagione degli asparagi di quest'anno è stata molto complicata per i coltivatori francesi. Il motivo è una notevole carenza di consumo, nonostante una produzione inferiore del 10-30% rispetto al 2021. Tra i quattro principali bacini di produzione che sono la Nuova Aquitania, il Sud-Est, l'Anjou e l'Alsazia, sono le regioni esportatrici (al di là dei confini regionali) ad aver sofferto maggiormente di questa mancanza di domanda. In effetti, l'Alsazia, che conta molti piccoli produttori e dove la vendita diretta è ben sviluppata, è stata meno colpita dalla situazione.

I produttori i cui asparagi si trovano su mercati di interesse nazionale come Rungis e Perpignan, hanno visto il prezzo della loro produzione scendere per circa tre settimane, a causa della marcata presenza di altre provenienze come Germania, Paesi Bassi, Belgio o Spagna. Una situazione amplificata dalla volontà di alcune nazioni, come i Paesi Bassi, di preferire la vendita in perdita su altri mercati piuttosto che sul proprio. Ecco perché alla fine della settimana 20 a Rungis il prezzo di un mazzo di asparagi verdi era di 1,5 euro e quello degli asparagi bianchi di 2 euro.

La situazione è molto complicata anche per gli asparagi biologici. La mancanza di consumo sta colpendo anche questo settore, inducendo alcuni produttori a vendere i loro asparagi biologici sul mercato convenzionale. Questa situazione non solo ha causato una grande perdita in termini di fatturato per questi coltivatori di asparagi, ma ha anche contribuito alla congestione del mercato convenzionale.

Di fronte alla carenza di consumo alcune regioni produttrici sono costrette a interrompere la produzione una quindicina di giorni prima del solito. Il Sud-Ovest e il Sud-Est stanno attualmente interrompendo la raccolta e l'Anjou terminerà a fine mese. In generale, i produttori che avranno avuto la meglio sono quelli che hanno iniziato per primi la campagna. Tuttavia, per la maggior parte di loro il periodo cruciale della Pasqua, ovvero quando i livelli di consumo sono sempre i più consistenti, è andato piuttosto bene.

Italia: la domanda scarseggia, calo dei prezzi del 20%
La stagione degli asparagi è iniziata in ritardo, nella provincia di Foggia (Puglia). Un produttore e commerciante riferisce: "Il boom delle produzioni è avvenuto subito dopo Pasqua. Successivamente, si è registrato un crollo di prezzi e domanda. Il maltempo ha rallentato la crescita degli asparagi e, per fortuna, le scorte in magazzino si sono finalmente ridotte. Nello scorso fine settimana, è aumentata la richiesta di prodotto. A fronte di circa il 20% in più di costi vivi, vendiamo i nostri asparagi al 20% in meno rispetto alla precedente campagna. E questo malgrado una resa inferiore di circa il 20%". Questa situazione si registra a livello nazionale ed estero.

"Il problema reale è che manca programmazione. Si lavora alla giornata", continua il produttore e commerciante. "Inoltre, la manodopera scarseggia e perciò si limitano le lavorazioni; non si realizzano imballi da 250 grammi o vaschette, ad esempio. E si preferisce non raccogliere il prodotto: a rotazione di campo, lasciamo nei terreni circa il 10-15% degli asparagi. Questo ci permette, in realtà, anche di non pressare maggiormente il commercio. La legge di mercato è infatti chiara: maggiore l'offerta, minori i prezzi"

Un consorzio di produttori di asparagi del Trentino Alto Adige, nell'estremo nord d'Italia, ha appena concluso la raccolta e la vendita del prodotto. I prezzi sono stati molto buoni fino al periodo di Pasqua, poi la richiesta è crollata in maniera significativa. Le quantità raccolte sono state superiori a quelle del 2021 del 15%. Anche la qualità del prodotto si è rivelata in linea con le aspettative.

Spagna: 30% di resa in meno a causa del freddo primaverile
La stagione degli asparagi verdi si concluderà tra circa due settimane a Granada, la più grande area di coltivazione della Spagna. La raccolta è iniziata con circa due settimane di ritardo a causa delle temperature rigide e del clima secco della regione. Le piogge primaverili hanno in qualche modo attenuato la carenza d'acqua, anche se quest'anno i raccolti sono stati inferiori del 30% a causa delle temperature rigide. I prezzi sono stati buoni fino alla prima settimana di maggio, quando altri Paesi europei hanno iniziato la raccolta locale, nella maggior parte dei casi con circa due settimane di anticipo, grazie al clima estivo.

La domanda di asparagi verdi spagnoli è quindi diminuita, anche se i prezzi continuano a resistere, dato che alcuni rivenditori europei si sono orientati verso il prodotto spagnolo. In circostanze normali la stagione spagnola terminerebbe a metà giugno, ma quest'anno la campagna sarà molto più breve. L'ondata di caldo che ha colpito la Spagna  nella settimana sta influenzando anche la qualità degli asparagi. Tuttavia, quest'anno è stato complicato e per la prossima stagione la superficie potrebbe diminuire, dato che la carenza di manodopera si sta rapidamente aggravando anno dopo anno.

Nord America: buone prospettive nonostante l'inizio in leggero ritardo
La domanda di asparagi del Michigan continua a crescere. "Ogni anno registriamo un aumento delle vendite di asparagi. I rivenditori hanno continuato a promuoverli e a invogliare i clienti ad acquistare il primo raccolto primaverile che il Michigan ha da offrire", afferma uno spedizioniere.

In Michigan le scorte complessive di asparagi sono migliorate negli ultimi giorni a causa del caldo che ha colpito lo Stato la scorsa settimana. "Ma ora le temperature stanno diminuendo, il che contribuirà a mantenere la qualità eccellente. Il volume è un po' più basso rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso", afferma.

In questo momento gli asparagi del Michigan sono in fase di raccolta nelle contee meridionali, risalendo lungo la riva del lago Michigan. "Lo stato americano è partito con circa 10 giorni di ritardo rispetto al normale a causa del freddo", aggiunge. Mentre il Michigan meridionale è partito in ritardo quest'anno - di solito la regione è in anticipo di due o tre settimane rispetto alla regione di coltivazione settentrionale, che invece è puntuale. La produzione andrà avanti fino al 1° luglio.

Tra le altre regioni che stanno effettuando spedizioni ci sono l'Indiana, il New Jersey, Washington, il Canada e alcune importazioni dal Messico e dal Perù. Tuttavia, la domanda di importazioni si sta attenuando, perché gran parte di questa attività verrà spedita a operatori locali come Washington, che passeranno a programmi di coltivazione nazionale.

Per quanto riguarda i prezzi, ci si spetta un aumento di qualche dollaro a cassa degli asparagi rispetto all'anno scorso. "I prezzi fluttueranno leggermente nelle prossime settimane, ma cominceranno ad aumentare con l'arrivo di giugno", afferma.

Australia: calo del volume e del valore
Secondo le ultime statistiche, il volume e il valore degli asparagi australiani hanno subito un leggero calo rispetto all'anno precedente. Per l'anno conclusosi a giugno 2021 le tonnellate prodotte furono 6.857, con un calo del 17% rispetto all'anno precedente, mentre il valore è stato di 81,1 milioni di dollari, con una diminuzione del 6%. Le esportazioni sono scese del 39% in volume a 1.876 tonnellate e del 21% in valore a 19,6 milioni di dollari. Il Giappone ha assorbito la quota maggiore delle esportazioni (67%), seguito da Singapore (9%) e dalla Corea del Sud (8%).

Allo stesso tempo l'Australia ha importato 3.115 tonnellate di asparagi, in aumento rispetto alle 3.068 dell'anno precedente. Sono state importate altre 1.022 tonnellate di asparagi in scatola, mentre ne è stata esportata meno di una tonnellata. L'industria ha la possibilità di aumentare i consumi, dato che solo il 31% delle famiglie australiane acquista asparagi.


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto