Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Rapporto BLE - settimana 19 del 2022

"Le pere importate dal Sudafrica hanno ampiamente dominato la scena"

Sebbene la loro presenza sia stata notevolmente ridotta, le pere importate dal Sudafrica hanno ampiamente dominato la scena sui mercati tedeschi. Le Williams Christ, Packham's Triumph e Rosemarie hanno perso importanza, mentre la Forelle ne ha guadagnato, secondo i rivenditori. Sono seguite per importanza le spedizioni dal Cile e dall'Argentina, ma la loro disponibilità è stata altrettanto limitata. Tuttavia, la domanda potrebbe ancora essere soddisfatta senza difficoltà.

I prezzi non sono cambiati in modo significativo. In alcune piazze, i distributori li hanno leggermente abbassati, sia per motivi di volume che per intensificare il commercio. Tuttavia, a volte si è registrato anche un aumento delle quotazioni.

A Monaco di Baviera, il prezzo dell'Abate Fetel cilena è aumentato a tal punto che le vendite successive hanno subito un rallentamento. I lotti olandesi e belgi hanno completato l'attività a livello locale, così come i prodotti turchi, che lentamente sono stati eliminati. La qualità in questo settore è rimasta ancora convincente, tanto che le vendite sono proseguite con un andamento costante e ai prezzi precedenti.

Mele
Hanno dominato ancora i prodotti locali alternativi, ma la loro importanza è diminuita. Le importazioni dall'emisfero australe hanno riguardato soprattutto la Royal Gala dal Cile e dalla Nuova Zelanda. La cilena Elstar e la neozelandese Cox Orange hanno svolto un ruolo importante all’interno della gamma e la loro presenza è leggermente aumentata.

Uva da tavola
Le merci sudafricane hanno dominato sulla frutta cilena e indiana. Sono state vendute soprattutto Thompson Seedless e Crimson Seedless. Le importazioni dal Perù hanno avuto solo uno status complementare. La disponibilità è notevolmente diminuita. Ma anche la domanda è stata molto più contenuta rispetto a prima.

Fragole
Le consegne dalla Germania sono notevolmente aumentate. In particolare, hanno acquisito importanza le merci coltivate in pieno campo. Sono seguite le forniture olandesi, ma hanno giocato un ruolo maggiore principalmente a Berlino e Amburgo, mentre sono state completamente assenti a Monaco.

Limoni
Il Primofiore spagnolo della raccolta precedente e il Verna, hanno dominato il mercato. I prezzi sono spesso leggermente aumentati, spinti dalle recenti offerte provenienti dalla Spagna.

Banane
Le vendite sono state limitate in varie occasioni. Tuttavia, domanda e offerta spesso si sono bilanciate. I prezzi sono rimasti per la maggior parte ai livelli precedenti.

Cavolfiore
I lotti domestici hanno dominato. Si è ampliata la presenza di lotti belgi e olandesi, mentre è diminuita l'importanza dei prodotti italiani, e soprattutto di quelli francesi. Nel complesso, la disponibilità è risultata leggermente in calo.

Lattuga
Per quanto riguarda la lattuga iceberg, hanno dominato i prodotti spagnoli, ma la loro stagione è lentamente entrata nella fase finale. I prodotti nazionali e olandesi, invece, sono aumentati in importanza. Per quanto riguarda la lattuga, i lotti belgi e domestici hanno condiviso la scena. Le consegne italiane hanno completato il quadro.

Cetrioli
Le offerte di cetrioli sono state esclusivamente olandesi e belghe. Sebbene le forniture siano state limitate, la domanda è stata comunque soddisfatta senza difficoltà, anche se non particolarmente forte.

Pomodori
C'è stato movimento nell'assortimento: le importazioni marocchine, tunisine e turche sono scomparse quasi del tutto e anche le consegne italiane e spagnole sono scese a un livello inferiore. Anche i frutti domestici hanno svolto solo un ruolo minimo. La gamma di prodotti è stata dominata dalle offerte olandesi e belghe.

Peperoni
Le offerte olandesi hanno dominato, seguite dalle merci turche e belghe in termini di importanza. La presenza dei lotti spagnoli è risultata in forte calo, quella dei prodotti domestici è rimasta pressoché uguale. La commercializzazione è stata irregolare e, di conseguenza, anche i prezzi.

Asparago
Le spedizioni nazionali hanno ampiamente dominato la scena. La disponibilità ha superato le vendite. La domanda si è notevolmente ridotta dopo il weekend della festa della mamma. Per evitare o eliminare le scorte, i commercianti spesso hanno dovuto abbassare i prezzi. A volte, anche gli sconti si sono rivelati piuttosto decisi.

Fonte: BLE


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto