Carlos Llambrich, direttore di Llamfruit:

"La campagna delle ciliegie è iniziata dodici giorni in ritardo, con buoni prezzi e grandi calibri"

Nelle aree precoci della regione spagnola dell'Aragona, la campagna delle ciliegie è iniziata con quasi due settimane di ritardo, a causa dell'impatto di un clima più freddo del solito, accompagnato da gelate occasionali. Le vendite sono iniziate con buoni prezzi in un mercato che richiedeva questo prodotto stagionale.

"Abbiamo iniziato a spedire i primi volumi nella settimana 19, 12 giorni dopo rispetto alla stagione precedente", afferma Carlos Llambrich, direttore della Llamfruit Cherry.

"La primavera è stata più fredda e piovosa del solito e, a fine marzo, abbiamo anche avuto delle gelate che hanno messo a dura prova le nostre piantagioni di Mequinenza, soprattutto quelle delle varietà Santina e Chelan. Tuttavia, sono state le altre zone di Saragozza e Lleida a essere molto più colpite", dice Llambrich.

"Prevediamo una perdita di circa il 20% del raccolto, rispetto alle previsioni iniziali, anche se alla fine resta da vedere se i calibri dei frutti compenseranno in parte i volumi inferiori, visto che quest'anno abbondano quelli grandi", afferma il coltivatore ed esportatore, che aggiunge che la qualità è straordinaria quest'anno. "Non avevamo mai iniziato una stagione delle ciliegie con così pochi problemi di spaccature dei frutti".

Ora il clima è soleggiato e caldo, il che favorisce la formazione dei frutti e dovrebbe far aumentare i consumi. Il ritardo nella raccolta ha interessato quasi tutte le aree di produzione spagnole ed europee.

"Sono giorni che riceviamo richieste di carichi di ciliegie perché, dopo i mesi di frutta invernale, si vuole iniziare con un prodotto di stagione come la ciliegia. Pensavamo che il ritardo avrebbe portato a prezzi più bassi, ma a quanto pare non c’è molta frutta disponibile neanche in altre aree precoci. I prezzi di partenza sono buoni e speriamo che la generale carenza di volumi in Europa, quest'anno ci consenta, nei mesi in cui di solito c'è più fornitura, come giugno, di mantenere i prezzi su livelli migliori", sottolinea Carlos Llambrich.

"E le ciliegie non saranno l'unico frutto colpito da una carenza di fornitura. I​il calo dei volumi di pesche, nettarine e albicocche è decisamente maggiore, e questo vale anche per altri frutti estivi, come meloni e angurie".

Tuttavia, si teme che, a seguito del conflitto bellico tra Russia e Ucraina, la Turchia spedirà la maggior parte della sua produzione nei Paesi dell'Ue, dove si trovano i principali mercati per le ciliegie spagnole.

"È ancora troppo presto per dirlo, perché la Turchia inizierà un po' più tardi", afferma Carlos, le cui vendite quest'anno si concentreranno sui mercati europei. "Negli ultimi anni, siamo cresciuti nei Paesi asiatici e mediorientali, ma quest'anno i costi del trasporto aereo sono saliti alle stelle ed è difficile trovare spazio sugli aerei. Se sarà possibile trasferire questo aumento sui prezzi finali, continueremo a spedire dei buoni volumi, anche se prevedo che quest'anno sarà difficile per noi aumentare le nostre esportazioni verso queste destinazioni lontane. L'Europa rimane più interessante".

Per maggiori informazioni:
Carlos Llambrich
Llamfruits Cherry S.L.
+34 618 996 701
carlos@llamfruit.com
www.llamfruit.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto