"Questa è stata la stagione delle mele peggiore degli ultimi 40 anni a Lleida"

E' stata la campagna delle mele più rovinosa degli ultimi 40 anni a Lleida, in Spagna. I costi di produzione sono saliti alle stelle nell'ultimo anno, mentre il prezzo del frutto continua a scendere. Le quotazioni sono diminuite così tanto che, se non migliorano, il settore di Lleida potrebbe perdere 18 milioni di euro quest'anno.

Secondo il responsabile dell'Asaja di Lleida, Pere Roque, produrre un chilogrammo di mele costa ai produttori circa 40 centesimi in più (+40%) a causa dell'aumento del costo delle materie prime e dell'energia, tra le altre cose. Di conseguenza, nella maggior parte dei casi, i produttori perdono fino a 15 centesimi/kg.

Secondo Roque, ciò non avverrebbe se la Legge sulla catena di fornitura alimentare fosse applicata correttamente, poiché questa legge vieta le vendite in perdita. Tuttavia, ha detto, non vengono imposte sanzioni e non viene controllata nemmeno l'etichettatura nei supermercati. Inoltre Roque ha criticato il fatto che le diverse amministrazioni governative non agiscono e non offrono aiuti diretti agli agricoltori, come invece sostengono di fare.

Un altro problema è che il Paese importa frutta da altre nazioni, come l'Italia, la Francia o la Polonia, mentre la frutta locale viene conservata in cella o pagata a prezzi molto bassi, ha aggiunto.

Secondo Joan Serentill, presidente del comitato per le pomacee di Afrucat, il problema è che questi Paesi stanno ottenendo un vantaggio: "Abbiamo un prodotto di alta qualità, ma dobbiamo imparare a venderlo meglio". I consumatori apprezzano sempre di più gli alimenti a chilometro zero, e noi dobbiamo sfruttare questa propensione per posizionare il prodotto locale al livello che merita", ha aggiunto Serentill.

"È necessario trasferire l'aumento dei costi sul prezzo di vendita per evitare che i produttori subiscano perdite e per non mettere a rischio il futuro del settore", ha dichiarato.

Fonte: segre.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto