Numerosi depositi e magazzini fuori dal porto non sono ancora operativi

Riprese le attività portuali a Durban, senza danni ai container o alle navi in porto

Il bilancio delle vittime delle inondazioni nel KwaZulu-Natal, in Sudafrica, è salito a oltre 340 e il presidente Cyril Ramaphosa ha visitato l'area e ha osservato la devastazione: ponti, strade e case sono stati spazzati via lungo la costa del KwaZulu-Natal. Il servizio meteo sudafricano ha inviato un altro avviso di pioggia per questo fine settimana.

Migliaia di famiglie sono rimaste senza casa a causa delle piogge senza precedenti.

Molte strade e ponti di Durban sono stati danneggiati dalle piogge torrenziali (foto per gentile concessione del Sistema di comunicazione e informazione del governo)

Transnet sta lavorando 24 ore su 24 per ripristinare le attività portuali, secondo l'autorità portuale statale, individuando ad esempio delle alternative alla Bayhead Road, la strada di accesso molto trafficata che porta al terminal container di Durban,e  che è stata gravemente danneggiata da quello che il South African Weather Service definisce "meteo inclemente".

Transnet osserva che, in questo periodo, il porto continuerà a dare priorità alla movimentazione dei beni essenziali, inclusi alimenti, forniture mediche e prodotti petroliferi.

Dopo la rimozione dei detriti dal porto, la navigazione è ripresa e alle 14:00 di giovedì 14 aprile, il porto di Durban aveva effettuato 10 delle 11 movimentazioni pianificate delle navi, afferma Transnet.

Segnalazioni di saccheggio dei magazzini
Secondo Maersk, il cui ufficio di Durban è ancora chiuso, non sono stati segnalati danni alle infrastrutture a navi o container all'interno del terminal container e la struttura di stoccaggio pre-refrigerato è rimasta pienamente operativa.

"I depositi nell'area di Durban stanno lentamente riprendendo le attività e abbiamo segnalazioni di danni ai container nei depositi di terze parti. Sono stati segnalati alcuni casi di saccheggio, ma i nostri container erano tutti vuoti perché pronti per le prenotazioni d’esportazione. Pertanto non c’è stata nessuna conseguenza sui carichi dei clienti", afferma la società danese in una nota, aggiungendo che la struttura gestita da Maersk è rimasta operativa senza segnalazioni di danni alla struttura, ai macchinari o ai container, ma che il suo magazzino è stato colpito ed è rimasto non operativo.

Il collegamento ferroviario al terminal è stato sospeso e tutte le flotte di autotrasporti sono rimaste a terra.

Transnet, con il supporto delle parti interessate, continuerà a lavorare 24 ore su 24 per garantire che tutte le attività riprendano il più presto possibile.

Depressione subtropicale Issa
Parte della costa del KwaZulu-Natal è stata colpita da precipitazioni senza precedenti, a causa di un sistema di bassa pressione (responsabile anche del ciclone Demoina del 1984 nel KwaZulu-Natal).

"Per il KwaZulu-Natal, tuttavia, l'effetto del sistema di bassa pressione è stato notevolmente potenziato dalla presenza di aria marittima di livello più basso che arriva dall'Oceano Indiano meridionale, spingendo così il sistema a produrre più precipitazioni. Inoltre, la fonte originaria dell'aria marittima proveniva dalle parti più calde e subtropicali dell'oceano", ha spiegato all'inizio di questa settimana il servizio meteo sudafricano.

Immagine satellitare del 12 aprile 2022, "che indica chiaramente il vortice ciclonico di una profonda nube convettiva, associata a forti piogge, appena al largo della costa meridionale del KwaZulu-Natal", secondo il South African Weather Service (copyright: Eumetsat)

Il sistema di bassa pressione, che si muove in senso orario, è stato classificato come depressione subtropicale e chiamato Issa.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto