Ecuador: fondo di emergenza e niente nuove piantagioni di banane

Una settimana fa il ministro dell'agricoltura Pedro Álava e sette rappresentanti del settore delle banane dell'Ecuador hanno firmato un atto che elenca otto riforme da implementare per il benessere del settore. I coltivatori di banane di El Oro si sono riuniti giovedì scorso a Guabo per rifiutare la firma di questo accordo. Anche se l'accordo include alcune richieste della Federazione Nazionale dei Coltivatori di Banane dell'Ecuador (Fenabe), infatti, questo sindacato ha dichiarato che non lo sosterrà.

Secondo questo atto, al quale EXPRESO ha avuto accesso, il Ministero si impegna a "rendere praticabile un fondo di emergenza, che sarà amministrato attraverso un trust e finanziato dal settore produttivo delle banane, determinando un contributo di 0,5 dollari per ogni cassa esportata". L'idea è che con queste risorse sia possibile acquistare la frutta che, nelle ultime settimane, ha smesso di essere venduta a causa della guerra tra Russia e Ucraina, due paesi che assorbivano il 25% di tutte le spedizioni.

Un altro degli accordi consiste nel negoziare con la Presidenza della Repubblica "l'eliminazione del Decreto Esecutivo 183, firmato il 2 settembre 2021, che estende la registrazione e la piantagione di nuove estensioni di banane", in un momento in cui l'eccesso di offerta di colture e frutta sta influenzando i prezzi di mercato.

Fonte: ecuadortimes.net


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto