Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

A marzo i prezzi dei pomodori hanno tenuto bene

Nei Paesi Bassi, a marzo, i prezzi dei pomodori sono raddoppiati rispetto al solito. In media, un chilogrammo ha fruttato 2,82 euro, secondo il dashboard del pomodoro della Commissione europea. Anche in altri Stati membri, i prezzi dei pomodori sono alti. Ciononostante, a marzo, in linea con le medie quinquennali, si è registrata una specie di flessione dei prezzi, almeno nei Paesi Bassi e in Belgio. Il calo effettivo sembra arriverà però più avanti in questa stagione. Il mercato teme una drastica flessione dei prezzi dopo Pasqua.


Clicca qui per un ingrandimento dell'immagine

In generale, a marzo il prezzo non è stato questo nell'Unione europea. La quotazione media al chilogrammo è addirittura salita leggermente a 2,15 euro. Si tratta di un lieve aumento, in linea con la media quinquennale.


Clicca qui per un ingrandimento dell'immagine

Anche Italia e Paesi Bassi seguono l'andamento dell'ultimo quinquennio, seppur con livelli di prezzo molto più elevati. In Italia, il prezzo al chilogrammo è inferiore alla media dell'Unione europea, nei Paesi Bassi è molto al di sopra. Per l'Italia questo significa che, a marzo, i prezzi sono scesi leggermente di più dell'anno scorso e sono stati del 25% superiori alla media quinquennale.


Clicca qui per un ingrandimento dell'immagine

Nei Paesi Bassi, il prezzo è stato due volte più alto ed è sceso anche di qualche punto percentuale da febbraio a marzo, rispetto alla media degli ultimi cinque anni.


Clicca qui per un ingrandimento dell'immagine

In Spagna, negli ultimi cinque anni, il prezzo è talvolta leggermente aumentato a marzo, in media dell’1% rispetto al mese precedente. Questo non è successo quest'anno. Tuttavia, a marzo, il prezzo al chilogrammo si è mantenuto più alto, in media del 67%, rispetto agli ultimi cinque anni.


Clicca qui per un ingrandimento dell'immagine

La Francia è sempre il Paese con il prezzo al chilogrammo più alto nella dashboard. A marzo, il prezzo di 3,83 euro/kg è del 39% superiore alla media degli ultimi cinque anni.


Clicca qui per un ingrandimento dell'immagine

Il Belgio non è incluso nella dashboard, ma i dati della Federation of Belgian Horticultural Cooperatives (VBT) mostrano che a marzo i prezzi sono stati molto al di sopra della media quinquennale, come nei Paesi Bassi. Non c'è ancora un vero calo dei prezzi. Negli anni precedenti, la quotazione ha iniziato a scendere notevolmente da circa metà marzo in poi. Quest'anno non è stato così. La scorsa settimana, il prezzo giornaliero per i pomodori a grappolo è addirittura leggermente aumentato, con la Pasqua in arrivo. In particolare, nel caso dei pomodori a grappolo, si nota che i numeri forniti nelle ultime settimane sono ancora la metà di quelli dell'anno scorso. Per i pomodori sfusi la percentuale è più bassa, ma anche qui i numeri forniti non sono sugli stessi livelli dell'anno scorso. Nella settimana 14, ad esempio, la fornitura di pomodori a grappolo è diminuita del 45% e quella dei pomodori sfusi del 39%. Nelle settimane precedenti, la percentuale di pomodori a grappolo è stata spesso addirittura inferiore al 50%.

Quello che preoccupa il mercato è quello che succederà dopo Pasqua, quando sempre più produzioni saranno a buon punto. A differenza di altre annate, sembra arriveranno sul mercato più produzioni contemporaneamente, a causa del posticipo delle coltivazioni dovuto alla crisi energetica. Tuttavia, nessuno sembra sapere esattamente cosa accadrà. Se c'era una "tabella di marcia per il commercio del pomodoro", è stata sconvolta durante il periodo della pandemia e ora anche a causa dei problemi energetici.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto