Situazione sul mercato dell'avocado e previsioni per la stagione estiva

"C'è ancora tanta frutta da raccogliere in Spagna, Marocco e Israele"

Senza dubbio, la fine del 2021 e l'inizio dell'anno in corso non sono andati come il settore dell'avocado auspicava, in Europa. Per analizzare la prossima stagione estiva, abbiamo parlato con Oscar Martínez e Miguel Ángel Loayza della Compañía Aguacatera del Sur, con sede a Malaga, uno tra i principali operatori del settore dell’avocado sul mercato spagnolo ed europeo.

"Le difficoltà per il mercato dell'avocado sono cominciate a novembre, con i primi arrivi della stagione invernale di Colombia e Messico. Sfortunatamente, il Messico è arrivato con una predominanza di calibri piccoli, che sono anche quelli predominanti nei container provenienti dalla Colombia. Pertanto, i segmenti di vendita di questi calibri sono stati subito coperti. Successivamente, i prezzi sono scesi molto velocemente, quindi entrambe le origini hanno deciso di interrompere le spedizioni, a causa della situazione del mercato", afferma Oscar Martinez.

"In tale contesto, e a differenza delle stagioni precedenti, le origini mediterranee - Spagna, Marocco e Israele - non hanno ancora iniziato. Già a dicembre e all'inizio di gennaio avevamo anticipato che sugli alberi di tutti i paesi fornitori c’erano molti frutti", afferma Miguel Loayza.

Ed è questa la situazione, al momento: c’è una notevole quantità di frutta ancora da raccogliere in Marocco, Israele e Spagna. "Da parte sudamericana, la Colombia continua a effettuare spedizioni, anche se in quantitativi minori, mentre il Perù ha già la sua frutta sul mercato, con un ritmo di spedizioni che supera già i 100 container di avocado Hass a settimana, quindi la campagna si sta sviluppando rapidamente", dicono Martinez e Loayza.

"Quest'anno, la tradizionale 'finestra commerciale di marzo' sembra essere molto più compromessa e ridotta rispetto agli anni precedenti. Infatti, qualora dovesse aprirsi, probabilmente si tratterebbe di qualche settimana di aprile, quando le origini mediterranee stanno chiaramente riducendo le loro spedizioni e poco prima che inizino le più grandi aree del Perù, come Olmos", affermano i due operatori.

Un altro problema che sta già sollevando altre preoccupazioni è la logistica. "Il costo del trasporto, in alcuni casi, è addirittura raddoppiato. Ed è diventato molto difficile trovare spazio nei porti richiesti. Molte volte, il ricorso a opzioni portuali alternative genera solo costi aggiuntivi, oltre alla situazione attuale dell'aumento dei prezzi del carburante e, quindi, delle maggiori spese per il trasporto", continuano Martinez e Loayza.

Tuttavia, l'opportunità sta nel poter organizzare e controllare i volumi settimanali che vengono spediti in Europa, secondo i responsabili dell'azienda. "L'anno scorso, il Perù ha affrontato questo problema abbastanza bene. Non ci sono stati picchi fino alla fine della stagione, consentendo quindi un livello stabile di spedizioni ed evitando i picchi di volume che hanno fatto così tanti danni nel 2020".

"Se tutti gli operatori coglieranno questa opportunità e se le strategie commerciali sugli altri mercati funzioneranno correttamente, dovremmo avere di nuovo una campagna regolare, che ci consentirà di superare, in parte, le nuove sfide", dicono Martinez e Loayza.

In questo contesto, l'azienda prevede che, nel 2022, il suo fatturato si mantenga sopra i 20 milioni di euro, continuando a sviluppare e consolidare le proprie attività in tutti i mercati in cui opera.

Per maggiori informazioni:
Miguel Ángel Loayza
Compañía Aguacatera del Sur
M: +34 634 647 337
miguel@aguacateradelsur.com

Oscar Martínez
oscar@aguacateradelsur.com 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto