Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Rapporto della Ailimpo

Quest'estate si prevede maggiore concorrenza e pressione sul mercato europeo dei limoni

La campagna dei limoni spagnoli Fino (o Primofiore) sta per concludersi e i prezzi sono stabili. Nelle ultime due settimane, le quotazioni delle operazioni di trading sono aumentati a causa dell'approssimarsi della fine della campagna, forse per il desiderio di provare ad avere abbastanza frutti per prolungare la campagna del Fino, o semplicemente per pura speculazione, due comportamenti che di solito vanno insieme, secondo Ailimpo. I prezzi sono in media tra 0,31 e 0,37 euro/kg nella regione di Murcia, la principale area di produzione spagnola.

"In ogni caso, il risultato è che i prezzi all'origine dovrebbero, in media, essere abbastanza alti da garantire una campagna redditizia per i produttori dei Fino", affermano fonti dell'interprofessionale.

Inoltre, una domanda attiva in termini di volumi conferma che i livelli di consumo in Europa sono buoni, anche se i prezzi pagati dalle catene di distribuzione sono sicuramente scoraggianti, cosa che ha portato la scorsa settimana alla denuncia dell'interprofessionale, con una lettera indirizzata alle catene di supermercati.

"Ci sono due realtà del tutto disallineate, due mercati non collegati, e questo sembra stia rompendo la normale logica della domanda e dell'offerta. Ma le cose stanno così", sostengono all’interprofessionale.

In quest’ultima parte della campagna del limone Fino, la produzione è ferma, anche se i maggiori costi, non solo della frutta, ma anche dell'energia, dei materiali, degli imballaggi, dei trasporti, fra gli altri, non vengono trasferiti al mercato di vendita.

Per quanto riguarda la guerra russo-ucraina e il suo impatto sui limoni, la Ailimpo afferma che la Russia sta già subendo una forte svalutazione del Rublo, insieme alla difficoltà nel pagare le importazioni. Nel caso dell'Argentina, l'inizio della stagione, tradizionalmente a marzo, è stato posticipato a causa delle previsioni negative per questi mercati. L'attenzione sarà quindi rivolta al commercio con l'Ue, il Regno Unito e gli Stati Uniti. Nel caso del Sudafrica, il principale fornitore di limoni di questi mercati, anche in quest’area l’attività è a rischio. "Il risultato quest'estate sarà una maggiore concorrenza e pressione sul mercato europeo, dove la situazione economica non è favorevole, e ciò potrebbe avere un impatto sui consumi".

Le vendite di pompelmi sono molto inferiori rispetto agli anni precedenti
C'è ancora poco dinamismo nelle vendite di pompelmi. L'attività è molto più lenta rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti. Nel caso di Israele, c'è stato un graduale calo delle importazioni in Europa. Continuano a diminuire anche gli arrivi dalla Spagna e si conferma un calo dei volumi turchi, dovuto essenzialmente ai controlli sugli agrofarmaci. La domanda del mercato è ancora modesta. Nonostante il calo della fornitura della Florida, l'aumento dei costi di trasporto sta aumentando il costo del prodotto. Di conseguenza, le vendite sono fiacche e i prezzi rimangono invariati.

Per quanto riguarda il conflitto bellico in Ucraina, l'impatto sul pompelmo è molto limitato perché le esportazioni in Russia rappresentano in media solo il 2% delle esportazioni totali della Star Ruby di Israele.

Per maggiori informazioni: www.ailimpo.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto