Finora ottime vendite per le pere, surplus di offerta per le drupacee

L'estrema incertezza in Russia potrebbe portare a nuove destinazioni per la frutta sudafricana

"Avrò ricevuto più di cento chiamate da persone che vogliono la mia opinione su ciò che accadrà in Russia", afferma Francois Hugo della società d’esportazione Pomona Fruit che opera da anni sul mercato russo, principalmente per la vendita al dettaglio. "Posso darti i prezzi delle pere sul mercato, ma non so cosa accadrà nell’ambito geopolitico".

Quest'anno, la Pomona Fruit ha inviato in Russia grandi volumi di drupacee (pesche, nettarine e prugne), pere (Williams BC e Packhams) e uva da tavola, e ora sono in viaggio le prime spedizioni di limoni.

Drupacee sudafricane in un supermercato russo

Quello che sanno gli osservatori della Russia come lui, ricordando l'invasione della Crimea del 2014, un periodo terribilmente teso per l'azienda, è che la forza del Rublo sarà sicuramente instabile per un po' e i russi dovranno pagare di più per la frutta.

"Il maggiore rischio per noi è che la Russia venga esclusa dal sistema bancario SWIFT, ma molti dei nostri clienti al dettaglio hanno una presenza anche al di fuori della Russia, e questo dà loro più spazio di manovra. Stiamo anche considerando i bitcoin e la criptovaluta".

Ci sono oggi esportatori sudafricani che stanno pensando di deviare su Rotterdam i container con limoni, pere, uva da tavola e drupacee diretti a San Pietroburgo, e questo potrebbe avere un effetto domino molto più ampio, soprattutto visto che la Russia ritira cultivar specifiche (come i Satsuma) e particolari calibri (come le arance grandi, per le quali il mercato è limitato nel sud Europa).

"Non è che l'intera Russia smetterà di mangiare ortofrutta. Penso che l'accesso ai prodotti ortofrutticoli sia un diritto umano".

L'assenza delle pere Conference europee crea opportunità per il Sudafrica
"Finora la stagione è andata molto bene e attualmente il mercato delle pere sudafricane in Russia è eccellente", afferma Francois. "La domanda è straordinaria a causa del blocco delle importazioni di pere Conference dall’Europa e, di conseguenza, della mancanza di prodotti alternativi. Stiamo registrando prezzi molto alti sulle pere. I frutti sudafricani sono la prima scelta". La Russia ha ricevuto il 21% delle pere sudafricane fino alla settimana 7.

Anche le drupacee sono andate molto bene, ma si è verificato un leggero aumento di arrivi a San Pietroburgo, con conseguente surplus di susine sudafricane. Le esportazioni di susine in Russia sono superiori del 47% da inizio anno, rispetto alla stagione 2020/21.

"L'importante è mantenere la calma. Se la mia assicurazione marittima e la mia assicurazione del credito fossero revocate, la decisione di non esportare sarebbe di fatto presa, perché sarebbe un rischio troppo grande da affrontare. Quindi dovremmo riconsiderare i nostri programmi di vendita al dettaglio, ma detto questo, la domanda russa di frutta non scomparirà. Secondo me bisogna agire assicurando, per quanto possibile, agricoltori e soldi".

Per maggiori informazioni:
Francois Hugo
Pomona Fruit
Tel: +27 23 626 1890 / +27 83 647 7440
Email: francois@pomonafruit.com
Web: pomonafruit.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto