Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Javier Baun, presidente della Spanish Tropical Association, analizza l'attuale campagna

"Sarebbe una tragedia se dovessimo iniziare a sradicare gli alberi di avocado per la carenza idrica"

Nella regione di Axarquia, a Malaga, la campagna dell'avocado è in pieno svolgimento, e quest'anno sembrano esserci rese inferiori per ettaro e un'abbondanza di calibri piccoli. La raccolta sta procedendo lentamente, a causa di un mercato più fiacco del solito.

"Finora, quest'anno le vendite sono lente. Il mercato è tranquillo e non sappiamo molto bene quali siano le ragioni. La raccolta sta procedendo molto lentamente e molte aziende agricole che dovrebbero già aver terminato la raccolta, sono ancora in piena attività", afferma Javier Braun, presidente dell'Associazione spagnola per la frutta tropicale.

I prezzi all'origine sono compresi tra 2,30 e 2,40 euro/kg. "Sebbene queste quotazioni siano già accettabili e garantiscano dei margini di profitto, potrebbero esserci dei coltivatori che stanno aspettando un aumento prima di procedere con la raccolta. Credo però che sia la mancanza di domanda a rallentare la raccolta. Siamo in competizione sui mercati con gli abbondanti volumi provenienti da Marocco e Colombia", afferma Javier Braun.

Tuttavia, c'è un motivo di maggiore preoccupazione per il settore, ed è la carenza d'acqua. La regione di Axarquia ha circa 9.700 ettari dedicati agli avocado e circa 4.000 ettari ai mango. Le colture subtropicali sono il motore dell'economia di questa regione, che comprende 31 municipalità.

"I produttori stanno esaurendo le riserve idriche. In tutti questi anni abbiamo denunciato il problema alle pubbliche amministrazioni, considerato che la superficie dedicata alle colture subtropicali ha avuto un notevole sviluppo. A peggiorare le cose, questo è stato un anno molto secco e ci sono state delle restrizioni nella distribuzione della risorsa idrica, che stanno portando a una sempre maggiore carenza di acqua che, a sua volta, ha portato a una riduzione dei calibri e a una potatura intensiva, nel disperato tentativo di ridurre la massa fogliare degli alberi e risparmiare quanta più acqua possibile", afferma Javier Braun.

La carenza idrica per l'irrigazione nel bacino di La Viñuela sta facendo disperare i produttori. "Cerchiamo di tenere duro ma, se continua a non piovere e non vengono effettuati dei lavori di emergenza, potremmo iniziare a sradicare gli alberi di avocado. Sarebbe una tragedia, in una regione dove il 90% delle donne e degli uomini lavora nel settore dei frutti subtropicali. In questo momento, si prevede un raccolto inferiore per il mango".

Esiste una normativa europea che non consente lo scarico dell'acqua in mare. "Siamo disposti a pagare le tubature in modo che l'acqua degli impianti di trattamento delle acque reflue possa arrivare a noi, ma con l'aiuto dell'amministrazione, ed è a questo che dovrebbe servire il decreto siccità", afferma Braun.

Da anni, l'area vocata alla coltivazione dell'avocado si sta espandendo in altre province, come Cadice, Huelva, Valencia o Castellon, anche se Malaga rappresenta ancora circa il 60% della produzione nazionale e il 90% della produzione di mango.

Per maggiori informazioni:
Asociación Española de Tropicales
Avda. Condado de Huelva, 9
29740, Torre del Mar, Malaga, Spagna
Tel.: +34 952 96 58 24
Cell.:+34 660 611 200
Email: info@asociaciondetropicales.com 
Web: www.asociaciondetropicales.net


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto