Vanessa Bersuat, Biogaronne:

"Saremo tra i primi a immettere sul mercato la fragola Gariguette biologica"

Intorno al 15 marzo, la francese SARL Biogaronne inizierà a raccogliere la sua prima Gariguette coltivata in serra. Vanessa Bersuat, direttore vendite e acquisti di frutta e verdura biologica, spera in una campagna migliore della precedente.

"La stagione 2021 è stata piuttosto limitata, con grandi volumi ma pochi consumi, a causa di una primavera molto piovosa. In generale, vendiamo tra le 22 e le 28 tonnellate di fragole all'anno, di cui 7 tonnellate di Gariguette. Quest'anno prevediamo di vendere da 10 a 15 tonnellate di questa varietà, e dovremmo essere ancora una volta tra i primi a immettere sul mercato la Gariguette biologica, grazie all'alto livello di insolazione di cui beneficia la regione".

Crescente domanda di fragole biologiche
Oltre alla Gariguette, la Biogaronne fornisce anche altre varietà di fragole come Séraphine, Laetitia, Cléry e Mariguette, tutte in commercio con l’etichetta Agriculture Biologique, così come gli altri prodotti ortofrutticoli venduti dall'azienda. Negli ultimi anni, è aumentata la richiesta di fragole biologiche.

"Le fragole convenzionali hanno una cattiva reputazione a causa dell'uso di pesticidi, mentre la crescente domanda di fragole bio è più marcata rispetto ad altri prodotti. Gli ultimi due anni sono stati piuttosto particolari, poiché il 2020 ha coinciso con il primo lockdown, durante il quale è esplosa la domanda di prodotti biologici, mentre il 2021 ha mostrato un calo dei consumi, probabilmente dovuto al clima sfavorevole".

Basso consumo di frutta e verdura biologica
A parte la fragola, il mercato del biologico non è immune dalle difficoltà che sta attraversando quello convenzionale. L'aumento dei costi di produzione si scontra con un basso livello dei consumi.

"Oggi i costi aumentano a tutti i livelli: materie prime, manodopera, energia, fra gli altri. Tutto è più caro. Oltre a questo, da giugno 2021 e soprattutto da ottobre 2021, il consumo di prodotti biologici non è risultato affatto dinamico. Il numero crescente di etichette che compaiono sul mercato pone anche un freno al consumo di prodotti bio. Tra biologico, HEV, agricoltura locale e razionale, zero pesticidi, il consumatore si perde. Alla fine, tutto questo non favorisce la produzione biologica, in quanto molti consumatori preferiscono acquistare un prodotto convenzionale con un’etichetta, piuttosto che un prodotto bio più costoso”.

Vassoi completamente nuovi
Anche per quanto riguarda il confezionamento, la Biogaronne si è recentemente adeguata alla Legge AGEC e alle richieste dei suoi clienti. "Con la crisi sanitaria, i nostri clienti non vogliono più un vassoio completamente aperto. Inoltre, non vogliono che le fragole vengano vendute in una confezione completamente opaca, dove il prodotto non è visibile. Per adattarci al mercato e alla domanda dei nostri clienti, stiamo attualmente mettendo a punto un vassoio completamente nuovo".

L'azienda vende la sua produzione di fragole biologiche con l'etichetta Southwest Organic Fair Trade, a marchio Biogaronne. Oltre alle fragole, la Biogaronne ha un'ampia gamma di frutta e verdura biologica tra cui mele, kiwi, fragole, lamponi, mirtilli, soncino, insalate, pomodori e cetrioli provenienti da 80 produttori delle regioni francesi della Nouvelle-Aquitaine e dell'Occitania.

Per maggiori informazioni:
Vanessa Bersuat - Sales Manager
Biogaronne
Romas RD 13, 47130 Port-Saint-Marie (Francia)
+33 05 53 98 39 10
v.biogaronne@orange.fr
biogaronne.info


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto