Due tendenze principali: garanzia di origine al 100 per cento e produzione biologica

Il rafano attira sempre più attenzione

L'inverno è il periodo del rafano: questo salutare ortaggio a radice viene coltivato su larga scala, soprattutto in Baviera (Germania), dove viene trasformato in gustose specialità. Con una quota di circa il 30% del mercato tedesco totale, l'azienda tradizionale Schamel, con sede a Baiersdorf, è di gran lunga leader.

Abbiamo parlato con Matthias Schamel, la sesta generazione alla guida aziendale, della stagione in corso e dello sviluppo a lungo termine del mercato.


Rafano fresco da tavola per i rivenditori di generi alimentari tedeschi

Nonostante i problemi legati alla pandemia e le restrizioni nel settore della gastronomia, finora Schamel considera la stagione del rafano un successo. "I volumi di vendita nella gastronomia non sono gestibili a causa delle restrizioni, ma siamo riusciti a compensare con la vendita al dettaglio. All'interno dell’azienda, siamo stati in grado di gestire bene le disposizioni generali anti-Covid, anche se sono un ulteriore onere per i nostri dipendenti e per l'intera realtà".


L'attuale direzione: Matthias Schamel (a sinistra) e Andreas Schöppl.

Favorire l’approvvigionamento di materie prime
La maggior parte del rafano regionale viene raccolto tra ottobre e dicembre e, in parte, anche fino a febbraio. "Finora la resa è nella media e la maggior parte degli agricoltori regionali è soddisfatta. Al contrario, quest'anno si è registrato un volume inferiore nei Paesi di approvvigionamento dell'Europa orientale", afferma Schamel, che si rifornisce di circa la metà delle sue materie prime dall'estero.

In Baviera, Schamel è quasi l'unico acquirente e promotore del rafano bavarese geograficamente protetto. "In termini di materia prima regionale, possiamo prevedere quantità sufficienti, a condizione di non avere anni di siccità".


Rafano fresco

L'anno scorso la Schamel ha celebrato il suo 175mo anniversario, una nuova pietra miliare nella lunga storia dell'azienda. "Non ci concentriamo sulla massimizzazione del profitto a breve termine, ma piuttosto sull'alta qualità nel lungo periodo. Per noi è importante soprattutto poter lasciare in eredità alla generazione successiva un'azienda sana", afferma Schamel.

Così facendo, si favorisce la creazione di nuovi canali di vendita e, soprattutto, si conquista la fascia più giovane di acquirenti di rafano. "Sebbene i nostri prodotti siano destinati principalmente all'industria alimentare, siamo entrati anche nel settore dei prodotti farmaceutici di origine naturale, perché abbiamo capito che potrebbe aver bisogno del rafano".


L’ultimo anno, in occasione dell’anniversario, sono state lanciate diverse "Edizioni Speciali"

Cresce il biologico
Negli ultimi anni, l'azienda ha investito molto nel marketing, come il brand, le app di cucina e l’ampliamento della gamma. "Sebbene il classico rafano da tavola e la crema di rafano siano ancora le varietà più popolari, abbiamo testato prodotti come le scaglie di rafano e, l'anno scorso, il rafano alla crema di mango e fichi. Per l'estate sono previsti altri nuovi prodotti".

Inoltre, Schamel afferma che il rafano sta attirando sempre più attenzione, soprattutto da parte degli acquirenti biologici. "Il biologico non è una novità per noi. Al contrario, dal 1999 siamo certificati biologici. Da tre anni, ci allarghiamo sempre più sul mercato del bio attraverso nuove linee di prodotti. Il nostro rafano biologico non è solforato e viene delicatamente coltivato e trasformato in Baviera. Questo ci ha permesso di affrontare due tendenze principali: garanzia di origine al 100% e produzione biologica".


Recentemente è stato messo in funzione un nuovo impianto di lavaggio.

Foto: Schamel Meerrettich & Co.

Per maggiori informazioni:
Matthias Schamel
Schamel Meerrettich GmbH & Co. KG
Johann-Jakob-Schamel-Platz 1
D-91083 Baiersdorf - Germania
Tel.: +49 (0) 9133 / 7760 - 31
Fax: +49 (0) 9133 / 7760 - 88
Email: ms@schamel.de 
Web: www.schamel.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto