Nei mesi di novembre e dicembre i lamponi marocchini sembrano soppiantare quelli spagnoli

Gennaio è stato finora un mese freddo, in Spagna, e questo sta ritardando la maturazione dei piccoli frutti di Huelva, in particolare delle fragole, i cui volumi sono scesi del 20% al di sotto della media abituale fino ad oggi.

"A Huelva, fino al 15 gennaio, il prezzo medio delle fragole è stato superiore a quello dell'anno scorso, a causa della carenza di volumi. Tuttavia, l'offerta e la domanda sono ancora in equilibrio, poiché gennaio di solito non è un mese con una forte domanda", afferma Rafael Dominguez, direttore di Freshuelva.

Se prevé estabilización en superficie de fresa, reducción en frambuesa de  invierno y más producción de arándano

"Ora stiamo già ricevendo ordini dagli importatori del centro e nord Europa per la settimana prima di San Valentino, quando il consumo di piccoli frutti, soprattutto di fragole, tende a salire vertiginosamente. Finora l'inverno è stato freddo e bisogna vedere se avremo abbastanza frutta", dice Dominguez.

Secondo il rappresentante di questa associazione, che raggruppa la maggior parte della produzione di piccoli frutti in Spagna, la prima parte della stagione è stata molto buona dal punto di vista della qualità dei frutti. "I mercati hanno risposto positivamente, a differenza di altre annate in cui abbiamo avuto maggiori difficoltà. Ci auguriamo che lo sviluppo del frutto ora non venga influenzato dai bruschi cali di temperatura e che, da febbraio in poi, si riescano a ottenere anche frutti di buona qualità".

I dati più negativi sono stati registrati dai lamponi, la cui superficie di coltivazione è già stata ridotta dell'8,1% quest'anno, dai 2.070 ettari piantati la scorsa stagione ai 1.902 di quest'anno. Il lampone è senza dubbio la bacca che, nei mesi di novembre e dicembre, risente di più della concorrenza da parte delle produzioni extracomunitarie

"Fino alla settimana 52 del 2021, il prezzo dei lamponi è stato inferiore del 18,4% rispetto alla media dello stesso periodo del 2020", afferma Rafael Dominguez. "Ciò è dovuto principalmente alla crescente concorrenza del Marocco. Pertanto, la superficie coltivata a lamponi autunnali sta diminuendo. In questo periodo dell'anno, il Marocco sembra soppiantare la Spagna. Tuttavia, penso che in questo periodo dell’anno manterremo il nostro spazio sul mercato, anche se con volumi inferiori".

Per quanto riguarda i mirtilli, la Spagna sta riuscendo ad anticipare l'inizio della loro stagione, grazie alla fornitura di varietà sviluppate a Huelva sia da sementieri sia da aziende del settore che dispongono di propri campi di prova.

"Nel mese di dicembre, riusciamo a competere con i mirtilli provenienti da Cile e Perù. I mercati si fidano sempre più della Spagna, che è in grado di fornire una produzione sempre più costante e significativa, in periodi in cui prima non era possibile. La produzione di mirtilli non può essere tutta concentrata ad aprile e maggio. La diversificazione del calendario di raccolta è fondamentale per prolungare e rendere la stagione più stabile fino a luglio. Dall'inizio della campagna, c'è stata una buona domanda e una grande accoglienza sui mercati, che si sta traducendo in buoni prezzi".

L'anno scorso è stato possibile aprire il mercato brasiliano ai mirtilli e quello canadese alle fragole di origine spagnola.

"Abbiamo effettuato dei test pilota in entrambi i Paesi e, mentre siamo stati in grado di risolvere i problemi logistici globali in Canada, le nostre spedizioni in Brasile sono state molto penalizzate. Ora stiamo lavorando per aprire i mercati canadese e cinese ai nostri mirtilli, anche se al momento questo è più complicato, a causa della pandemia e dei problemi logistici", afferma Rafael Domínguez.

Per maggiori informazioni: www.freshuelva.es


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto