Francisco Gómez, direttore di Agroejido: "Si oscilla tra 4,97 e 4,25 euro/kg"

I fagiolini spagnoli stanno ottenendo prezzi soddisfacenti

Al momento, i fagiolini stanno ottenendo buoni prezzi ad Almeria, in Spagna. "La campagna è stata piuttosto irregolare, con prezzi accettabili, ma con alti e bassi. Le quotazioni attuali oscillano tra i 4,97 e i 4,25 euro al chilogrammo mentre, ad esempio, il 29 dicembre si attestavano all’asta intorno ai 2,35 euro", afferma Francisco Gómez, direttore di Agroejido.

"Agroejido ha sempre lavorato con questo prodotto e, nonostante ad Almeria si registri da tempo un forte calo, negli ultimi tre anni abbiamo aumentato la nostra produzione. Infatti, l'anno scorso siamo arrivati a 1.000 tonnellate".

"Tuttavia, alcuni anni fa vendevamo volumi maggiori. All'inizio degli anni 2000, Agroejido commercializzava tra 5.000 e 6.000 tonnellate di fagiolini. I problemi legati ai virus che colpivano le coltivazioni, e soprattutto la manodopera necessaria per la loro coltivazione, hanno però costretto i produttori di Almeria a tagliare i costi e a sostituire i fagiolini con altre verdure".

Il governo dell'Andalusia segue da anni questo calo della produzione attraverso i rapporti di monitoraggio dell'Osservatorio dei prezzi e dei mercati. Il rapporto sulla campagna 2019/20 ha già indicato una diminuzione della superficie di coltivazione del 90%, rispetto a 5 anni prima, a causa dell'elevato fabbisogno di manodopera e della migliore posizione competitiva di altre origini, soprattutto quella marocchina che ha costi di manodopera inferiori". Nel suo primo rapporto sulla campagna 2021/22, l'Osservatorio prevede un’ulteriore riduzione della coltivazione.

È chiaro che ci sono sempre più Paesi che operano sul mercato, ma Agroejido rimane focalizzata su questo prodotto. I fagiolini spagnoli hanno un valore superiore rispetto a quelli provenienti da Paesi terzi, principalmente nella qualità, e i clienti europei e spagnoli li preferiscono", dice Francisco. "Siamo fortemente concentrati sul mercato interno, ma commercializziamo fagiolini in tutta Europa. E infatti abbiamo acquisito un numero importante di clienti dal Portogallo".

"La principale varietà che commercializziamo è il piattone, con circa 750 tonnellate vendute, anche se commercializziamo anche fagioli tondi e fagiolini rossi, e alcune specialità di fagioli per i mercati locali, come il fagiolo bianco Tabella, che viene consumato nel Levante, o il fagiolo Garrofón, consumato soprattutto nella zona di Valencia. Vendiamo inoltre piselli e taccole".

"Le taccole sono una specialità che commercializziamo in volumi limitati, ma molto apprezzata in Portogallo, Svizzera, Francia e in molte regioni del nord della Spagna. Per le caratteristiche della zona di coltivazione, nella valle di Dalías e Berja, le taccole hanno una qualità eccezionale e si distinguono sul mercato. Inoltre, negli ultimi anni, sono state sempre più presenti nel canale Horeca e il suo utilizzo è aumentato in maniera netta".

"All'asta, di recente, le taccole sono state vendute tra 3,60 e 3,26 euro/kg e i piselli tra 4,90 e 4,30 euro".

Prezzi accettabili per tutte le verdure
Nelle ultime settimane, i prezzi di fagioli, piselli o taccole non sono gli unici ad aver registrato degli aumenti interessanti. "Ad inizio anno, dopo le vacanze natalizie, c'è stato un leggero calo, ma i prezzi sono rimasti su livelli accettabili. Le melanzane hanno raggiunto quotazioni superiori all'euro e le zucchine ora si attestano a 1,50-1,70 euro/kg, dopo la flessione registrata prima di Natale. Bisogna tener conto però del fatto che i costi di produzione sono aumentati in modo esponenziale per i produttori, e questo ha pesato sull'attuale redditività delle aziende agricole".

"I peperoni offrono maggiore stabilità durante tutta la campagna. Attualmente, i prezzi di quelli quadrati sono un po' bassi, circa 0,85-0,70 euro, anche se quelli verdi raggiungono prezzi leggermente più alti perché iniziano a scarseggiare. Anche i peperoni quadrati italiani stanno avendo una stagione interessante, in termini di prezzi", dice il direttore di Agroejido. "Questo ortaggio è il nostro prodotto principale, in termini di volume commercializzato, con circa 20.000 tonnellate all'anno. Li commercializziamo con i nostri marchi Chata e Chapó e collaboriamo anche con la maggior parte delle grandi catene di distribuzione".

Per maggiori informazioni:
Francisco Gómez
Agroejido
C/ La Parra 53
El Ejido, Almería, Spagna
+34 950 489 105
gerencia@agroejido.com
www.agroejido.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto