Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Thomas Franz di Früchte Franz sul mercato all'ingrosso di Berlino:

"Non mi viene in mente nessun prodotto che non sia diventato più costoso"

Con circa 3,7 milioni di abitanti, Berlino è la città più popolosa della Germania, con molte e differenti attività di ristorazione. Queste sono le più colpite dalle misure e dagli effetti del coronavirus. Lo hanno notato anche i fornitori della gastronomia, come Thomas Franz della Früchte Franz sul mercato all'ingrosso di Berlino. "Le vendite sono un po' più fiacche, in questo momento. In generale, l’attività è un po’ più modesta ovunque. L'umore tra i nostri clienti è piuttosto negativo, soprattutto perché forniamo esclusivamente il settore della gastronomia". Franz aggiunge che, anche sul mercato all'ingrosso, l'umore è un po' basso, al momento.

Franz sospetta che la situazione di tensione, soprattutto nel settore gastronomico, continuerà fino a febbraio. "Per quanto riguarda la gastronomia, l'attività natalizia potrà risollevarsi solo se si potrà festeggiare il Natale", afferma Franz, che ha aggiunto di aver sentito da diversi ristoratori che tutte le principali feste di Natale sono state cancellate. "Ci sono ancora singoli gruppi che mangiano fuori, ma le persone sono ovviamente preoccupate. Da un lato, le aziende a volte non vogliono che i loro dipendenti si siedano da qualche parte per diverse ore, e dall'altro, con le temperature attuali non è facile spostare il tutto all'esterno".

All'inizio di quest'anno, anche per la Früchte Franz la situazione non sembrava particolarmente rosea. "Avremmo dovuto ricevere i sussidi per il coronavirus, ma il processo di erogazione si è trascinato per mesi, motivo per cui abbiamo temuto di dover chiudere la nostra attività. Se i fondi fossero arrivati più tardi, non saremmo stati in grado di sostenere la nostra attività da soli". A luglio/agosto e ottobre/novembre, siamo riusciti a guadagnare abbastanza per rimanere in piedi. "Ma, da dicembre, la situazione rischia di complicarsi nuovamente". Franz è felice di non aver dovuto licenziare nessuno, ma non è stato possibile coprire le posizioni temporanee e le posizioni lasciate dai dipendenti che sono andati in pensione.

Costi e prezzi in aumento ovunque
La qualità del prezzemolo e dell'erba cipollina è buona, ha detto Franz. L'azienda attualmente acquista il prezzemolo dall'Italia e gran parte dell’erba cipollina da Israele ed Egitto, ma ha detto di avere problemi di fornitura con tutti i prodotti. "Il problema, però, non riguarda i prodotti specifici, quanto piuttosto la logistica. Se non riesci più a mettere insieme il volume, cioè non c'è più offerta o domanda, allora l'intero sistema naturalmente ne risente. Inoltre, non mi viene in mente nessun prodotto che non sia diventato più costoso. I costi logistici si riflettono in particolare sui frutti esotici", afferma Franz. In passato, Franz vendeva molti più prodotti esotici, ma ora molti clienti sono più interessati a quelli standard.

Per maggiori informazioni:
Thomas Franz
Alfred Franz Inhaber Thomas Franz e.K.
Beusselstraße 44 N–Q
10553 Berlin (Moabit)
Tel: +49 (0)30 39 60 21 -0
Fax: +49 (0)30 39 60 21 -30
info@fruechte-franz.de 
https://fruechte-franz.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto