Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Meloni francesi: scarso raccolto e vendite difficili nel 2021

Secondo il servizio di statistica agricola francese Agreste, “il 1 novembre 2021, la stima delle superfici coltivate a meloni nel 2021 è stata di 12.100 ettari, ossia l'1% in più rispetto allo scorso anno, e il 6% in meno rispetto alla media 2016-2020. La produzione è stimata in 228.500 tonnellate, ovvero il 9% in meno rispetto allo scorso anno e il 10% in meno rispetto alla media quinquennale. A luglio, le vendite di meloni sono state difficili e hanno attraversato una breve crisi, perché il clima umido non ha favorito la domanda. Il calo della produzione ha reso le vendite più fluide ad agosto e settembre, anche per il clima più favorevole. I prezzi a settembre sono stati dell'11% superiori rispetto a settembre 2020, e del 13% in più rispetto alla media degli ultimi 5 anni, ma comunque insufficienti a compensare le scarse vendite di inizio estate".

Raccolti francesi pesantemente colpiti dal meteo nei bacini sud-occidentali e centro-occidentali
Con 12.110 ettari, le superfici coltivate a meloni sono aumentate dell'1% rispetto allo scorso anno, ma sono diminuite del 6% rispetto alla media 2016-2020. I volumi del 2021 hanno raggiunto 228.508 tonnellate, ovvero il 9% in meno rispetto al 2020 e il 10% in meno rispetto alla media 2016-2020.

I bacini sud-occidentali e centro-occidentali sono stati i più colpiti dal calo delle rese e della produzione. Le gelate di aprile hanno causato alcuni danni alle prime piantagioni. A maggio le temperature sono rimaste basse, il che ha rallentato lo sviluppo vegetativo nella maggior parte dei bacini produttivi.

Il meteo a giugno è cambiato notevolmente in tutta la Francia: le temperature sono state favorevoli, ma i temporali hanno causato qualche danno in diversi bacini. I primi raccolti non sono stati molto produttivi nel sud-est del Paese e l'estate piovosa ha indebolito le piante e i frutti della regione centro-occidentale.

La qualità dei meloni non è stata sempre ottimale e i calibri sono rimasti piccoli. Nel sud-ovest, molte malattie hanno bloccato la raccolta (muffa e altre malattie crittogamiche). Alla fine della campagna, alcuni lotti non sono stati raccolti, a causa dei bassi volumi e dei piccoli calibri, dovuti alla mancanza di sole e calore.

Vendite difficili a luglio
All'inizio della campagna 2021, il meteo sfavorevole ha ritardato la raccolta e la campagna di commercializzazione è di fatto iniziata a luglio. La concorrenza della Spagna era già forte a giugno, prima dell'arrivo dei prodotti francesi. Il breve periodo di crisi del melone è durato dal 28 giugno al 19 luglio. Durante questo periodo, la domanda è stata bassa, a causa delle temperature più fresche. Sono stati applicati degli sconti sui prezzi per vendere gli stock.

Ad agosto, i prezzi sono aumentati poiché la produzione è diminuita, ma il clima non ha favorito ai consumi. A settembre 2021, i prezzi sono aumentati dell'11% rispetto a settembre 2020, e del 13% rispetto alla media degli ultimi 5 anni.

Da gennaio a settembre 2021, le importazioni (153.200 ton) sono cresciute del 3% in un anno e le esportazioni (32.400 ton) dell'1% in un anno. Il disavanzo derivante da questi scambi (120.800 tonnellate) è aumentato del 4% su base annua.

Fonte: Agreste


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto