Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

I problemi di spedizione a livello globale non miglioreranno prima della fine di ottobre

I più grandi ostacoli al commercio globale di frutta e verdura sono la pandemia e la limitata capacità di trasporto. Questa situazione non solo è negativa per gli importatori ed esportatori di frutta, ma mette molta pressione anche sulle compagnie marittime. Recentemente Thomas Wang, portavoce di Shenzhen Cool Chain Logistics, ha condiviso la sua visione sul momento che i commerci di ortofrutta stanno attraversando.

Uno shock per l'industria globale della distribuzione di frutta e verdura
La situazione attuale è difficile, per il commercio globale di frutta e verdura. Questo è il motivo per cui un certo numero di importatori stanno spostando la loro attenzione sulla frutta nazionale di qualità superiore. In precedenza, la frutta d'importazione rappresentava circa il 70%-80% della frutta di fascia alta dei supermercati nelle città cinesi di primo livello, ma quest'anno tale rapporto è sceso a circa il 30%-40%. Thomas Wang ha analizzato questo sviluppo dal punto di vista dei distributori.

In primo luogo, il rischio per gli importatori è grande. La capacità di spedizione globale è stata messa a dura prova dall'anno scorso. Le tariffe di spedizione stanno salendo vertiginosamente. E i fatturati stanno rallentando. In alcuni casi, il costo di spedizione per un container è superiore al valore dei prodotti che vi sono contenuti. Inoltre, molti porti hanno procedure severe di ispezione e quarantena. Queste misure sono diventate più rigorose durante la pandemia. Le navi hanno maturato un ritardo fino a 3-4 giorni in ogni porto di scalo. Questi ritardi generano molta incertezza nel programma di spedizione. Inoltre, molti porti chiave hanno a che fare con notevoli arretrati. Le navi aspettano nel porto con il loro carico a bordo, non avendo modo di scaricarlo. Questo ritarda ulteriormente la consegna dei prodotti d'importazione.

Inoltre, i consumatori cinesi stanno acquisendo maggiore familiarità con i marchi di frutta nazionali di qualità superiore. Prendiamo come esempio il frutto del drago (pitaya), il cui mercato prima del Covid-19 era dominato dal prodotto vietnamita. La pandemia ha creato molti ostacoli per il trasporto di questo frutto tra il Vietnam e la Cina. Il volume delle importazioni cinesi di pitaya vietnamita è calato immediatamente. I consumatori cinesi si sono rivolti al prodotto nazionale di qualità superiore, in assenza di quello vietnamita d'importazione. Quello che molti consumatori non sapevano, è che la superficie totale dedicata alla piantagione di frutto del drago in Cina è già più grande che in Vietnam. Il volume di produzione annuale della pitaya cinese è enorme. E la produzione nazionale non deve passare attraverso le lunghe procedure di ispezione e quarantena al confine, né i coltivatori nazionali pagano la dogana al confine. Inoltre, la distribuzione è molto più rapida. Questi sono tutti punti interessanti per i commercianti.

In terzo luogo, le caratteristiche uniche e i punti di vendita della frutta d'importazione sono sempre più deboli. Quando le ciliegie cilene sono entrate per la prima volta nel mercato cinese, alcuni anni fa, erano immensamente popolari e il loro prezzo era molto alto. Da allora, il volume delle importazioni non ha fatto che aumentare. Le ciliegie cilene sono disponibili ovunque, dai più grandi supermercati ai più piccoli venditori ambulanti. La novità si è esaurita.

Oppure prendiamo l'uva Sunshine Rose come altro esempio. Solo due anni fa, il prezzo di mercato dell'uva Sunshine Rose dalla Corea era di circa 300 yuan (46,54 dollari) per 0,5 kg. Mentre il prezzo di mercato dell'uva Sunshine Rose nazionale era solo di circa 50-60 yuan (7,76-9,31 dollari) per 0,5 kg. E poiché la superficie complessiva dedicata alla piantagione di uva Sunshine Rose si è ampliata negli ultimi anni, il prezzo è diminuito a pochi yuan. I consumatori hanno l'imbarazzo della scelta, e i prezzi continuano a scendere. Si tratta di uno shock enorme per l'industria dell'importazione.

Piccoli segnali di stabilizzazione
"Anche se il volume delle importazioni di frutta e verdura è molto inferiore che negli anni precedenti, rispetto al mercato depresso dell'anno scorso possiamo vedere che il ritmo del declino sta rallentando", ha detto Thomas Wang.

Innanzitutto, le procedure di ispezione e quarantena ora sono più veloci. "Quando è scoppiata la pandemia, la Cina ha implementato misure di ispezione e quarantena estremamente severe in ogni porto. Queste procedure hanno richiesto molto tempo durante il picco della pandemia. In alcuni casi, i container sono rimasti nei porti in attesa di essere processati per diversi giorni. Ora che in Cina la situazione Covid-19 è gradualmente sotto controllo, la carenza di manodopera si sta attenuando. Molte autorità portuali stanno aumentando il personale di ispezione e questo migliora l'efficienza delle procedure di ispezione e quarantena. Anche se il tasso di autorizzazione non è ancora allo stesso livello di prima della pandemia, rispetto all'anno scorso c'è un netto miglioramento".

Inoltre, la crisi globale delle spedizioni sta lentamente migliorando. Il mese scorso, la carenza di capacità di spedizione ha mostrato segni di miglioramento. Anche se il prezzo è ancora alto, lo spazio di carico non è scarso come prima. Secondo le informazioni di chi opera nel settore, il prezzo delle spedizioni dovrebbe scendere già alla fine di ottobre o all'inizio del prossimo anno.

Infine, le prospettive di mercato per alcuni frutti d'importazione sono ancora abbastanza buone. L'importazione di prodotti occidentali è notevolmente diminuita, ma alcuni prodotti asiatici d'importazione mostrano un grande potenziale. Durian, longan e jackfruit, per esempio, hanno un grande potenziale nel mercato dell'importazione, perché questi frutti non possono essere prodotti in grandi volumi in Cina.

Shenzhen Cool Chain Logistics
Shenzhen Cool Chain Logistics è una società di distribuzione internazionale specializzata in servizi di catena del freddo per il commercio internazionale di prodotti freschi.

Alla domanda sui punti di forza di questa azienda, Thomas Wang ha risposto: "Contiamo su una rete globale matura e ben sviluppata per fornire una serie completa di servizi ai clienti del mercato internazionale dei prodotti freschi, tra cui l'imballaggio nelle aree di produzione d'oltremare, la fumigazione, il trasporto via terra e lo sdoganamento, nonché la spedizione internazionale, il trasporto aereo e la documentazione nei porti d'importazione, come elenchi dei prodotti, richieste di quote e autorizzazioni doganali e, naturalmente, la distribuzione refrigerata. Per quanto riguarda gli esportatori, ci affidiamo alla nostra rete nazionale per fornire ai clienti spazio di stoccaggio, trasporto terrestre refrigerato, carico, sdoganamento, spedizione internazionale, trasporto aereo e altri servizi della catena del freddo. Inoltre, Cool Chain Logistics fornisce ai clienti anche una rappresentanza di acquirenti specializzata, una rappresentanza al dettaglio e una rappresentanza commerciale, così come servizi di consulenza per i commercianti in Cina e all'estero".

Per maggiori informazioni:
Mr. Wang
Shenzhen Cool Chain Logistics
Tel.: +86 13924653925
Email: thomas@coolchainlogistics.com 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto