Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Cina e Sud-Est asiatico hanno aumentato la richiesta di uva da tavola e uvetta cilene

L'uva da tavola e l'uvetta cilene hanno acquisito popolarità in sempre più Paesi e i loro volumi d’esportazione aumentano di anno in anno. Ma, nella stagione 2021, il settore viticolo cileno ha registrato un raccolto scarso, a causa delle forti piogge di febbraio.

La BDP Foods, una piattaforma commerciale internazionale nata nel 2009, rappresenta e supporta diversi esportatori cileni di uva da tavola e uvetta. Diego Vicente è l'amministratore delegato della BDP Foods, e insieme ad alcune aziende clienti ha condiviso le previsioni sul mercato delle uve per la stagione in corso.

Analisi attuale del settore uva
L'uvetta (o uva passa) cilena viene raccolta a partire da gennaio nel nord del Cile, e la raccolta continua fino a marzo nell'area di coltivazione meridionale. Successivamente la frutta viene essiccata, immagazzinata e successivamente trasformata e confezionata, in qualsiasi momento a seconda delle vendite.

Hector Arriagada è il responsabile sviluppo attività della Andes Quality, uno dei principali produttori cileni di uva passa. Ha esaminato lo stato della raccolta della scorsa stagione. "Per quanto riguarda il mercato, è importante dire che la stagione dell'uva cilena 2021 doveva essere eccezionale in termini di volume e qualità. Nello scorso inverno e in primavera, il clima è stato perfetto per la frutticoltura e i vitigni erano colmi di frutti, in attesa di raggiungere il giusto grado Brix, prima di essere raccolti. Le forti e inaspettate piogge di febbraio 2021 hanno smorzato le aspettative e l'uva è risultata uno dei frutti più colpiti".

Hector ha aggiunto: "Di conseguenza, è stato necessario anticipare la raccolta delle Flame per evitare la presenza di muffe. Oltre a questa varietà, è stata danneggiata da molte spaccature anche la Thompson, quindi non c’è stata la possibilità di poterla utilizzare né sul mercato del fresco né in quello della trasformazione".

"Per far fronte a questa difficoltà, fortunatamente abbiamo un impianto di essiccazione situato ai piedi delle Ande, dove disidratiamo oltre 10.000 tonnellate di frutta fresca, su base annua. Utilizziamo le migliori materie prime per garantire ai nostri clienti volume e qualità - ha continuato Hector - Durante la pandemia, il nostro impianto nell'area di San Felipe ha funzionato a pieno regime, nel rispetto di un piano sanitario. Al momento, la logistica è un problema, con porti e linee di navigazione che mostrano forti segnali di congestione ma, nonostante ciò, siamo riusciti a spedire in tempo ai nostri clienti".

Performance sui mercati di esportazione di uva da tavola fresca e uva passa
La Cina è uno dei mercati in più rapida crescita per le uve cilene. L'anno scorso, il Paese ha importato 2.375 ton di uva passa dal Cile, il 47% in meno rispetto al 2019. La pandemia ha sicuramente influenzato il volume di importazione. "Nonostante tutte le difficoltà, abbiamo aumentato i quantitativi di vendita di uvetta in Cina", ha affermato Francisco Riesco, direttore regionale Cina della BDP Foods. "Nonostante l’impatto della pioggia, il prezzo dell'uva passa cilena è rimasto stabile quest'anno in Cina, su 2-2,3 dollari/kg. La varietà Thompson è la più richiesta sul mercato cinese ed è stata anche quella che ha risentito maggiormente del maltempo. Di conseguenza, non c'è quasi nessun prodotto disponibile per il mercato cinese".

Sergio Ramirez è il responsabile regionale dell’Associazione delle nazioni del Sud-est asiatico (ASEAN) della BDP Foods. Secondo lui, l'ultima stagione non è andata molto male. "Alcuni importatori thailandesi riportano che il consumo non è cambiato molto rispetto al 2019, e nel 2021 si prevedono volumi simili. Nel 2020, i quantitativi importati di uva da tavola cilena sono aumentati del 33%, rispetto al 2019. Le principali sfide che gli importatori devono affrontare oggi sono la disponibilità e i prezzi elevati".

Sergio ha continuato: "Il 2021 sarà più complicato a causa di un aumento dei prezzi mentre, al contempo, il potere d'acquisto della Thailandia e di Paesi limitrofi sta crollando. Le persone sono più caute riguardo ai loro acquisti, e lo saranno anche di più sugli acquisti non essenziali che includono molti prodotti importati".

Per Andres Kuznar, direttore della BDP Foods Russia, il mercato è stato meno promettente. "L’uva passa cilena sta perdendo la sua quota di mercato in Russia. La popolazione locale tende ad acquistare da origini più economiche come Iran, Tagikistan, Uzbekistan e Turchia, invece che dal Cile. La migliore opportunità per il Cile è di arrivare con i calibri Jumbo, sia per le varietà Golden che Flame. A parte questo, la svalutazione della valuta russa ha un significativo impatto negativo sulle importazioni dal Cile. Si prevede che la tendenza continui nei prossimi anni e il valore del Rublo dovrebbe continuare a deprezzarsi rispetto al Dollaro. Ciò ha indotto gli importatori a cercare altri fornitori in Paesi più economici come la Cina, le ex repubbliche sovietiche e l'Europa orientale".

BDP Foods
"Anche se viviamo in un mondo sempre più globalizzato, ogni mercato è unico e incomparabile. E' necessario avere un rapporto sempre più stretto con i clienti e una maggiore conoscenza di ciascun mercato, al fine di ottenere il passaggio dalla strategia globale all'azione locale, cosa che può essere molto difficile da ottenere a distanza di migliaia di miglia", ha detto Diego.

La BDP Foods punta a trasferire tutti i vantaggi di avere un ufficio in loco, con un team di professionisti multiculturali altamente qualificati, per sviluppare i mercati dove è presente. "Rappresentiamo i migliori produttori alimentari delle diverse origini, che hanno in comune una particolare attenzione alla qualità, un buon servizio e una visione a lungo termine. Grazie a questo, gestiamo un ampio portafoglio di prodotti diversi che ci consente di fornire una soluzione completa ai principali importatori e supermercati nei mercati in cui operiamo, con i conseguenti benefici per tutti i nostri partner d’esportazione".

Per maggiori informazioni:
Diego Vicente - Ceo
BDP Foods
Dvicente@bdpfoods.com
www.bdpfoods.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto