Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La produzione sara' avviata su scala industriale nel 2022

Tecnologia 3D per creare soluzioni alimentari con ingredienti freschi

Per alcune persone, la cena è necessaria, ma risulta insapore. Le persone anziane e quelle affette da disfagia, che hanno difficoltà nella deglutizione, spesso mangiano cibi frullati. Questo aiuta a deglutire, ma non ha sapore né un aspetto appetitoso. "Non deve essere così", ha pensato Peter Nieuwkerk, proprietario del Budelpack Group dei Paesi Bassi. Ecco perché ha fondato Gastronology.

Questa azienda sviluppa ricette alimentari e accattivanti progetti alimentari 3D. Lo fa insieme allo chef Eugène Swalen. Swalen proviene dall'SVH, un istituto di formazione olandese nel settore dell'ospitalità. Dopo due anni di sviluppo, sono pronte le prime ricette. Il piano è produrre cibo 3D su scala industriale su licenza, partendo dall'Europa, entro il 2022.


Peter Nieuwkerk e Eugène Swalen.

Come funziona?
"Ci concentriamo sulle verdure fresche. Abbiamo ricette, ad esempio, con cavolfiore, broccoli, carote e finocchio. Cuociamo a vapore e schiacciamo queste verdure. Quindi aggiungiamo gli ingredienti per rendere la ricetta adatta alla stampa 3D di alimenti. Tuttavia, ogni ricetta contiene almeno il 95% di verdure fresche e naturali", spiega Peter.

"Ogni chilogrammo rappresenta 1 kg di verdure. La miscela viene raffreddata e solo dopo possiamo stampare". Nella stampa alimentare 3D, la cartuccia viene riempita con purea di alimenti freschi. Gli ugelli si spostano velocemente su una superficie di stampa in silicone. Il prodotto semilavorato viene stratificato in modo controllato in un prodotto 3D.

Migliorare ciò che è buono
"Ci concentriamo anche su tre gruppi target. Si tratta di pazienti con disfagia, malati oncologici e e bambini che mangiano poche verdure. Diamo loro una nuova dimensione al cibo. Gusto, forma, gastronomia e tecnologia si uniscono in prodotti alimentari 3D unici. Questa è una svolta per il pasto di alcune persone", dice Peter.

"Hanno problemi di masticazione, deglutizione, gusto o appetito. Il loro piacere di mangiare e la qualità della vita migliorano. Questo perché il cibo 3D è facile da mangiare, ha un sapore migliore, sembra più invitante e aumenta l'appetito. Il nostro slogan è "migliorare ciò che è buono e per un buon motivo".

"Si pensi ai malati oncologici che non possono più assaporare certi sapori. Grazie a un'alimentazione personalizzata, possiamo accentuare determinati sapori. Quindi queste persone possono sperimentare di nuovo il sapore delle verdure. Possiamo combinare altri aspetti della cura con l’alimentazione 3D. L’assunzione di farmaci - soprattutto in grandi quantità - può essere scoraggiante. Con la stampa 3D di alimenti, è possibile aggiungere medicine al cibo. In questo modo, anche l'ingestione di pillole diventa meno sgradevole".

Un obiettivo di 2.000 kg/giorno
"Uniamo la creazione di ricette fresche e raffinate di cibo 3D con delle divertenti forme 3D dei prodotti. Questo rende piacevole anche il consumo di verdure. Ad esempio, per i bambini che consumano meno verdure rispetto alla quantità consigliata. Possiamo stampare le verdure a forma di rana o di lucertola", continua Peter. Gastronology si impegnerà ad aumentare la produzione. "Ora stiamo lavorando su quantità da cucina. Ma vogliamo passare a una scala industriale. Il nostro obiettivo è quello di stampare alla fine 2.000 kg al giorno. Quindi abbiamo bisogno di buoni fornitori di verdure".

Gastronology non realizzerà i prodotti alimentari 3D ma si concentrerà sul design e sulle ricette e fornirà le emulsioni ai licenziatari. Saranno loro a stampare su scala industriale. Budelfood è uno di questi licenziatari. Fa parte dell'azienda di confezionamento Budelpack, di proprietà di Peter, ma si cercano anche altri licenziatari, a livello globale. "Questo è uno dei motivi per cui sono entrato in questo progetto", dice Nieuwkerk.

"Il Gruppo Budelpack confeziona per conto terzi. Dipendiamo quindi dai nostri clienti per ciò che possiamo imballare. Budelfood può entrare attivamente nel mercato per fornire cibo 3D. Abbiamo la sede, le persone, le aree di produzione separate e le certificazioni. Questo è un vantaggio".

La stampa 3D in plastica è già a buon punto. Ma la tecnologia alimentare 3D è ancora agli inizi in tutto il mondo. "Siamo indietro in questo, a livello globale", dice Peter. Gastronology lavora con enti olandesi, inclusi TNO, Wageningen UR e HAS University of Applied Sciences. Tuttavia, è aperto a ulteriori collaborazioni.

"L'innovazione richiede cooperazione perché non possiamo cambiare le cose da soli. Quindi, è positivo il luogo dove operiamo, presso il Delta Agrifood Business (Dablab), nei Paesi Bassi. Questo è un laboratorio di innovazione e competenza per le imprese e l'istruzione", conclude Peter.

Per maggiori informazioni:
Peter Nieuwkerk
Gastronology 
Unit 122, 24 Van Konijnenburgweg
4611 HL, Bergen op Zoom - Paesi Bassi
+31 (0) 164 745 799
p.nieuwkerk@gastronology.com
www.gastronology.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto