Tempo di potatura per il nuovo kiwi Green Angel

E' tempo di potatura per il nuovo kiwi Green Angel. Dimostrazioni in campo si stanno susseguendo in Piemonte (Saluzzo, Scarnafigi, Verzuolo), a Borgo d'Ale (Vercelli) e nell'areale a est del Garda in provincia di Verona. Le prime "lezioni" dell'agrotecnico Paolo Trovò, che segue la nuova selezione di actinidia per conto di Dario Miretti, costitutore del brevetto Green Angel, hanno coinvolto una cinquantina di produttori.

Ecco un report con le indicazioni agronomiche e i consigli suggeriti ai titolari degli impianti alla terza foglia che nella prossima stagione andranno in produzione.

Per affrontare la nuova imminente ripartenza primaverile è necessario imprimere un giusto stimolo alle nostre piante che in molti casi hanno raggiunto il tempo della prima produzione.

Potatura in un impianto di Green Angel a Pescantina (Verona)

Non tutto è ancora chiaro e assodato nella gestione della chioma di questa nuova varietà di kiwi. Il lavoro di osservazione e codificazione del comportamento vegeto-produttivo di Green Angel ha già fornito interessanti indicazioni. Esse ci inducono a sottolineare alcuni aspetti della potatura a nostro dire fondamentali:

■ va formato il cordone permanente che deve correre sul filo centrale di sostegno posto a 150-160 cm da terra;

■ da questo devono partire i germogli che formeranno i rami a frutto per l'annata successiva;

■ il ramo dell'anno che darà origine alla produzione deve essere di buon calibro (>10mm) e con una lunghezza di almeno 40-50 cm. Esso andrà spuntato togliendo gli ultimi 3-5 cm per imprimere uno stimolo vegetativo;

■ al 3-4° anno una pianta potrà sostenere da 4 a 8 rami misti produttivi;

■ ogni altra formazione rameale di minore calibro e lunghezza andrà asportata in quanto non produttivo e allo stesso tempo per sollecitare l'emissione di nuovi germogli dai cordoni permanenti;

■ le giovani piante in formazione che non hanno ancora raggiunto il filo centrale le andremo a ribattere su un diametro del fusto pari a una matita per imprimere una decisa ripartenza della nuova vegetazione.

Potatura in un impianto di Green Angel nel saluzzese

Essendo alle porte della nuova campagna vogliamo ricordare alcune attenzioni colturali, importanti per il buon sviluppo di Green Angel:

■ terminata la potatura effettuare una copertura con rame (400gr/Ha di rame metallo) per proteggere i tagli da infezioni fungine e batteriche;

■ all'apertura gemme è prudenziale rinnovare la copertura con rame (max 100 gr/Ha di rame metallo) con 100 gr/Ha di Acibenzolar-s-metile (Bion 50wg) per assicurare la completa risposta antibatterica della varietà, che ricordiamo è stata certificata come "TOLLERANTE" alla PSA; alla luce di questo potrebbe sporadicamente evidenziare lievi sintomi di essudati ma verso i quali la pianta ha una pronta risposta di difesa circoscrivendo il tessuto colpito;

■ attenzione ai topi: smuovere il terreno mediante scalzatura/rincalzatura e somministrazione di calciocianamide (150 kg/Ha) spargendola uniformemente lungo la fila e non concentrata sulla pianta;

■ apportare sostanza organica se non è stato effettuato in autunno;

■ visto il buon esito dell'uso dei tensiometri elettronici per operare concretamente con l'irrigazione forniti e sponsorizzati nella scorsa stagione dal Vivaio MIretti, si invitano i coltivatori di Green Angel a dotarsi di tali strumenti per la nuova campagna irrigua. Ci si può rivolgere al sottoscritto che, per uniformare la lettura e l'interpretazione dei dati da parte dell'assistenza tecnica, indirizzerà su un unico modello di tensiometro.

Per quesiti e approfondimenti:
Paolo Trovò - servizio tecnico Green Angel
Cell.: 329 5314673


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto