Avvisi























Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

I problemi in Spagna avranno delle ripercussioni positive sulla stagione degli agrumi egiziani

I calibri delle arance Valencia sembrano essere più piccoli quest'anno, rispetto alla scorsa stagione. Questo potrebbe fare pressione su alcuni mercati e provocare delle carenze in altri. La produzione complessiva degli agrumi egiziani è aumentata di circa il 10% quest'anno e, secondo un esportatore, questo significa che c'è del potenziale per iniziare a esportare grandi volumi verso alcuni nuovi mercati.

L'azienda d’esportazione di frutta egiziana Jana Fresh ha aumentato la sua produzione di agrumi del 25%, quest'anno. Secondo l'export manager Ibrahim Gadalla, la domanda di arance Valencia dovrebbe riprendersi molto presto: "La stagione delle Valencia sta iniziando piuttosto lentamente, ma è normale per questo agrume, poiché coincide sempre con le festività natalizie. Il periodo precedente il Natale ha visto una forte domanda soprattutto di Navel, poi la richiesta è diminuita con l'inizio delle Valencia, all'inizio di gennaio. Ciò è dovuto principalmente alle festività e alla forte concorrenza del mandarino pakistano Kinnow sui mercati asiatici. Prevediamo che la domanda raggiungerà il suo flusso abituale all'inizio di febbraio, quando in India finiscono anche le arance locali. A quel punto, pure il mercato cinese dovrebbe migliorare per noi".

Gadalla sa che ci sono sicuramente delle sfide da affrontare in questa stagione, una delle quali è il calibro complessivo più piccolo delle arance, adatto per determinati mercati, ma che potrebbe portare a delle carenze su altri.

"Finora le sfide maggiori possono essere riassunte in tre punti: i calibri delle Valencia tendono a essere più piccoli quest'anno, il che mette sotto pressione alcuni mercati e, allo stesso tempo, causa delle carenze su altri che richiedono solo dimensioni maggiori. Un altro grande problema è l'aumento delle spese, imposte dalle nuove normative dell'Autorità per la sicurezza alimentare e dal sistema di tracciabilità. Queste normative, sebbene vantaggiose nel lungo periodo, caricano ulteriormente i costi del prodotto, soprattutto per i mercati che non richiedono questi calibri. Ma la maggiore difficoltà che stiamo affrontando quest'anno, è l'aumento ingiustificato dei costi dei noli marittimi verso determinate destinazioni, soprattutto in Estremo Oriente. In alcuni casi, i costi del trasporto sono aumentati del 100%, il che ha reso impossibile fare affari. Il Bangladesh ne è un esempio".

In questa stagione, con l'ingresso di nuovi mercati, è un bene che la Jana Fresh abbia aumentato la sua produzione del 25% ,rispetto alla stagione precedente, spiega Gadalla. "Noi, come Jana Fresh, stiamo progettando di esportare circa un milione di cartoni di agrumi quest'anno, con un tasso di crescita del 25% rispetto alla scorsa stagione, avendo già stipulato accordi con i principali rivenditori in Europa, Russia, Vietnam e Cina. A livello nazionale, prevediamo che l'aumento del volume esportato sarà compreso tra l'8 e il 10%, un incremento da attribuire all'aumento della produzione e all'espansione su nuovi mercati, come Giappone, Nuova Zelanda e Brasile. Ci aspettiamo che i prezzi delle Valencia mantengano i fatturati della scorsa stagione. Molti considerano l'ultima come una stagione eccezionale, ma io non sono d'accordo, perché le circostanze che hanno influenzato la scorsa campagna sussistono ancora. In definitiva, la speculazione continua poiché i prezzi sono influenzati dalla situazione internazionale".

Il clima spagnolo migliorerà la stagione degli agrumi egiziani. Ma Gadalla sottolinea che non sono solo le problematiche degli altri Paesi produttori a dare quest'anno un vantaggio all'Egitto.

"La Spagna è il principale concorrente degli agrumi egiziani, soprattutto sul mercato europeo. Ovviamente, qualsiasi calo di volume o di qualità di un prodotto concorrente avrà un impatto positivo sulla nostra campagna. Ma non è solo il meteo a favorirci. Gli agrumi egiziani si sono dimostrati un'alternativa affidabile a quelli spagnoli, in termini di prezzo e qualità. In Egitto, la valuta locale debole consente agli esportatori di poter offrire prezzi competitivi, oltre all'aumento dei costi del trasporto su strada tra i Paesi dell'Ue, che non promuovono la produzione spagnola. Raccoglieremo anche i risultati dell'applicazione dei nuovi regolamenti dell'Autorità sulla sicurezza alimentare e sul sistema di tracciabilità, che consentirà ai prodotti egiziani di arrivare ad alcuni rivenditori europei che non erano accessibili in passato. Non appena avremo finito con le Valencia, inizieremo la nostra stagione dell'uva da tavola. Questa va da giugno a settembre. Ora ci sono alcune varietà precoci che vanno molto bene in termini di prezzo e concorrenza", conclude Gadalla.

Per maggiori informazioni
Ibrahim Gadalla
Jana Fresh Co.
Tel.: +20 1003 669486
Email: ibrahim@janafresh.com  
Web: www.janafresh.com 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto