Koen Merkus (Fresh Forward)

I tratti della fragola Calinda differiscono dalle caratteristiche tipiche delle varieta' tradizionali

Sta per iniziare la nuova stagione spagnola delle fragole Calinda. "Per la prossima campagna, prevediamo di esportare circa 30.000 tonnellate nell'Europa nord-occidentale, circa il 20% in più rispetto alla scorsa stagione, in linea con la crescita controllata cui puntiamo con la Calinda", dice Koen Merkus dell'azienda olandese Fresh Forward.

Attualmente, queste fragole sono coltivate principalmente in Spagna. "Il nostro programma di breeding "low chill" (cioè focalizzato su varietà a basso fabbisogno di ore di freddo, NdR) viene attuato nella regione di Huelva, dove è stata introdotta anche la Calinda. Pertanto, la maggior parte delle coltivazioni si trova in Spagna. Ma questa fragola può essere coltivata anche in molti altri Paesi, innanzitutto quelli che affacciano sul Mar Mediterraneo. La Calinda viene coltivata anche in Marocco, Egitto e Giordania. Stiamo lavorando per testare la Calinda in Paesi come Cile, Sudafrica, e presto anche in Australia".

"Al momento, la gran parte delle fragole Calinda viene esportata in alcuni Paesi, in particolare Regno Unito, Irlanda, Paesi Bassi, Germania e Belgio. Special Fruit è un partner strategico e come tale, ha dato un enorme contributo nei primi anni di commercializzazione di questa varietà", afferma Koen.

"Ora vendiamo questa fragola insieme a circa 15 commercianti e retailer. Le caratteristiche della Calinda - sapore buono, piacevole consistenza interna e succosità - differiscono dallo stereotipo della fragola spagnola. E' una cvarietà che si adatta bene a quello che i consumatori di quei Paesi si aspettano dalle fragole estive".

"La Calinda ha pochi problemi di qualità e resiste bene al trasporto. La sua eccellente durata di conservazione si traduce in bassi livelli di sprechi, nel punto vendita. Questo consente anche agli acquirenti di conservare queste fragole un po' più a lungo. Questi sono motivi importanti per cui sia i commercianti sia i rivenditori amano lavorare con la Calinda. Ovviamente ci sono Paesi in cui vorremmo ulteriormente espanderci, tra cui Germania e Francia. E, naturalmente, vogliamo rendere ancora più familiare questo prodotto sul mercato locale spagnolo", continua Koen.

"Naturalmente non è solo la varietà, ma anche i coltivatori a essere fondamentali per il prodotto finale. I produttori della Calinda con cui collaboriamo sono i migliori, in Spagna. E' fondamentale rimanere in contatto diretto con loro. Il nostro tecnico di coltivazione, Antonino Vazquez , è a Huelva tutto l'anno. Sostiene e consiglia i coltivatori. Antonino conosce questa fragola sin dall'inizio, e ha una lunga esperienza nella coltivazione di fragole spagnole".

"Visitiamo anche i nostri produttori in Marocco, Egitto e Giordania e organizziamo giornate dimostrative. Recentemente, abbiamo aperto anche una struttura specializzata dove possiamo effettuare prove di coltivazione più estese della Calinda, e di altre promettenti selezioni varietali. Questo ci consentirà di introdurre nuove varietà in futuro. I coltivatori potranno avvalersi anche di un piano di coltivazione", spiega Merkus.

"La Calinda non è una semplice varietà. E' anche un progetto in cui selezionatore, vivaio, coltivatore e commerciante lavorano a stretto contatto. Gli agricoltori producono un ottimo prodotto, con un chiaro valore aggiunto, e che raggiunge i negozi di tutta Europa grazie agli sforzi dei nostri partner commerciali. E' quindi importante garantire questo valore aggiunto. E tenere sotto controllo l'espansione. Tuttavia, ci aspettiamo una crescita accelerata negli altri continenti. L'espansione sarà più veloce rispetto alla fase iniziale in Spagna, perché già conosciamo abbastanza bene la varietà e il suo potenziale".

 

Alla domanda se questa varietà possa essere utilizzata nella coltivazione di fragole in serra ad alta tecnologia, il commerciante risponde: "Abbiamo testato la Calinda in serra per diversi anni. Sfortunatamente, non sembra del tutto adatta a questo tipo di coltivazione. Ma il concetto di fragole a basso fabbisogno di freddo coltivate in serra rimane interessante. Ora stiamo valutando anche la sua applicabilità in nuove selezioni. L'anno prossimo, per la prima volta, queste nuove selezioni entreranno in produzione".

Secondo Koen, la varietà è sicuramente adatta alla coltivazione in regime bio. "La Calinda è resistente e, di solito, ha pochi problemi con le malattie. Sembra che finora stia funzionando bene nella coltivazione biologica. La conferma si è avuta l'anno scorso, quando il governo regionale dell'Andalusia ha studiato diverse varietà coltivate biologicamente, e la Calinda è risultata la migliore".

Dove sarà questa fragola, tra cinque anni? "E' difficile prevedere cosa accadrà in Spagna. Si tratta di un mercato competitivo, in cui le varietà si avvicendano rapidamente, e talvolta scompaiono altrettanto velocemente. C'è una forte domanda della Calinda e ci aspettiamo che prosegua. Tuttavia, l'obiettivo non è vendere il maggior numero di piante possibile: vogliamo raggiungere una posizione di mercato solida e a lungo termine. La produzione deve adattarsi alla domanda", conclude Koen.



Per maggiori informazioni:
Fresh Forward Marketing & Breeding
38A Wielseweg
4024 BK, Eck en Wiel, NL
Tel: +31 (0) 344 693 314
Email: Koen.Merkus@fresh-forward.nl
Website: www.fresh-forward.nl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto