I viticoltori egiziani notano una grande richiesta dall'Europa

I viticoltori egiziani stanno vivendo una stagione piuttosto redditizia perché la pandemia ha fatto crescere la domanda da parte degli importatori europei. Il Covid-19 è stata un punto di svolta per i coltivatori egiziani, non solo per l'uva da tavola ma anche per patate, agrumi e cipolle.

Secondo Ahmed al-Attar, capo dell'Amministrazione centrale per la quarantena delle piante del ministero dell'agricoltura, le esportazioni di uva da tavola, aglio, fragole, melagrane e fagioli sono aumentate fino al 30% nel 2020, anno dopo anno. Il deficit della bilancia commerciale dell'Egitto si è ridotto dell'8,6%, fino a 3,30 miliardi di dollari nel giugno 2020, da 3,61 miliardi di dollari nello stesso mese dell'anno precedente.

L'Unione europea è risultata il più grande importatore di prodotti agricoli egiziani, tra settembre 2019 e giugno 2020, con 971mila tonnellate per un valore di 694 milioni di dollari. A dichiararlo l'Organizzazione generale per il controllo dell'import-export.

Al-monitor.com segnala come le esportazioni di uva da tavola siano aumentate a 128,3 milioni di dollari a giugno, dai 62,8 milioni di dollari di maggio, secondo l'Agenzia centrale statale per la mobilità pubblica e le statistiche. Solo il 2% dei terreni agricoli egiziani produce uva da tavola.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto