Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Geert Baecke, della Tino's Fruit, Belgio

Una stagione degli asparagi da dimenticare

Il coronavirus ha portato molto lavoro alla ditta belga Tino's Fruit. "Il nostro punto vendita è stato molto affollato, negli ultimi mesi, con una commercializzazione triplicata rispetto al solito. Abbiamo introdotto rigide norme igieniche all'inizio della crisi. Questo ha fatto sentire i clienti più a loro agio. Agli acquirenti non è stato permesso di toccare nulla - se lo tocchi, lo compri. Abbiamo continuamente disinfettato tutto, ed era consentito l'accesso in negozio a una sola persona alla volta. Siamo stati severi, ma abbiamo notato che le persone lo apprezzavano. Si sentivano al sicuro, nel nostro negozio", dice Geert Baecke.

"Il settore dell'ospitalità è rimasto chiuso durante il lockdown. Ho dieci autisti che lavorano ogni giorno. Pertanto, abbiamo iniziato con la consegna a domicilio ai privati. Inizialmente, avevamo cassette standard. Ma, dopo molte richieste, abbiamo iniziato a prendere anche ordinativi. E' bello essere riusciti a conservare molti dei nostri clienti. Siamo riusciti a servire anche i clienti dei Paesi Bassi. In quel periodo, non potevano varcare il confine. Nei momenti di crisi, devi trovare delle soluzioni creative. E devi mantenere tutto in funzione".

In anni normali, Tino's Fruit vende un'enorme quantità di asparagi, ma quest'anno l'intera stagione è andata persa. "Quest'anno è stato un brutto anno, per gli asparagi. E' stato molto sfortunato, ma è successo", sospira Geert. "Quello che ci indigna è il fatto che abbiamo dovuto smettere di vendere fiori. Questo è un sottoprodotto che alla gente piace portare con sé, oltre a frutta e verdura. Abbiamo dovuto smettere di vendere fiori perché i garden center dovevano chiudere. I supermercati, invece, hanno potuto continuare a vendere fiori".

"Il settore dell'ospitalità è di nuovo attivo e funzionante, e quindi siamo riusciti a recuperare gran parte del fatturato che abbiamo perso durante il lockdown. I ristoranti e i chioschi sulla spiaggia della costa olandese e belga hanno avuto una grande stagione. La gente non ha potuto andare in vacanza, e il tempo è stato bellissimo. Quindi è andata molto bene".

"I Paesi Bassi hanno imposto nuove misure. Trenta persone, al massimo, possono entrare in un ristorante. Questo ci ha colpito molto duramente. Le grandi aziende possono occupare solo un terzo della loro capienza. Ciò significa anche molti meno ordinativi per noi", dice Baecke.

Adesso non è così soleggiato e le temperature stanno scendendo. La domanda di prodotti autunnali è quindi di nuovo in aumento. "C'è molta richiesta di funghi selvatici. Questo perché è di nuovo la stagione dei prodotti selvatici. Ma l'offerta è limitata e i prezzi sono alti. Sono anche ricominciate le vendite di verdure invernali, come i cavoletti di Bruxelles e le pastinache".

"Proprio come le mele e le pere. Come straordinaria è l'elevata domanda di piccoli frutti belgi. Le persone vogliono sapere sempre più da dove provengono i prodotti. Questo sta diventando sempre più importante, per loro. Secondo me, si tratta di uno sviluppo interessante", conclude Geert.

Per maggiori informazioni:
Geert Baecke
Tino's Fruit
55 - 57 Sluis Street
8300, Knokke-Heist, Belgium
Tel: +32 (0) 506 12 201
Mob: +32 (0) 475 606 133
Email: geert@tinos.be        
Website: www.tinos.be


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto