Ulteriori miglioramenti varietali nel segmento dei mirtilli

Lo sviluppo varietale dei mirtilli continua a fare passi da gigante. Ma c'è ancora un ampio margine di miglioramento, a tutti i livelli della catena del freddo.

Michael Dossett (in foto), ricercatore della BC Berry Cultivar Development Inc., ha parlato di recente in occasione dell'evento virtuale del U.S. Highbush Blueberry Council circa le novità nella genetica del mirtillo. "Tutte le varietà attualmente coltivate su larga scala presentano qualche difetto. La selezione varietale però cambia le regole del gioco", dice. "Anche se stai rilasciando qualcosa che rappresenta un miglioramento - sempre con la speranza che i coltivatori sappiano coltivare una nuova varietà - riteniamo che ci sia sempre margine di miglioramento e continuerà a essere così".

Ecco alcune delle tendenze che Dossett intravede oggi nello sviluppo del settore del breeding dei piccoli frutti.

FOCALIZZARSI SULLA QUALITÀ: In termini di qualità, le caratteristiche più importanti su cui ci si concentra sono la compattezza e i calibri, dice Dossett. "E' anche bello vedere che si dà sempre più importanza al sapore. Dal momento che le persone possono scegliere fra più prodotti, nel prossimo futuro il livello di apprezzamento cambierà e mangeremo varietà migliori e più aromatizzate per continuare ad avere i nostri frutti sul mercato".

RICAVI DEL COLTIVATORE: Lo sviluppo riguarda ovviamente anche i ricavi del coltivatore, da tenere sempre presenti nei programmi di selezione. "Che si tratti di rese, resistenza ai patogeni o risparmio di manodopera attraverso la raccolta meccanica, o di come rendere meno costosa la potatura, sono tutti ambiti su cui i breeder stanno lavorando", afferma Dossett.

COMPETITIVITA': "Il settore della selezione varietale è estremamente competitivo, in questo momento, e lo sarà sempre di più. I coltivatori avranno un’ampia varietà di scelta", dice Dossett. "Man mano che il mercato della frutta si affolla sempre di più, la genetica diventerà la chiave per i coltivatori e i confezionatori che vogliono differenziare i loro frutti e tirare fuori il massimo valore dal loro prodotto, per rimanere produttivi come azienda agricola". Dossett aggiunge che varietà differenti ed eccezionali daranno ai coltivatori l'opportunità di sviluppare i mercati, ma solo se le loro pratiche di produzione potranno sfruttare il potenziale genetico che stanno acquisendo.

SVILUPPO DELLE LICENZE: Gli accordi di licenza e commercializzazione rifletteranno questi sviluppi in futuro. "Le opzioni di licenza saranno più complesse e probabilmente più costose. La selezione varietale non è economica", afferma Dossett, osservando che tutti i programmi di breeding seri producono migliaia se non 10.000 e più piante all'anno. Il tempo e le risorse necessarie nella raccolta delle informazioni, lo screening dei componenti, l'identificazione dei marker per i tratti genetici su cui è necessario concentrarsi, sono tutti coinvolti in questo progresso. "Questo è incluso nel costo", aggiunge Dossett.

Foto: U.S. Highbush Blueberry Council 

PARTICOLARE ATTENZIONE ALLE AMMACCATURE: Con l'industria concentrata sulla compattezza, quando si tratta di selezionare i piccoli frutti al fine di svilupparne uno adatto alla raccolta meccanica, è necessario fare attenzione alle ammaccature. "I piccoli frutti possono essere compatti e anche croccanti, ma sono anche abbastanza suscettibili alle ammaccature dovute all'utilizzo delle macchine", dice Dossett, e aggiunge che vanno considerati anche i calibri ottimali. "Ci sono sempre piccoli frutti molto grandi sul mercato – e su molti mercati sono assai apprezzati. Ma più sono grandi i calibri, maggiore è la forza con cui il piccolo frutto colpisce il piatto o la linea di confezionamento, con un rischio maggiore di ammaccature", dice Dossett.

CONCENTRAZIONE SULLA MATURAZIONE: "Quando matura un mirtillo? Con i piccoli frutti sempre più compatti, una delle situazioni che ne deriva è che diventano blu prima che siano completamente maturi", dice Dossett. Ma come si valuta la maturazione di queste bacche? "I coltivatori vogliono essere efficienti e raccogliere nel minor numero di passate possibile. Se lasci i frutti sulle piante, potrebbero diventare blu in due settimane, accanto a frutti che hanno raggiunto la colorazione da soli due giorni, e la qualità di quei piccoli frutti sarà molto diversa". Bisogna concentrarsi sull'uniformità nella colorazione e nella maturazione.

Alla fine, Dossett parla anche dei coltivatori che stanno prendendo in considerazione la sostituzione delle varietà più vecchie con quelle più nuove. "Ogni azienda agricola è diversa, quindi dedicate uno spazio nella vostra impresa per piantare e testare nuovo materiale", suggerisce Dossett. "Contattate i vivai ogni anno, o a intervalli di alcuni anni, per testare le piante e verificare quella che funzionerà o non funzionerà nella vostra azienda. I coltivatori dovrebbero valutare il nuovo materiale non appena esce in modo che, quando sono pronti a convertire la superficie, abbiano un piano a disposizione".

Per maggiori informazioni
Michael Dossett
BC Berry Cultivar Development Inc.
Email: mdossett@mail.ubc.ca


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto