Avvisi



















Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Romain Cools, segretario generale di Belgapom

Questa potrebbe rivelarsi la stagione piu' difficile degli ultimi 50 anni per le patate dell'Europa nord-occidentale

Di recente, l'associazione dei coltivatori di patate dell'Europa nord-occidentale (NEPG) ha presentato la stima del raccolto per la stagione 2020/21. Si calcola che le rese delle patate saranno comprese tra 27 e 27,3 milioni di tonnellate, riferite ai cinque Paesi più importanti dell'Europa nord-occidentale nella coltivazione di tuberi.

"Questi risultati corrispondono alle informazioni che abbiamo ricevuto dalle varie parti", afferma Romain Cools della belga Belgapom. "Secondo alcuni, ciò potrebbe rivelarsi un anno disastroso. Ma i raccolti sono in realtà sorprendentemente superiori alle stime di molti operatori".

"Ci sono grandi differenze tra lotti, varietà e regioni. Il Belgio non sta andando così bene a causa delle minori precipitazioni e una capacità d'irrigazione più bassa. Non è un caso che si è aperto un dibattito con i vari settori e anelli della filiera, oltre che con il governo, per elaborare una nuova politica di gestione idrica per la nostra agricoltura e orticoltura. Se consideriamo le cifre, vediamo che siamo appena sopra la media degli ultimi cinque anni. Sono stati anni difficili. Guardando i numeri degli ultimi dieci anni, la produzione di patate sta dando risultati inferiori", dice Cools.

Protezionismo
Di contro, il mercato non è favorevole come le rese, secondo Cools. "Il protezionismo sta facendo capolino in alcuni Paesi. Trump, Putin e i cinesi stanno alimentando questi fuochi. Il mercato libero non è più scontato. Questo è in parte dovuto alla pressione del Covid-19. L'Europa è una chiara eccezione, ma penso che al momento siamo praticamente soli".

Il protezionismo non è l'unico problema. "Abbiamo verificato che le vendite del mercato locale non sono ancora ai livelli pre-crisi da coronavirus. Certamente non per il settore Horeca. Le vendite al dettaglio, tuttavia, stanno andando bene. Ma queste non compensano il calo delle esportazioni e delle vendite al settore dell'ospitalità e della ristorazione".

Brexit
"Ci sono anche continui focolai da coronavirus. Si guardi il Brasile, un Paese importante per le nostre vendite. La ciliegina sulla torta è che il Regno Unito lascerà l'Ue alla fine dell'anno. Ma nessuno sa cosa succederà dopo nel Paese. Dobbiamo renderci conto che la trasformazione delle patate britanniche è nelle mani di aziende canadesi e americane", continua Cools.

"Eventuali cambiamenti di mercato potrebbero risultare catastrofici per la regione del Benelux. Dopo tutto il Regno Unito è il secondo mercato d'esportazione più importante per il Belgio e i Paesi Bassi. Sfortunatamente, devo ammettere che il futuro a breve termine non è roseo, quando si tratta di vendite. Se quest'anno avessimo avuto una super resa, penso che si sarebbe ripetuta la disatrosa stagione passata".

CIPC
"Se parliamo delle sfide, penso che le esportazioni verso i Paesi terzi diventeranno molto difficili, a causa del divieto europeo all'uso del Clorprofam (CIPC). Dovremo aspettare per vedere come l'intero settore pataticolo europeo affronterà le alternative alla conservazione del raccolto attuale. I coltivatori sperano di conservare le patate fino a maggio-giugno, utilizzando sostanze naturali. Ma alcune aziende hanno fatto studi che annullano ufficialmente questi risultati. Quindi mi aspetto problemi nel corso della stagione", spiega Cools.

"Senza considerare la strategia 'Farm to Fork' della Commissione europea, che fa parte del 'Green Deal'. Nessuno può negare che stiamo affrontando una sfida climatica estremamente difficile. Di recente la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, ha annunciato che l'Europa sosterrà fortemente il Green Deal. La coltivazione, il commercio e la trasformazione delle patate cambieranno radicalmente nei prossimi anni. Considerando tutte queste sfide - più le difficoltà legate al coronavirus - penso che questa potrebbe essere la stagione più dura degli ultimi 50 anni".

"Non dobbiamo dimenticare neanche i nuovi (temporanei) livelli massimi di residui (LMR). Questi saranno applicati dalla stagione 2021/22. Non so se tutti gli agricoltori che immagazzinano patate ne siano consapevoli. Devono pulire a fondo i loro magazzini per rimanere al di sotto di questo standard temporaneo. Se non lo faranno, potrebbero avere letture superiori dei LMR. Il governo chiederà quindi che tutte le patate immagazzinate vengano distrutte, a spese del coltivatore", dice Cools.

"Non è solo una perdita enorme per l'agricoltore, costerà anche tanto distruggere e rimuovere queste patate. Qualcuno potrebbe non credermi. Ma nei prossimi mesi Belgapom prenderà campioni in 1.000 magazzini. Vogliamo vedere se le patate immagazzinate sono già al di sotto di questo LMR temporaneo. Abbiamo bisogno di questi dati per convincere la Commissione europea che abbiamo bisogno di questa misura. In secondo luogo, è uno strumento per capire se i coltivatori sono pronti".

Mercato del fresco
Nonostante tutte queste difficoltà, ci sono anche sviluppi positivi nel settore delle patate. "Il mercato del fresco sta sicuramente andando meglio. Purtroppo costituisce solo una parte limitata del nostro settore pataticolo nel suo complesso. Si spera di poter mantenere questa tendenza. Ma l'attuale clima autunnale non favorisce la crescita del consumo di patate. Solitamente vediamo aumentare il consumo di patate a settembre", aggiunge Cools.

"Faccio il tifo soprattutto per l'industria della trasformazione che, sia a livello nazionale che globale, non si è ancora ripresa. Si sta confrontando con il crescente protezionismo di alcuni Paesi. Ci sono altri cambiamenti importanti, come la sostituzione del CIPC. Questo è qualcosa che i produttori nel resto del mondo non devono (ancora) affrontare".

"Sfortunatamente, questi sono tempi difficili per questo ottimo prodotto. Molti in Belgio, Paesi Bassi, Francia e Germania si affidano all'industria delle patate. Quindi è fondamentale che le persone, compresi i politici, prendano sul serio questo settore. I nostri fornitori, coltivatori, commercianti e trasformatori sperano che il governo li sostenga in questo momento difficile. Il supporto a livello di competizione internazionale, oltre che di libero scambio, è particolarmente importante. Questo deve facilitare la transizione da un periodo di utilizzo del CIPC a uno senza", conclude Cools.

Per maggiori informazioni
Romain Cools
Belgapom
3 Sint-Annaplein
9290 Berlare - Belgio
Email: Romain@fvphouse.be      
Web: www.belgapom.be


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto