Avvisi

















Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Facilita' e convenienza

CO₂ Correct per compensare le emissioni di anidride carbonica anche nel settore ortofrutticolo

Stephan Schneider ha lavorato per alcuni anni come commerciale nel settore ortofrutticolo olandese. Quest'anno ha fondato una sua società, denominata CO₂ Correct attraverso la quale vuole rendere accessibile al settore ortofrutticolo la compensazione delle emissioni di anidride carbonica. "Volutamente non mi riferisco al concetto di 'CO₂ neutrale'. Ogni flusso commerciale genera emissioni di gas serra, indipendentemente da quanto sia sostenibile la filiera. Ma con questo nuovo approccio, è facile compensare tali emissioni. Ed è anche sorprendentemente conveniente".


Stephan Schneider

"Compensare la CO₂ è un processo complicato. Richiede calcoli costosi e complessi, come l'Analisi del ciclo di vita. Con la soluzione CO₂ Correct, affrontiamo le cose in modo diverso. Il mio partner, CE Delft, fornisce i calcoli. Usiamo dati ben noti. Anche quando le cose sono incerte, possiamo essere certi dell'impatto della CO₂".

"Questa sovra-compensazione significa che evitiamo calcoli aggiuntivi non necessari e costosi e, inoltre, ha anche un impatto immediato", afferma Stephan con entusiasmo. "Tutti i tipi di frutta e verdura sono inclusi in questi calcoli. Il nostro database contiene informazioni su oltre 500 varietà di prodotti ortofrutticoli".

Un semplice foglio di calcolo 
"Il processo è semplice. Le organizzazioni che vogliono far fronte alla loro impronta di carbonio, aderiscono alla CO₂ Correct. Ogni membro completa un breve foglio di calcolo. Questo contiene informazioni sulle produzioni che si intendono compensare. In pochi giorni, la CO₂ Correct calcola l'impronta di compensazione. Fornisce anche un prezzo compensato per kg di frutta o verdura. Possono quindi vendere questi prodotti come CO₂ compensati. Possono anche apporre l'etichetta CO₂ Correct sulla loro etichetta (privata)".

 

"I dati di vendita trimestrali vengono condivisi con la CO₂ Correct. L'azienda riceve una fattura per la correzione del loro impatto di CO₂. I costi di compensazione sono solo di pochi centesimi al kg, dipende dal Paese di origine e di destinazione", spiega Stephan. Pertanto, la compensazione di CO₂ di un kg di pere argentine è di circa  0,02 euro. Per 500 g di pomodori olandesi, costa circa 0,015 euro. E per 2 kg di arance spagnole, la compensazione per la CO₂ è di poco superiore a 0,02 euro/ kg.

Questi calcoli includono diversi fattori: l'origine, il metodo di coltivazione, l'imballaggio, il trasporto e la distribuzione. "Troppo spesso la sostenibilità è associata al passaggio a imballaggi rispettosi dell'ambiente. Tuttavia, è necessario considerare l'intera catena. L'imballaggio è solo una parte del problema. Inoltre, molte nuove alternative di confezionamento spesso non sono sostenibili come sembravano inizialmente".

"La compensazione di CO₂ non dovrebbe nemmeno essere vista come una correzione degli errori del passato. Mi aspetto che i membri della CO₂ Correct, nelle loro agende strategiche, adottino obiettivi concreti di sostenibilità. Troppo spesso, la sostenibilità è ancora un concetto vuoto. Questo mentre il settore ortofrutticolo è obbligato a partecipare attivamente al raggiungimento di tale obiettivo. Il riscaldamento globale ha colpito questo settore sempre più duramente, nel corso degli anni. Siccità e piogge eccessive si verificano sempre più spesso. Noi, come settore, dobbiamo cercare di limitarlo", aggiunge Schneider.



Strategia di sostenibilità
"I rivenditori chiedono sempre di più al proprio fornitore di attuare anche politiche di sostenibilità, e ridurre il nostro impatto ambientale è un passo fondamentale per realizzarle. Tutto ciò che influisce sull'ambiente, come l'utilizzo di materie prime, può essere collegato a un determinato impatto in termini di CO₂. Questo rende la compensazione della CO₂ un passo estremamente efficace verso un futuro sostenibile. All'interno della rete, i membri sono supportati nello sviluppo di una strategia di sostenibilità. La conoscenza viene condivisa tra i membri, che possono utilizzarla per ridurre il loro impatto ecologico".

Progetti equosolidali per il clima
"La compensazione della CO₂ viene effettuata sostenendo i progetti sul clima gestiti dal nostro partner, FairClimateFund. Abbiamo iniziato con un progetto che fornisce biogas alle case in India. Le famiglie possono usarlo per cucinare in modo più sicuro, senza avere più bisogno di tagliare la legna. E' inoltre possibile utilizzare il sottoprodotto del gas anche come fertilizzante agricolo".

"Non appena avremo una capacità sufficiente, vogliamo avviare diversi progetti nei Paesi di origine dei fornitori", continua Stephan. "Questi progetti climatici riducono la CO₂ e la deforestazione. Aiutano anche a migliorare le condizioni di vita delle persone in queste aree in via di sviluppo. I progetti sono certificati Fairtrade e generano Gold Standard / Fairtrade Carbon Credits".

"Voglio creare un'organizzazione accessibile e aperta, e che opera in totale trasparenza. Questo riguarda entrate, spese e investimenti in ulteriori progetti sul clima. Quindi, stiamo lavorando a stretto contatto con i partner su questi progetti. Operiamo anche con le Analisi del ciclo di vita e, naturalmente, una società affidabile di contabilità. Verificheranno e approveranno i nostri rapporti annuali. Pubblicheremo tutto sul nostro sito web. Un'iniziativa come questa richiede la completa trasparenza", conclude Stephan.

Per maggiori informazioni:
Stephan Schneider
CO₂ Correct B.V.
Weesmeesterstraat 5
2645 MC Delfgauw
Mob: +31 (0)6 51 34 86 14
stephan@co2correct.com
www.co2correct.com 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto