Avvisi









Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Heinz Schacht (Fruchtgroßhandel Schacht) sulla crisi Covid-19

Il peggio sembra essere passato

All'inizio della crisi legata al Coronavirus, c'è stata una corsa all'accaparramento di alcuni prodotti ortofrutticoli, ma non ha riguardato le vendite di mele e pere. "Non ne abbiamo risentito molto, nel senso che finora sono state vendute le quantità abituali", afferma Heinz Schacht (nella foto a destra), proprietario della Johannes Schacht Fruchtgroßhandel LLC, con sede a Jork (Bassa Sassonia, Germania).

La chiusura del settore della ristorazione ha avuto i suoi effetti anche presso lo stand del mercato all'ingrosso di Schacht, ad Amburgo. "Le vendite si sono soprattutto spostate nel settore al dettaglio e nei mercati settimanali. Nel complesso, si è raggiunto un equilibrio. Ora, con la graduale riapertura del canale Horeca, il peggio sembra essere passato".

Soprattutto nel settore delle pomacee, l'impatto della crisi è stato limitato. Schacht dichiara: "Proprio come in altri settori, c'è stata un po' più di pressione sulla vendita di generi alimentari, perché a volte non siamo stati in grado di trasportare le merci velocemente, come avremmo voluto. In alcuni casi, la logistica ha dovuto affrontare enormi sfide".

Prezzi alti, scorte limitate
Secondo il grossista specializzato, queste condizioni eccezionali hanno avuto solo un impatto limitato sul mercato delle pomacee. "Il livello dei prezzi delle mele quest'anno è leggermente più alto rispetto a quello precedente. Tuttavia, ciò non è dovuto alla crisi, ma alle scorte limitate. Attualmente, frutti quali la Elstar sono compresi tra 1,10-1,20 euro/kg. Le varietà club, d'altra parte, sembrano beneficiare leggermente meno della situazione, in termini di prezzo. La Kanzi, ad esempio, viene scambiata intorno a 1,80 euro/kg. L'anno scorso la situazione era esattamente l'opposto: avevamo ampi stock e prezzi molto più bassi. Ciò significava che in alcuni casi, si potevano commercializzare insieme mele vecchie e nuove. Quest'anno, all'inizio della nuova stagione, il vecchio raccolto sarà già terminato".

Le mele locali, preferibilmente regionale e proveniente dalla zona dell'Alte Land, sono sempre state il prodotto di punta dell'azienda. Di recente, si sono avute delle gelate in quelle piantagioni. "Se, e fino a che punto, le gelate tardive abbiano colpito i frutti, lo potremo determinare solo a luglio. A quel punto saremo in grado, di conseguenza, di valutarne l'allegagione", spiega Schacht. "Questo vale anche per le pere che fioriscono prima delle mele. Al momento sembra che le pere non abbiano sofferto delle gelate. Di contro, ci saranno sicuramente delle perdite per le ciliegie domestiche, in particolare le varietà precoci".

Fragole: piccolo gap sul mercato
L'azienda Schacht è focalizzata anche sulle fragole, al momento. "Sta avvenendo la transizione a coltivazioni locali in campo aperto. Le merci provenienti da ambiente protetto stanno diminuendo rapidamente e, solo dalla prossima settimana, saranno disponibili sul mercato i prodotti tedeschi di campo aperto. Pertanto, non si può escludere un piccolo gap nella fornitura, con conseguente aumento dei prezzi".

Per maggiori informazioni
Heinz Schacht
Johannes Schacht Fruchthandels-Gesellschaft mbH
Gehrden 96
21635 Jork - Germania
Tel.: +49 04162 484 / +49 040 338639 (box al mercato all'ingrosso di Amburgo)
Fax: +49 04162 8476
Email: info@schacht-fruchtgrosshandel.de
Web: www.schacht-fruchtgrosshandel.de


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto