Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Dati Ismea dal 6 al 12 gennaio 2020

Calo di offerta per cavolfiori, indivia, lattuga e spinaci

Il calo delle temperature registrato all'inizio del mese di gennaio 2020 ha determinato un rallentamento delle attività vegetative delle colture in campo, con conseguente calo dell'offerta. Tale andamento si è osservato principalmente per cavolfiori, indivia, lattuga, spinaci. Per i carciofi raccolti nelle zone di produzione siciliane, si è osservato sia un calo della produzione, sia un calo della qualità del prodotto, fortemente danneggiato dalle gelate. Anche per i frutti ortivi in serra siciliani, si è rilevato un incremento delle quotazioni in particolare per melanzane, cetrioli e zucchine in seguito ai minori quantitativi immessi sul mercato. Stabili le quotazioni di patate e carote.

Ortaggi a foglia: un aumento delle quotazioni medie per lattughe, indivie, spinaci e radicchio Chioggia, a causa del freddo delle ultime settimane che ha interessato tutti i principali areali produttivi, dove ha determinato un rallentamento l'attività vegetativa delle colture in campo, con conseguente riduzione dei quantitativi immessi sul mercato e fisiologico aumento dei listini. Stabili i livelli invece per iceberg e per radicchio tipo Treviso.

Carote: valori invariati su tutte le piazze nazionali, dove si registra un equilibrio fra domanda e offerta.

Cavolfiori: anche per questa tipologia di prodotto, come per gli ortaggi a foglia, valori in aumento. L'incremento registrato è stato determinato della contrazione dell'offerta, dovuta al abbassamento delle temperature. Domanda interessata ed in lieve aumento.

Finocchi: come nelle scorse settimane, si è osservato un esubero di offerta, che non ha trovato un agevole collocamento, soprattutto sulla piazza crotonese.

Carciofi: in flessione i valori registrati nella settimana considerata. Sulle piazze sarde, i decrementi sono dovuti ad un aumento dei volumi di prodotto disponibile in mercato, mentre sui mercati siciliani, i cali sono dovuti a una riduzione del livello qualitativo dei prodotti, fortemente influenzato dalle gelate avvenute nel periodo. Alla ripresa delle attività di mercato dopo le feste natalizie, la domanda è stata in calo, fattore che insieme a quelli precedentemente descritti, ha influenzato la variazione dei livelli settimanali.

Patate comuni: come per le carote, stabili i valori osservati, in buona parte delle piazze di rilevazione.

Ortive a frutto in serra: Sulla piazza di Vittoria, per prodotti come melanzane, cetrioli e zucchine, alla diminuzione dell'offerta si è contrapposta una domanda stabile e le contrattazioni si sono concluse sulla base di prezzi tesi al rialzo. Quotazioni stabili per i peperoni. In calo i valori dei pomodori su base nazionale, soprattutto dovute alla flessione dei livelli di ciliegino, in cui l'incremento delle superfici occupate da questa coltura nell'ultimo periodo sul territorio siciliano, consente una costante presenza del prodotto sul mercato. In aumento invece i prezzi per i pomodori datterino, mentre sono stabili gli andamenti dei tondi lisci e dei tondi lisci a grappolo.

Fonte: ismeamercati.it


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto